mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeEventsMeetingIran - Parigi : 50.000 Iraniani a Villepinte applaudono Maryam Rajavi

Iran – Parigi : 50.000 Iraniani a Villepinte applaudono Maryam Rajavi

CNRI, 1 luglio – 50.000 iraniani riuniti, il 30 giugno 2007 al parco delle esposizioni di Villepinte, al nord di Parigi, chiamano il cambio di regime in Iran ed il sostegno internazionale per la principale organizzazione d’opposizione in Iran

ImageVillepinte parco delle esposizioni – il congressman Bob Filner (democratico di California) e lord Slynn of Hadley, ex giudice della Corte europea di Giustizia hanno assistito alla riunione di 50.000 iraniani, che accoglieva parlamentari e personalità internazionali sabato 30 giugno. I partecipanti hanno chiamato la piena applicazione della sentenza della Corte europea di Giustizia in cui annullava l’inserimento del nome dei Mojahedin del popolo di Iran (PMOI) nella lista del terrorismo.

Iran – Parigi : 50.000 Iraniani a Villepinte applaudono Maryam Rajavi

CNRI, 1 luglio – 50.000 iraniani riuniti, il 30 giugno 2007 al parco delle esposizioni di Villepinte, al nord di Parigi, chiamano il cambio di regime in Iran ed il sostegno internazionale per la principale organizzazione d’opposizione in Iran

Villepinte parco delle esposizioni – il congressman Bob Filner (democratico di California) e lord Slynn of Hadley, ex giudice della Corte europea di Giustizia hanno assistito alla riunione di 50.000 iraniani, che accoglieva parlamentari e personalità internazionali sabato 30 giugno. I partecipanti hanno chiamato la piena applicazione della sentenza della Corte europea di Giustizia in cui annullava l’inserimento del nome dei Mojahedin del popolo di Iran (PMOI) nella lista del terrorismo.

I partecipanti Hanno espresso il loro sostegno ad un cambio di regime in Iran. Oggi, 50.000 iraniani venuti da tutta l’Europa e dall’America settentrionale riuniti a Parigi per chiedere una politica di fermezza riguardo l’Iran. Contrariamente alla situazione imposta dal regime misogina in Iran, le donne erano presenti in maniera massiccia, mentre i giovani ed i rappresentanti delle diverse minoranze etniche lanciavano slogan. I 50.000 iraniani Hanno denunciato l’inserimento del nome della PMOI nell’elenco delle organizzazioni terroristiche. La diaspora iraniana, lanciavano gli slogan "Stato di diritto, giustizia, Ue, Ue, vergogna", "libertà è il nostro diritto inalienabile" ed ha espresso il sostegno ad un cambio democratico in Iran con presidente della Repubblica eletta del Consiglio Nazionale della  Resistenza Iraniana (CNRI), Maryam Rajavi. Nel suo discorso, la signora Rajavi ha denunciato il regime di Teheran ed i suoi scopi espansionistici. Ha notato che "il sollevamento generale del 26 ed il 27 giugno, iniziato dalla crisi della benzina, mostra il vero viso di una società esasperata alla soglia dell’esplosione". Questo sollevamento è la prova più oggettiva e più chiara delle rivendicazioni bollenti degli iraniani.

Vogliono il rovesciamento del regime dei mullà. Si tratta di una crisi che segna la fase terminale della teocrazia e la sua distruzione. Tutto ciò che gli Stati favorevoli al regime hanno puntato o preteso sul regime dei mullà, è risultato falso. Sostenevano che un embargo avrebbe spinto gli iraniani a sostenere il regime, possono aprire gli occhi ora e vedere questo sollevamento generale. E succede mentre l’etichetta di terrorista alla resistenza permette loro di controllare gli effetti delle sanzioni. Allora immaginate ciò che avverrà, il giorno quando quest’etichetta di terrorismo scomparirà!". "È tempo per l’occidente di vedere e riconoscere un Iran diverso". La soluzione del problema iraniano si trova con il popolo iraniano nelle vie dell’Iran e con noi", ha detto Mojgan una giovane donna che viene dalla Germania." È la prova che la Resistenza iraniana usufruisce il sostegno popolare quando chiama al cambio del regime e che gli iraniani respingono mullà, in tutte le loro fazioni. I mullà ed i loro dirigenti a Teheran sostengono integralisti. Un altro partecipante venuto dalla Norvegia ha dichiarato: "Troppo tempo è stato sprecato nei negoziati dell’Ue con il regime iraniano sulla crisi nucleare." È tempo che l’Occidente adotti una nuova politica." Galvanizzati e stimolato dalle risurrezioni e gli atti di protesta nel paese, i partecipanti hanno espresso la loro solidarietà con le donne, gli studenti ed i giovani in Iran. Quest’atmosfera allegra denunciava tuttavia una realtà crudele in Iran:  L’Iran è governato dai fanatici barbari non eletti che no nascondono il loro programma espansionistico. I dirigenti di questo regime considerano la popolazione, i paesi vicini e la Comunità internazionale come argomenti sui quali governare. Questa perversione delle norme islamiche è pericolosa non soltanto per gli iraniani, ma anche per la Comunità internazionale. La loro ideologia è intollerante, non riformabile e tutti gli sforzi intrapresi per cambiare il loro atteggiamento sono pericolosamente inutili. Gli iraniani sono decisi a rovesciare l’integralismo islamico in Iran. La politica internazionale non deve tergiversare più sulle rivendicazioni del popolo iraniano. Gli iraniani chiedono oggi che l’Unione europea, gli Stati Uniti e la Comunità internazionale non li ignorino più. Devono sostenere il loro appello al cambio di regime. Gli iraniani sanno meglio di chiunque che questa politica di condiscendenza non può realizzarsi ed incoraggia il bellicisme. Effettivamente, il ritiro rapido del nome dei Mojahedin del popolo dall’elenco del terrorismo è il criterio determinante riguardo a questa minaccia mondiale. Gli iraniani hanno soprattutto espresso il loro desiderio di vedere la fine della politica di condiscendenza con i mullà, dichiarando che è senza prospettiva e che da anni è il popolo ne paga il prezzo.

La prosecuzione della politica di condiscendenza dell’Ue con l’Iran ha condotto ad infrangere le sue leggi. Il rifiuto di applicare il giudizio del 12 dicembre 2006 della Corte europea di Giustizia è illegale. Il Consiglio dei ministri dell’Ue cerca di mantenere la PMOI nonostante assenza di prova ovvia e senza spiegazione giuridica né trasparenza legale. L’Unione europea deve rispettare ed applicare le decisioni della sua giustizia. Con tale misura, metterebbero innegabilmente fine alla politica di condiscendenza con il regime terroristico in Iran. Il mese di giugno ha un significato storico per la Resistenza Iraniana soprattutto a causa di due eventi centrali. Mentre nel mondo oggi si oppongono due visioni, quella di un mantenimento del regime e quella di un cambio nel regime in Iran; il 20 giugno 1981, gli iraniani sono stati i primi ad urtarsi alla realtà dura che i mullà non cercano convivenza, ma soltanto vogliono dominare. Questo giorno e meno di due anni dopo il loro arrivo al potere, i mullà hanno brutalmente schiacciato una manifestazione pacifica di 500.000 di persone a Teheran, con  centinaia di morti. Quest’evento ha segnato l’inizio di un regno di terrore. Segna anche l’inizio della resistenza. È anche per ricordare il 17 giugno 2003 l’incursione condotta a Auvers-sur-Oise da autorità francesi contro gli uffici del Consiglio nazionale della resistenza iraniana, su richiesta dei mullà. Derivando da un marchandage imbarazzato con Teheran, gli eventi del 17 giugno hanno costituito una tragedia per la lotta del popolo iraniano per la democrazia. Coronavano dieci anni di politica di condiscendenza economico, politico e diplomatico, che ha incoraggiato un regime repressivo brutale ed ha accelerato la sua corsa all’arma atomica.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,474FollowersFollow