sabato, Febbraio 4, 2023
HomeEventsMeetingIran-On. Acerbo : I Mojahedin del popolo non sono terroristi

Iran-On. Acerbo : I Mojahedin del popolo non sono terroristi

L’intervento dell’On. Maurizio Acerbo nella manifestazione di 30000 iraniani in 1 luglio a Parigi

ImageÈ un momento di grande commozione per noi della delegazione italiana parlare di fronte tutti voi. Per il rispetto che nutriamo per la lotta che da tanti anni porta avanti la Resistenza Iraniana.

Noi come voi vogliamo la pace, noi come voi non vogliamo che ordini nucleari, le bome atomiche  finiscano nelle mani dei regimi dittatori. Noi come voi vorremmo che che le armi atomiche scomparissero dalla pianeta. Nella nostra lingua la paroila resistenza è simbolo di libertà.

 Quest’anno la Repubblica italiana ha festaggiato i suoi sessat’anni, sessant’anni di libertà nata dalla resistenza, ed è per questo che noi riteniamo sbagliato, ingiusto, pericoloso e dannoso che una organizzazione come quella dei Mojahedin del Popolo Iraniana sia stata bollata, dalle autorità europee e americane come organizzazione terrorista. Terroristi sono i dittatori, terrorista sono coloro che usano la religione come strumento fascista per opprimere i popoli. Noi gli uomini e donne di sinistra, democratici e pacifisti italiani condanniamo la politica di guerra del governo americano, ma proprio per questo pensiamo che vanno appoggiate e sostenute da parte dell’Europa democratica tutte le forze che come Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana difendono la democrazia e la libertà per gli uomini e per le donne.

Noi cercheremo di fare tutti gli sforzi nel Parlamento italiano e in tutto il paese per modificare queste decisioni ingiuste affinche l’Europa dia il proprio sostegno alla Resistenza Iraniana, togliendo questa macchia che non fa giustizia alla nostra storia di resistenza e di democrazia.
Io vi ringrazio per la vostra ospetalità, auguro grandi sucessi alla Resistenza del popolo iraniano e aggiungo con le parole delle donne che combatterono contro la dittatura fascista in Argentina: l’unica lotta che si perde è quella che si abbandona.
Viva la resistenza!

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,932FollowersFollow