lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeComunicati StampaResistenza IranianaRivolta nazionale in Iran – 102esimo giorno

Rivolta nazionale in Iran – 102esimo giorno

Cerimonie commemorative di Kian Pirfalak e di altri martiri si sono svolte a Izeh, Sanandaj, Saqqez e Dashti, con i partecipanti che cantavano “Morte a Khamenei”
Lunedì 26 dicembre, 102esimo giorno della rivolta, alla cerimonia del 40° giorno del martirio di Kian Pirfalak, un bambino di 9 anni, a Izeh ha partecipato una grande folla che ha gridato “Morte a Khamenei”, “Morte al dittatore”, “Da Izeh al Kurdistan, sacrifico la mia vita per l’Iran” e “Con o senza hijab, avanti verso la rivoluzione”.
Il regime clericale prevede di giustiziare un prigioniero di nome Mojahed Kor Kor, arrestato durante uno scontro con l’IRGC e le forze del ministero dell’Intelligence, come assassino di Kian Pirfalak. Pertanto, i partecipanti alla cerimonia di Kian oggi hanno cantato “Se Mojahed viene giustiziato, ci sarà una rivolta a Izeh”.
Alla cerimonia del 40° giorno del martirio di Danial Paybandi, un adolescente di 17 anni, a Saqqez ha partecipato una folla commossa che ha gridato “Morte a Khamenei”, “Morte al dittatore” e “Curdi, beluci e azeri vogliono libertà e uguaglianza”.
La popolazione di Sanandaj ha onorato la memoria di Aram Habibi nel cimitero di Behesht Mohammadi nel 40° giorno del suo martirio e ha cantato “Morte a Khamenei” e “Il martire non muore mai”. I partecipanti hanno detto alla madre del martire: “Madre! non piangere per tuo figlio, lo vendicheremo”.
La cerimonia commemorativa di Hamed Molai nel 40° giorno del suo martirio si è svolta a Dashti nella provincia di Hormozgan. I partecipanti portavano un cartello con la scritta: “Hamed Molai, Soha Etebari, Kian Pirfalak, continueremo il vostro cammino”.
Soha Etebari, una ragazza di 12 anni di Bastak nella provincia di Hormozgan, è stata uccisa quando le forze repressive hanno aperto il fuoco sull’auto della sua famiglia a un posto di controllo la sera di domenica 25 dicembre.
La mattina presto del 26 dicembre, giovani ribelli hanno appiccato il fuoco alla base Basij a Kohandezh di Isfahan e altri hanno bruciato le immagini di Qassem Soleimani, ex comandante delle forze Quds, a Teheran lanciando bottiglie molotov.
Domenica 25 sera gli abitanti dei quartieri di Chitgar, Punak e Shahin Sud hanno inscenato proteste gridando “Morte a Khamenei, sia dannato Khomeini”, “Khamenei è uguale a Khomeini, questo è più infido di quello”, “Morte al sanguinario Khamenei”, “Morte a Khamenei, l’assassino”. A Karaj i manifestanti cantavano “Morte a Khamenei, morte ai Basiji, morte all’IRGC” e “Ci impegniamo per il sangue dei nostri compagni – resisteremo fino alla fine”. Bukan e Mahabad hanno assistito alle manifestazioni notturne di giovani che accendevano fuochi nelle strade e creavano blocchi stradali. Giovani ribelli hanno attaccato una base Basij a Saveh e un seminario ad Ahvaz usando bombe molotov.
La signora Maryam Rajavi, presidente-eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI), ha detto che durante la cerimonia del 40° giorno del martirio di Kian Pirfalak e di altri martiri in varie città le persone hanno evidenziato la causa principale del martirio di questo bambino innocente e la morte di centinaia di migliaia di altri bambini e giovani di questo Paese gridando “Morte a Khamenei”. Realizzando questo slogan da parte del popolo iraniano e della Resistenza, l’arcobaleno della libertà apparirà nel cielo del nostro Paese in un prossimo futuro.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI)
27 dicembre 2022

 

 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,910FollowersFollow