lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeComunicati StampaResistenza IranianaIncontro a Washington sulle prospettive della rivolta in Iran e sulle valide...

Incontro a Washington sulle prospettive della rivolta in Iran e sulle valide opzioni politiche

Sabato 17 dicembre, celebri politici americani hanno partecipato a una conferenza a Washington D.C., in solidarietà con la rivolta nazionale iraniana. All’evento, organizzato dall’Organizzazione delle Comunità Iraniano-Americane (OIAC), è intervenuta anche la presidente-eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI), come relatrice principale.
I relatori hanno fornito raccomandazioni politiche a proposito della rivoluzione in corso in Iran e della responsabilità della comunità mondiale nel sostenere la legittima richiesta del popolo iraniano di un cambio di regime. Hanno anche evidenziato il ruolo della Resistenza organizzata nell’attuale rivolta.

Nelle sue osservazioni di apertura, la dottoressa Soolmaz Abooali ha dichiarato: “La rivolta si concentra sul rifiuto del regime nella sua interezza. Coloro che manifestano hanno anche chiarito che il loro obiettivo non è tornare alla tirannia dello scià. Il popolo iraniano aspira a un futuro luminoso. Le donne hanno svolto un ruolo significativo e di primo piano in questa rivolta. Anche la generazione Z sta giocando un ruolo di primo piano. Hanno mentori nelle generazioni precedenti. Hanno visto i loro genitori schierarsi contro i mullah e sono determinati a continuare la lotta fino alla vittoria. Molti di questi giovani hanno scelto di unirsi alle Unità di Resistenza”.

Maryam Rajavi, presidente-eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran:
“Oggi il mondo soffre per il terrorismo, la guerra e l’insicurezza di cui è responsabile la tirannia religiosa in Iran, ma il nostro messaggio di oggi è che la rivolta dell’Iran può portare un dono per il Medio Oriente e per il mondo: pace, amicizia e coesistenza pacifica.
Il regime vuole assicurarsi che i negoziati sul nucleare con il gruppo P5+1 continuino perché ha bisogno di continuare i colloqui con l’Occidente per reprimere e affrontare le rivolte.
Il popolo iraniano è insorto per sconfiggere il mostro della repressione e del terrorismo. Ha scelto di pagare il prezzo della libertà con il proprio sangue. Possa il mondo insorgere in solidarietà”.

Ex Segretario di Stato Mike Pompeo:
“Vorrei iniziare rendendo merito alla presidente-eletta Maryam Rajavi e alla sua guida del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran che sta gettando le basi per una repubblica libera, sovrana e democratica in Iran.
La libertà è assolutamente in marcia e tutti noi dobbiamo unirci e dire con una sola voce che il popolo iraniano merita la sua libertà fondamentale: è quello che sta chiedendo.
Il mondo si sta finalmente rendendo conto del fatto che il regime non rappresenta il popolo iraniano. Il futuro dell’Iran non dipende dal regime teocratico radicale che ha preso il potere nel 1979. Dipende dai coraggiosi manifestanti che da mesi chiedono la libertà fondamentale e la fine di questo regime.
Il futuro dell’Iran ovviamente, come tutti sappiamo e per come, durante il mio periodo come Segretario di Stato, ho lavorato diligentemente, è nelle mani del popolo iraniano.
In questo momento, però, la fondazione controrivoluzionaria del regime teocratico è al centro dei molteplici conflitti dell’Iran.
C’è un conflitto che è molto importante da comprendere e apprezzare per riportare l’Iran al suo giusto posto nella storia. Questa è la lotta centrale. È quello che stiamo vedendo svolgersi mentre sediamo qui oggi a Washington DC. È la lotta nelle strade, nelle moschee e nelle menti del popolo iraniano. È il divario tra il popolo e l’opposizione organizzata che cerca la libertà e la democrazia da una parte e l’intero regime dall’altra. Gli iraniani vogliono crescere nella fede e nella cultura e permettere alle loro famiglie di prosperare.
È innegabile che il regime miete il raccolto di sofferenza e morte in Medio Oriente a spese dei propri cittadini. Il regime è guidato dall’Ayatollah, da Ebrahim Raisi e dall’IRGC. È rivoluzionario nei suoi sforzi e nel suo zelo. È brutale, è teocratico, è vile e anche cleptocratico. La sua leadership ha ucciso i suoi a migliaia.
Non c’era alcuna speranza di moderare o cooperare con il regime guidato da tali uomini. Sapevamo che la differenza tra Zarif e Rouhani e l’Ayatollah era insignificante. Abbiamo respinto questa idea nell’amministrazione Trump. Era importante perché il popolo iraniano stava guardando e valutando la nostra comprensione del regime.
Questa non è una questione di parte. Questo è importante per ogni americano, ogni essere umano, e tutta l’America ha bisogno di capirlo bene.
Molte delle stesse persone della squadra di Obama stanno ora iniziando a capire che l’approccio di questa amministrazione non avrà successo.
La nostra cooperazione con le nazioni alleate per ridurre le capacità esterne del regime ha avuto un impatto reale sulla sua capacità di fomentare il terrore anche contro il proprio popolo. Non solo con i mezzi militari, ma anche con la guerra dell’informazione. Combattere contro di esso è stato fondamentale per il successo di questa missione e sarà fondamentale per il suo continuo successo.
Dopo soli venti mesi, la campagna di massima pressione aveva cominciato a dissanguare il regime. Questo contava per i nostri amici e alleati nella regione. Era importante per gli Stati arabi del Golfo ma, cosa più importante, sapevamo che alla fine avrebbe avuto importanza per lo stesso popolo iraniano.
Le Unità della Resistenza in Iran, quei nobili patrioti iraniani, erano forti come non lo erano mai state. Il loro ottimismo era aumentato, e giustamente. La popolazione all’interno del Paese sapeva di avere un’amministrazione che la sosteneva.
Si sono visti chiaramente gli effetti del lavoro che abbiamo fatto quando l’elezione di Raisi, poco più di un anno fa, è stata uno dei punti più bassi del regime. L’affluenza è stata la più bassa dal 1979, segnando un totale rifiuto del regime da parte del popolo. Penso che le proteste che vedete oggi tengano conto anche del fatto che si tratta di un uomo privo di ogni legittima autorità.
Queste rivolte hanno scosso le fondamenta stesse del regime nella sua interezza. Il popolo iraniano non ripone alcuna speranza nelle elezioni supervisionate dall’Ayatollah. Non possono vederlo come un canale per il cambiamento e hanno sicuramente ragione. Ora, dopo 40 anni, il regime è al suo punto più incerto di sempre. Gli iraniani non solo a Teheran ma in ogni angolo della nazione possono vedere il fallimento del regime nel mantenere le proprie promesse.
Penso che ogni iraniano si stia avvicinando a lavorare per la visione condivisa di cambiare la natura stessa della leadership all’interno dell’Iran.
Raisi ha già fallito. Non è riuscito a reprimere le rivolte ormai da 90 giorni e certamente non è riuscito a spezzare il nobile spirito di dissenso tra il popolo iraniano. Non lo romperà.
Tutti noi dobbiamo essere pronti a schierarci con i nostri partner e alleati contro le minacce del regime.
Oggi, 40 anni di lavoro e 40 anni di resistenza contro la brutale repressione del regime sono ormai giunti al culmine. Posso sentirlo, potete vederlo, il mondo può vederlo e il movimento che stiamo vedendo oggi è chiaramente diverso da quello che è successo prima. Anche l’Ayatollah può vederlo; rivolte guidate da donne e dalla gioventù iraniana.
È anche da notare che non chiedono semplici riforme. Stanno chiedendo la libertà. Chiedono un governo che fondamentalmente tratti i suoi cittadini in modo diverso. Vogliono una repubblica democratica, laica e libera.
Teheran vuole screditare i manifestanti dipingendoli come guidati da agitatori stranieri. Non è così. Dicono che stanno sostenendo il ritorno di altri, di altre dittature; neanche questo è così. Vogliono la libertà.
Non ho visto un movimento disordinato. Piuttosto ho visto un fronte unito. Non ci sono molte fazioni in lotta in lizza per il plauso. È un popolo che chiede libertà.
Queste proteste implicano il profondo riconoscimento che il regime è incapace di cambiare. Il mondo intero, e in particolare l’amministrazione Biden, deve condannare costantemente, quotidianamente, ripetutamente, profondamente e incondizionatamente le sue minacce.
Tre mesi di proteste e rivolte potenti e inflessibili non accadono a caso. Non sono il prodotto di ingerenze straniere. Il regime ama mentire e dire che è così. Queste proteste sono il risultato di 40 anni di opposizione organizzata.
Se vogliamo impedire all’Iran di dotarsi di un’arma nucleare, dobbiamo esercitare pressioni affinché gli si neghino risorse. Il programma di sanzioni che abbiamo messo in atto è stato produttivo. È stato utile. Ma alla fine sarà il popolo iraniano a guidare il vero cambiamento”.

Ex Segretario al Commercio degli Stati Uniti Gary Locke:

“La signora Rajavi ha presentato un Piano in dieci punti per il futuro dell’Iran, governato dallo Stato di diritto, fondamentale per una società libera e giusta. E questo piano è stato approvato da più di 250 Democratici e Repubblicani al Congresso degli Stati Uniti.
Gli Stati Uniti d’America devono essere in piena solidarietà con il popolo iraniano e sostenere pienamente il suo desiderio di essere un popolo libero. State conducendo un’eroica rivolta contro un regime corrotto e brutale.
Il popolo iraniano ha sofferto troppo a lungo sotto l’attuale regime. E con le proteste, i disordini sociali e politici e le principali rivolte nazionali degli ultimi anni e ora la protesta nazionale degli ultimi mesi, è chiaro che il popolo iraniano vuole un cambiamento politico fondamentale che trasformi l’attuale sistema di fascismo religioso dispotico in governo laico democratico, con un sistema giudiziario equo e giusto indipendente.
Il popolo iraniano merita un governo che rispetti le norme democratiche, lo Stato di diritto e ponga i bisogni, i sogni e le aspirazioni del popolo iraniano al di sopra della repressione in patria e del terrorismo all’estero. È quindi fondamentale che gli Stati Uniti e le altre democrazie in tutto il mondo stiano dalla parte del popolo iraniano.
Oltre ad essere uno Stato sostenitore del terrorismo, il regime di Teheran continua a sopprimere i diritti umani fondamentali del suo stesso popolo. Le donne in Iran soffrono di un sistema di discriminazione e disuguaglianza.
Con ogni manifestante ucciso, il regime ha solo alimentato altre proteste. Due persone sono state giustiziate senza un giusto processo. Altri venti rischiano imminenti esecuzioni.
Le proteste in corso, guidate da donne e giovani, si sono trasformate in un appello generale al cambio di regime. Tutti vogliono una repubblica libera basata sulla separazione tra religione e Stato.
E non sono solo le donne che hanno sofferto sotto il regime. Le minoranze etniche in Iran sono tra i gruppi più soggiogati, disumanizzati e repressi.
Teheran deve essere trattata come il paria che è. Gli organismi internazionali, dalle Nazioni Unite al tribunale mondiale, devono ritenere i leader di regime responsabili di decenni di crimini contro l’umanità. Le nazioni di tutto il mondo non devono accondiscendere con l’Iran.
Il popolo iraniano ha pagato un prezzo pesante nella sua resistenza contro lo scià e contro l’attuale regime. Non potrà mai esserci un ritorno a una tale dittatura. La comunità internazionale deve stare con il popolo iraniano nella sua storica lotta per la democrazia.
Il presidente Abraham Lincoln, nel mezzo della guerra civile americana, credeva che la democrazia americana significasse pari diritti e pari opportunità per tutto il suo popolo, e i suoi pensieri di quel periodo turbolento suonano veri oggi. Lincoln ha detto che la democrazia è un governo del popolo da parte del popolo e per il popolo. Questo è ciò per cui voi e gli iraniani in tutto il mondo e nello stesso Iran state lottando”.

Ex direttore delle relazioni pubbliche della Casa Bianca Linda Chavez:
“Quello che stiamo vedendo oggi è un fenomeno non recente ma molto antico. In Iran, con il regime che è al potere da più di 40 anni, svolgere la propria quotidianità e vivere la propria vita come si preferisce non è, infatti, un’opzione.
Il regime entra in ogni famiglia, in ogni azienda, in ogni riunione per dettare come le persone devono comportarsi e non comportarsi.
Questa è una lotta che va avanti da molto tempo e non è solo una lotta nelle organizzazioni internazionali. Non è solo una lotta in posti come Washington DC o nello stesso Iran. La portata di questo regime è molto, molto ampia e molto, molto profonda. La portata dell’Iran e della sua dittatura omicida può raggiungere ognuno di noi se non la fermiamo, se non rovesciamo questo regime omicida.
Maryam Rajavi sta guidando la resistenza e la sua leadership, credo, è tanto più importante perché è una donna. Una delle cose che questo regime ha chiarito fin dall’inizio è che se puoi reprimere le donne in una società, controllerai quella società. Beh, diciamo di no a questo.
Questa è una lotta che è molto più grande. La gente vuole un cambio di regime. Vogliono che gli ayatollah se ne vadano. Non possiamo permetterci di stare seduti pigramente a guardare ciò che accade. Se non sosteniamo la popolazione, vedremo il regime fare cose che rendono la vita terribile, non solo per il popolo iraniano ma per tutto il mondo.
È importante riconoscere che mentre si deve avere il sostegno del popolo contro la dittatura, c’è anche bisogno del sostegno delle capitali di tutto il mondo. Dobbiamo assistere a un importante cambiamento di politica in questa amministrazione e tra i nostri leader. Dobbiamo smetterla di fingere che gli ayatollah siano persone onorevoli con cui negoziare trattati.
Dobbiamo perseguire una politica che dica: “Se tu punirai il tuo popolo, noi puniremo il tuo regime”. Non è possibile negoziare con questi delinquenti.
Il Piano in dieci punti della signora Rajavi può e deve essere il modello per un futuro Iran”.

Ex senatore e governatore del Kansas ambasciatore Sam Brownback:

“I giorni di questo regime sono contati e presto finiranno. Ciò che vediamo è una resistenza organizzata che ha una base ampia, diversificata, unificata, potente e che non si arrenderà. Questa è una resistenza che vincerà.
L’idea di una religione che gestisce un governo danneggia la religione, danneggia il governo e danneggia le persone, ed è quello che abbiamo visto accadere in Iran.
Alla fine il popolo governerà e supererà l’autocrate. Avete una meravigliosa nazione per popolazione e cultura. L’Iran che arriverà presto è una nazione aperta, libera, democratica e potente perché il potere del vostro popolo e della vostra cultura sarà liberato. Sarete rapidamente una stella nascente. Questo è ciò di cui siamo alla vigilia in questo momento.
Ho seguito l’Iran per un certo periodo di tempo e sono rimasto impressionato dagli iraniani che conosco e dalla cultura che avete. Persone che non hanno mai rinunciato alla democrazia. Ogni ondata di protesta è diventata più forte, più organizzata e più dirompente contro il regime. Questo è di gran lunga la più organizzata, più giovane, più dirompente e con il più ampio sostegno. Continuate a lottare finché non ottenete la democrazia che il vostro popolo merita. Continuate a lottare fino a quando il popolo non governerà.
Mi piacerebbe vederlo accadere e penso che potrebbe davvero aiutare a far avanzare quel movimento invitare Mariam Rajavi a Washington e fare una serie di interventi in America. Deve venire qui. Dobbiamo sostenere il popolo iraniano. Dobbiamo riconoscere il loro diritto a rovesciare la dittatura”.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,910FollowersFollow