lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeComunicati StampaX-NCRI FAC ChairIran: I morti per coronavirus in 317 città superano i 41.500

Iran: I morti per coronavirus in 317 città superano i 41.500

Iran Regime’s Infighting and Its Policy of Massacring People Amid COVID-19 Crisis

Oltre 41.500 morti di (COVID-19) nel bilancio delle vittime di Coronavirus in Iran dalle fonti del PMOI ( organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano)

Ministero della sanità del regime: “la situazione in Khuzestan fragile e instabile”.

Il Dirigente dell’ospedale Razi di Ahvaz: “la situazione è così grave che uno su due pazienti deve essere ricoverato in ospedale”

Maryam Rajavi presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana: “La situazione in Khuzestan è il sottoprodotto delle politiche criminali di Khamenei e Rouhani. Ancora una volta, le persone, specialmente i giovani altruisti, devono assumersi la responsabilità di aiutare i malati e i bisognosi, osservando le linee guida mediche.

L’Organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano (PMOI / MEK) ha annunciato il 14 maggio 2020 che il bilancio delle vittime del Coronavirus in 317 città in Iran aveva superato i 41.500. Il numero delle vittime a Teheran è 6.880, Qom 3.290, Gilan 2.690, West Azerbaijan 1.245, Sistan e Baluchestan 1.190, Lorestan 1.130, Hamedan 1185, Mazanderan 2535 e nel Khuzestan 2360.

Dopo che le persone sono state costrette a tornare al lavoro, la situazione nella provincia del Khuzestan sta peggiorando ogni giorno. Un portavoce del Ministero della Sanità ha dichiarato oggi: “Attualmente stiamo affrontando una situazione fragile e instabile nella provincia del Khuzestan”.

Oggi, la testata portavoce del governo Entekhab, citando la dirigenza dell’ospedale Razi di Ahvaz, ha scritto: “Il coronavirus si sta espandendo ampiamente in Khuzestan; la situazione è così grave che un paziente su due deve essere ricoverato in ospedale. Circa 60 pazienti con difficoltà respiratoria sono in terapia intensiva e versano in condizioni estremamente gravi … Questa malattia è orribile e selvaggia … Non abbiamo avuto così tanti pazienti prima, ma negli ultimi giorni abbiamo avuto molti pazienti. La situazione in Khuzestan , se possibile sta diventando ancora più critica. ”

Anche la situazione in altre province è terribile. Il 6 maggio 2020, l’agenzia di stampa ufficiale IRNA ha citato il vice governatore del Nord Khorasan, dicendo: “La nostra provincia è ancora in una situazione rossa in termini di diffusione del Coronavirus”. Ieri un altro quotidiano statale, Aftab News, ha citato il vicedirettore dell’Università di Medicina, dicendo: “L’attuale situazione della Provincia in termini di diffusione del Coronavirus è sei volte peggiore di quella che era il 19 marzo 2020, e la maggior parte dei casi si è verificata negli ultimi quattro giorni “.

Nel frattempo, Hassan Rouhani , continua a divulgare menzogne audaci sul mercato azionario, un altro mezzo per frodare la gente, coprire la crisi e distogliere l’attenzione del pubblico. Tuttavia, un nuovo deputato del parlamento, Ahmad Naderi, è stato citato oggi dal quotidiano statale Resalat, affermando: “La bolla del mercato azionario scoppierà e sono fortemente preoccupato per le ripercussioni sociali e sulla sicurezza. Incombenti gravi rivolte, anche maggiori di quelle del 2017 e del 2019 e certamente più grandi degli anni ’90, ”

Il quotidiano statale Jahan Sanat ha avvertito oggi: “Se il governo non riconsidererà le sue politiche, le persone esploderanno come vulcani”. Un altro quotidiano statale, Arman Melli, scrisse: “Dobbiamo tutti essere vigili per non essere sorpresi dall’esercito della ribellione affamata”.

La signora Maryam Rajavi, ha reagito alle conseguenze a cui sono state costrette le persone indifese tornando a lavoro e all’intensificarsi della crisi in Khuzestan. Ha affermato che la situazione nella Provincia è il sottoprodotto delle politiche criminali di Khamenei e Rouhani. Si sono rifiutati di pagare gli stipendi dei dipendenti, anche temporaneamente,dai fondi dello stato che loro e i Pasdaran controllano. Invece, hanno immolato le persone sull’altare del Coronavirus senza fornire loro supporto medico e dispositivi.

La signora Rajavi ha aggiunto: ancora una volta, le persone, in particolare i giovani altruisti, devono assumersi la responsabilità di aiutare i malati e i bisognosi osservando le linee guida mediche.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,449FollowersFollow