martedì, Febbraio 7, 2023
HomeComunicati StampaGeneraleMaryam Rajavi: Capodanno iraniano, un anno di grandi passi verso la libertà...

Maryam Rajavi: Capodanno iraniano, un anno di grandi passi verso la libertà in Iran

Maryam Rajavi: l'anno trascorso è stato l'anno della rivolta, Ashraf e sgretolamento del governo clericale, e il nuovo anno sarà l'anno di nuovi passi verso la libertà e il governo popolare

Image

CNRI – Dato che il nuovo anno persiano inizia il 20 marzo, la signora Maryam Rajavi, Presidente eletta della Resistenza Iraniana, ha acclamato i valorosi martiri della rivolta del popolo iraniano nel corso degli ultimi anni ed i martiri di Campo Ashraf la scorsa estate. Si è congratulata con il popolo iraniano che con la sua determinazione e tenacia nell’affrontare la tirannia dei mullah ha illustrato il vero messaggio di Nowrouz, l'Anno iraniano.

La Sig.ra Rajavi ha definito lo scorso anno come l'anno di Ashraf, della rivolta e del crollo del sistema del velayat-e faqih (governo clericale assoluto), e il nuovo anno iraniano (1389) come l'anno dei nuovi passi verso la libertà ed il governo popolare. I mullah hanno fallito l'anno scorso nel reprimere la rivolta e l'eliminazione di Ashraf, ha detto.

Il regime cerca invano di intimidire le persone e di sedare la rivolta, con le sue Guardie Rivoluzionarie, i paramilitari Bassij e innumerevoli altri organi repressivi, ma la rivolta non sarà fermata e vi è una tale tempesta che sarà inevitabilmente sradicare il regime dei mullah .

Il popolo iraniano e chi cerca una nuova vita politica e sociale nel paese desidererebbe inevitabilmente che il dominino del clero, con tutte le sue fazioni interne, siano sradicate e la struttura politica e le istituzioni del regime, in particolare la sua costituzione, distrutte.

La Sig.ra Rajavi ha ribadito che l'anno che si è concluso è stato l'anno in cui gli appeasers sono stati screditati sulla scena internazionale. Hanno fatto di tutto per coinvolgere il fascismo religioso. A vantaggio dei mullah, hanno rinviato le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e hanno falsificato le elezioni presidenziali dei mullah ancor prima che avessero luogo. Ma hanno solo contribuito a rendere il regime più vicino ad ottenere un'arma nucleare e hanno aperto la strada al suo terrorismo e alla sua politica guerrafondaia nella regione. Ma a fronteggiarli era un ampio fronte in cerca di libertà in tutto il mondo ed i loro rappresentanti nei vari parlamenti nazionali, che sono venuti in sostegno del movimento di Resistenza, della rivolta del popolo iraniano e di Ashraf. La maggioranza dei deputati in Norvegia, Finlandia e Regno Unito e una maggioranza di deputati del Congresso degli Stati Uniti hanno rilasciato dichiarazioni in difesa di Ashraf.

La Sig.ra Rajavi ha invitato il popolo iraniano a venire in aiuto dei parenti dei martiri e dei prigionieri politici e coloro che hanno sofferto durante la rivolta nazionale in questo nuovo anno.

Ha augurato agli Iraniani un anno prospero in anticipo per la creazione di un nuovo Iran basato sulla libertà e la libera scelta dei cittadini, la parità di genere, la democrazia, il rispetto dei diritti umani e l'abolizione di ogni forma di discriminazione nei confronti dei seguaci di varie religioni.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
21 marzo 2010
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,946FollowersFollow