mercoledì, Febbraio 8, 2023
HomeComunicati StampaGeneraleIran: Pressioni e torture aumentano sui parenti detenuti residenti del campo Ashraf

Iran: Pressioni e torture aumentano sui parenti detenuti residenti del campo Ashraf

ImageCNRI – Il regime dei mullah ha intensificato le pressioni su un certo numero di prigionieri politici arrestati per aver avuto la famiglia in Campo di Ashraf o aver visitato i residenti di Camp di Ashraf.

Non vi è stata alcuna informazione circa Majid Rezai, un 50enne prigioniero politico, dal suo arresto il 31 dicembre 2009. Mr. Rezai è stato arrestato con l'accusa che suo figlio e suo fratello erano presenti ad Ashraf e mandato al famigerato carcere di Evin a Teheran. Lui è un ex prigioniero politico degli anni Ottanta, che soffre di una varietà di malattie dopo aver passato 10 anni di reclusione.

Mercoledi 10 febbraio, due membri della famiglia Nabavi, Mehri Nabavi e Zia Nabavi, sono stati arrestati dopo un raid da parte di agenti dell’intelligence del regime dei mullah, nelle loro residenze nella città di Qom e Semnan, rispettivamente. Altri sette membri della famiglia Nabavi sono stati arrestati in precedenza e sono detenuti nelle prigioni di Evin, Gohardacht e Semnan.

In aggiunta ai casi di cui sopra, dozzine di altri prigionieri politici detenuti nelle carceri dei mullah e nelle camere di tortura solo per essere a contatti familiari con i residenti di Ashraf in Iraq o per averli visitati. Essi sono stati generalmente tenuti in isolamento, posti sotto pressione e tortura fisica e psicologica, e soffrono di una varietà di malattie. Sono stati anche sottoposti a gravi torture e costretti a comparire nei processi show dei mullah. Massoumi e Zahra Jabbari hanno protestato contro la crudele tortura effettuata contro di loro durante un processo farsa domenica 31 Gennaio. Una delle signorine Jabbari, che è stato arrestata per la presenza di sua sorella e il fratello ad Ashraf, ha mostrato le dita a procuratore del regime, Moghiseyi, per dimostrare che le unghie erano stati strappate. Ma, il procuratore ha affermato sfacciatamente, "Hai tirato le unghie da sola e ora vuoi dare la colpa al perito (colui che effettua l’interrogatorio)."

La Resistenza Iraniana chiede al Segretario Generale delle Nazioni Unite, al Consiglio di Sicurezza, all'Alto Commissario per i Diritti umani, al Gruppo di lavoro sulla detenzione arbitraria e al Relatore speciale sulla tortura, cosى come altre organizzazioni internazionali dei diritti umani, di condannare gli arresti arbitrari in Iran e di adottare misure urgenti per ottenere la liberazione dei detenuti che sono stati messi in condizioni disumane.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
23 febbraio 2010
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,942FollowersFollow