mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleIran: Le forze irachene impediscono l’accesso dei generi alimentari e medicinali ad...

Iran: Le forze irachene impediscono l’accesso dei generi alimentari e medicinali ad Ashraf

e nonostante il freddo, da un mese impediscono l’accesso del combustibili per riscaldamento

ImageCNRI, 24 novembre – Nel continuare l’accerchiamento oppressivo e disumano del Campo di Ashraf, il 24 novembre le forze irachene hanno impedito l’accesso del camion che trasportava le medicinali di uso urgente per i feriti dell’attacco criminoso del luglio e per i malati gravi. Il camion ha tornato di nuovo lo stesso giorno ad Ashraf, ma ancora una volta hanno impedito il suo ingresso nel Campo.

Le forze irachene hanno impedito anche l’ingresso dei camion che trasportavano i generi alimentari e hanno affermato che deve venire il rappresentante del comitato governativo per oppressione di Ashraf  da Baghdad per rilasciare il permesso dell’accesso. 
Inoltre da più di un mese viene impedito il trasporto dei combustibili. Il 4 novembre due autisti che trasportavano i combustibili ad Ashraf sono stati arrestati, e si trovano tuttora al carcere di Khalis con l’accusa di avere portato i combustibili ai residenti di Ashraf. Con l’inizio della stagione fredda e con l’interruzione continue della corrente elettrica la mancanza del combustibile può avere le conseguenze pericolose.
Nelle ultime settimane molti chirurghi e medici specialisti si sono recati ad Ashraf per le visite e per le operazioni ma hanno trovato insuperabili difficoltà e molti non hanno trovato modo di entrare nel Campo.
La Resistenza Iraniana affermando che questo accerchiamento oppressivo e l’impedimento dell’ingresso dei combustibili, genere alimentari e medicinali sono considerati crimini contro l’umanità, lancia l’appello all’ambasciatore degli Stati Uniti in Iraq, alle forze statunitense in Iraq, al Segretario generale dell’ONU, al Consiglio di Sicurezza dell’ONU, all’Alto commissariato per i diritti umani, al rappresentante del Segretario generale e all’UNAMI e tutti i difensori dei diritti umani per intervenire e condannare questi atti criminosi.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
24 novembre 2009 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,476FollowersFollow