sabato, Novembre 26, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleIran: La grande rivolta della Festa del Fuoco segna una grande sconfitta...

Iran: La grande rivolta della Festa del Fuoco segna una grande sconfitta del regime dei mullah

ImageIl popolo Iraniano ha dato una lezione indimenticabile alla guida suprema

CNRI – La Presidente eletta della Resistenza Iraniana, Maryam Rajavi, ha affermato che la grande rivolta della Festa del Fuoco ha inflitto una disfatta cocente al regime dei mullah, al suo apparato repressivo ed al rumore della sua propaganda. Il popolo ha dato alla guida suprema dei mullah una lezione indimenticabile, ha aggiunto la Rajavi.

Khamenei aveva lanciato un fatwa anti-iraniano ed anti-islamico la quale diceva che " la Festa del Fuoco non ha nessuna base nella Sharia (La legge islamica), è la causa di molti danni e di corruzione".

La sig.ra Rajavi ha detto: Gli abitanti di Teheran da est ad ovest e da sud a nord Uniti durante la festa del fuoco hanno gridato insieme tutti: “Gettate al fuoco Khamenei ed il suo fatwa" e ancora "Morte a Khamenei" e " Morte al dittatore."

Ha ricordato che la rivolta durante della festa del fuoco in tutto il paese, da Esfahan a Najafabad, da Shiraz a Kashan, da Ahwaz a Mashad, da Oroumieh ad Ardebil e Shahr-Kord, da Sanandaj ad Ilam e Kermanshah, da Lahijan a Karaj, da Boroujerd a Kouhdasht e Hamedan, ha mostrato la capacità del popolo iraniano e della sua resistenza a rovesciare il regime dei mullah ed a realizzare un cambiamento democratico.

Bruciando i ritratti di Khamenei e di Khomeini, ed impiccando il fuoco ai centri ed ai veicoli delle forze repressive, è la risposta sferzante degli insorti al compromesso ai quali che sono stati incoraggiati dalle fazioni interne del regime invitando il popolo a non partecipare alla Festa del Fuoco, la signora Rajavi ha osservato.

La rivolta di ieri si è svolta mentre il regime aveva spiegato delle molteplici misure di repressione, pronunziato minacce di morte per i manifestanti fermati il giorno dell'Ashura, il 27 dicembre, e procedimenti a retate e guerre psicologiche per fare sbarramento.

La sig.ra Rajavi si è appellata alla comunità internazionale affinché possa intervenire in modo urgente per fare liberare il grande numero dei giovani fermati questi ultimi giorni durante gli attacchi notturni, dalle forze di sicurezza del regime totalitario.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
Il 17 marzo 2010
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,364FollowersFollow