giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleIran - Iraq: Impedimento dell'accesso a chirurghi iracheni a campo Ashraf

Iran – Iraq: Impedimento dell’accesso a chirurghi iracheni a campo Ashraf

Operazione di un malato di cancro, ed altre 4 persone sono state evitate su ordine del Consigliere per la Sicurezza Nazionale Iracheno ( al- Robei )

iniziativa disumana e criminale per accontentare la dittatura nera religiosa

lImagee forze irachene, il 3 aprile scorso, hanno impedito, su ordine di al-Robei, l'accesso dei chirurghi che si recavano ad Ashraf per operare, urgentemente la signora Fatemeh Alizadeh, malata di tumore e altri 4 malati. La squadra dei medici composta  da una anestesista e due chirurghi, si recavano ad Ashraf  in seguito di una programmazione coordinata, in accordo con il rappresentante del governo iracheno, il comandante delle forze irachene in presenza del comandante delle forze statunitense; i nominativi della squadra dei medici erano già consegnati alle autorità irachene.

Tra i malati c'era la signora Qhodsieh Gangeì in peritonite acuta.
 
Ai residenti di Ashraf è impedito uscire dal campo e  recarsi negli ospedali iracheni.Se bisognosi di cure devono utilizzare medici interni al campo o farsi visitare da medici iracheni esterni alla struttura. In queste condizioni l'impedimento all'accesso dei chirurghi è atto criminoso e disumano. Questa iniziativa è stata determinata da un ordine di al-Robei, al servigio del regime iraniano e per compiacere la dittatura nera al potere in Iran ed è in netto contrasto con i più elementari diritti umani, perfino in periodo di guerra e viola palesemente tutte le leggi umanitarie internazionali.
Al-Robei in una intervista alla televisione al-Forat, il 1° aprile aveva chiaramente dichiarato: “piano piano renderemo insopportabile la loro presenza in Iraq.”

La malvagia iniziativa odierna ancora una volta palesa l'intenzione del regime teocratico iraniano di compiere una catastrofe umanitaria ad Ashraf.

La Resistenza Iraniana si appella al Presidente ed al Governo degli Stati Uniti, al Consiglio di Sicurezza ed a tutte le Organizzazioni Internazionali, in particolare alla Croce Rossa Internazionale per intervenire urgentemente ed evitare il compiersi della catastrofe umanitaria ad Ashraf.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
3 aprile 2009 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,407FollowersFollow