lunedì, Aprile 15, 2024
HomeComunicati StampaGeneraleIran: terzo giorno di sciopero dei lavoratori dell’acciaio ad Ahvaz e degli...

Iran: terzo giorno di sciopero dei lavoratori dell’acciaio ad Ahvaz e degli orafi a Teheran, Mashhad, Isfahan, Yazd, Tabriz, Arak e Qom

iran ahvaz steel workers protest 25122023

Manifestazione di protesta dei pensionati delle telecomunicazioni in 15 province

Lunedì 25 dicembre 2023, i pensionati delle telecomunicazioni in 15 province, tra cui Shiraz, Sanandaj, Shahrekord, Khorramabad, Ardabil, Isfahan, Marivan, Tabriz, Arak, Ahvaz, Hamedan, Bijar, Rasht, Sari e Zanjan, hanno tenuto una manifestazione di protesta davanti agli uffici della Compagnia statale delle telecomunicazioni per protestare contro il fallimento del governo nel rispondere alle loro richieste.
Lo stesso giorno è continuato per il terzo giorno lo sciopero dei lavoratori della Ahvaz National Steel Company. Una marcia di protesta ha avuto luogo dalla sede dell’azienda fino a Piazza Baghai. I lavoratori hanno scandito slogan come “Le minacce e la reclusione non funzionano più”, “Morte all’oppressore, Viva lavoratore” e “Non saremo mai umiliati”. I lavoratori chiedono la revoca del divieto di ingresso in azienda per i lavoratori sospesi e la reintegrazione dei lavoratori precedentemente licenziati. Le carte d’ingresso di 38 lavoratori sono state bloccate dalla direzione e dalla sicurezza dell’azienda per reprimere le proteste dei lavoratori.
Oggi, infermieri e pensionati hanno organizzato manifestazioni di protesta anche a Teheran, Ahvaz, Qazvin e Ilam. I pensionati del Ministero del Petrolio, dell’Organizzazione della Previdenza Sociale e degli educatori in pensione si sono riuniti davanti all’Organizzazione per il Piano e il Bilancio a Teheran, mentre i pensionati di Ahvaz, Qazvin e Ilam hanno tenuto manifestazioni davanti all’Organizzazione per la Gestione e la Pianificazione. Hanno scandito slogan come “Il governo ci tradisce, il parlamento lo sostiene”, “Basta con l’oppressione e la tirannia, i nostri tavoli sono vuoti”, “Oggi è un giorno di lutto, gli stipendi dei pensionati sono stati saccheggiati dai mullah”. ”, “Avete saccheggiato il fondo dei pensionati, ci avete reso infelici”, “L’insegnante imprigionato deve essere rilasciato”, “Il lavoratore imprigionato deve essere rilasciato” e “Non ci arrenderemo finché non otterremo i nostri diritti”, “Pensionato , grida, grida per i tuoi diritti”.

Lunedì 25 dicembre 2023, la maggior parte degli orafi di Teheran e di Hamadan hanno scioperato per protestare contro le nuove leggi fiscali del regime, che mirano ad aumentare le tasse e saccheggiare le loro proprietà. Gli orafi di Mashhad, Isfahan, Yazd, Tabriz, Arak, Qom e altri, che avevano già iniziato i loro scioperi nei giorni precedenti, sono ancora in sciopero.
Il sito web gestito dal regime IRNA ha scritto il 27 agosto 2023: “Negli ultimi due anni, sulle tavole della gente è stata imposta un’inflazione di almeno il 250% e i salari dei lavoratori non sono nemmeno un terzo della soglia di povertà. ” Questo mentre l’appropriazione indebita astronomica e la corruzione sistematica da parte del regime hanno distrutto l’economia iraniana. In un solo caso nelle ultime settimane, in un conflitto tra le fazioni del regime, è stata rivelata un’appropriazione indebita astronomica di 3,37 miliardi di dollari a danno di una società industriale di proprietà del regime chiamata Debsh Tea Plantation. Il sito web gestito dal regime Jamaran ha scritto: “Questa appropriazione indebita rappresenta una quota significativa dei guadagni totali in valuta estera dell’Iran… È chiaro che numerose istituzioni amministrative e finanziarie sono coinvolte in questa corruzione…”

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
25 dicembre 2023

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow