lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleIran: sciopero del bazar, protesta dei pensionati in diverse città

Iran: sciopero del bazar, protesta dei pensionati in diverse città

Commercianti e i mercanti di bazar in 7 città scioperano
I pensionati continuano le manifestazioni di protesta in 5 città
I mercanti del bazar di Arak hanno continuato il loro sciopero oggi, martedì 14 giugno, per protestare contro i prezzi elevati, la recessione economica e le pesanti tasse. Allo stesso tempo, venditori di generi alimentari e grossisti ad Arak si sono riuniti davanti all’amministrazione fiscale provinciale per protestare contro le tasse sul saccheggio.

Kazerun Bazaar ha chiuso completamente in sciopero per il secondo giorno consecutivo. A Isfahan, i venditori di elettrodomestici hanno chiuso i battenti. Commercianti e commercianti di bazar a Minab hanno organizzato una manifestazione di protesta davanti all’ufficio delle imposte della città per protestare contro le pesanti tasse del governo. A Shiraz, i commercianti di Vakil Bazaar hanno chiuso i negozi e organizzato una marcia di protesta. A Boroujerd, commercianti e commercianti di bazar hanno scioperato. A Najafabad, tutti i negozianti del mercato della telefonia mobile hanno chiuso i loro negozi.

Nel nuovo ciclo di proteste iniziato il 6 maggio, i pensionati hanno tenuto manifestazioni oggi in varie città, tra cui Ahvaz, Shush, Doroud, Zanjan e Kermanshah. I pensionati cantavano: “Prezzi alti e inflazione è un disastro per la gente”, “La nostra radio e televisione è una vergogna”, “I nostri tavoli sono vuoti, basta con le promesse vuote”. A Mashhad, la repressiva forza di sicurezza dello Stato ha impedito ai pensionati di radunarsi nelle strade dove intendevano radunarsi.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
14 giugno 2022

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,449FollowersFollow