lunedì, Aprile 15, 2024
HomeComunicati StampaDiritti UmaniEsecuzione di 17 persone in quattro giorni in Iran

Esecuzione di 17 persone in quattro giorni in Iran

NCRI
Esecuzione di 17 persone in quattro giorni, tra cui l’esecuzione di una detenuta a Sabzevar e l’uccisione di uno studente baluci di 19 anni.
Tra il 28 e il 31 gennaio, il regime di Khamenei ha giustiziato 17 prigionieri, portando le esecuzioni registrate per il mese di gennaio 2024 a 83 persone.
Il 31 gennaio, una detenuta di nome Zahra Nazarian è stata giustiziata a Sabzevar e due prigionieri, Mehdi Azarioun e Hossein Habibi, sono stati giustiziati a Urmia. Il 30 gennaio, due prigionieri, Esmaeil Chapeh e Payam, sono stati impiccati a Karaj. Il 29 gennaio, oltre alle quattro esecuzioni annunciate in precedenza, Javad Ajamian, Mohammad Hassan Jafari e Mohammad Hossein Esmaeili sono stati giustiziati a Karaj, mentre Ali Rajabian è stato giustiziato nella prigione di Qezelhessar. Il 28 gennaio, altri quattro prigionieri sono stati giustiziati nelle carceri di Birjand e Qezelhessar.
In un altro crimine efferato, le forze di intelligence delle Guardie Rivoluzionarie hanno arrestato il 30 gennaio a Zahedan lo studente Sepehr Shiraani, 19 anni, dell’Università del Sistan e Baluchistan. Due giorni dopo, la sua famiglia si è trovata di fronte al suo corpo senza vita, con ferite da arma da fuoco alla testa e segni visibili di tortura, lividi e fratture sul corpo. Venerdì 2 febbraio si sono svolti i funerali e la sepoltura nella sua città natale, Fanouj, in Sistan e Baluchistan, con un’ampia partecipazione popolare.
Il prigioniero politico Hamed Gharaoghlani, invece, è in sciopero della fame da 22 giorni per protestare contro la mancanza di strutture mediche nel carcere di Urmia. I suoi carcerieri criminali lo hanno minacciato di mandarlo in isolamento se avesse continuato lo sciopero della fame. La sua cella è estremamente fredda, sporca, antigienica e priva di servizi di base. Nel luglio 2020, è stato arrestato e condannato a 14 anni di carcere dal Tribunale rivoluzionario di Urmia con l’accusa di “condurre una guerra contro Dio attraverso l’appartenenza all’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran” e di “partecipare a corsi militari e attaccare le basi Basij, fare propaganda contro il sistema, insultare le santità, insultare il Leader (Ali Khamenei)”.
Un sito web affiliato al governo, Etemad Online, ha scritto il 1° febbraio: “Alcuni credono che le punizioni dure possano spaventare la gente… È naturale che la società non sia convinta che queste esecuzioni siano un comportamento legale corretto e reagisca… Il divario tra il potere (al potere) e la società si sta allargando. D’altra parte, questo può portare all’emergere di un risentimento nella società. Infatti, oltre alle famiglie dei condannati, anche la società può sviluppare una visione vendicativa di questi comportamenti”.
La Resistenza iraniana invita ancora una volta le Nazioni Unite, le organizzazioni competenti, l’Unione Europea e gli Stati membri ad agire immediatamente per fermare la macchina delle torture e delle esecuzioni. Sottolinea la necessità di una missione d’inchiesta internazionale che visiti le carceri iraniane e incontri i prigionieri, soprattutto quelli politici.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

4 Febbraio 2024

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow