martedì, Febbraio 7, 2023
HomeSenza categoriaLa signora Rajavi accoglie favorevolmente la chiusura dell’ambasciata norvegese a Tehran e...

La signora Rajavi accoglie favorevolmente la chiusura dell’ambasciata norvegese a Tehran e dell’ ambasciata del regime dei mullah a Londra, e fa appello agli stati europei affinché interrompano ogni legame con il regime iraniano

La signora Maryam Rajavi, la Presidente eletta della Resistenza Iraniana, ha accolto favorevolmente la decisione del governo norvegese di chiudere la propria ambasciata a Tehran, e la decisione del governo inglese di chiudere l’ambasciata del regime dei mullah a Londra, oltre al richiamo i propri diplomatici da Tehran. La signora Rajavi ha descritto queste misure come un passo cruciale, e la risposta minima al brutale assalto di ieri da parte delle guardie rivoluzionarie all’ambasciata Britanica a Tehran.  Ha in oltre espresso la speranza che tutti gli stati europei interrompano ogni legame con il regime dei mullah.
 
L’attacco di giovedì 29 novembre all’ambasciata inglese a Tehran da parte delle Guardie Rivoluzionarie è stato eseguito su ordine personale di Ali Khamenei. La Guida Suprema intende impedire l’imposizione di una politica severa, che includa sanzioni internazionali contro il progetto di acquisizione di  armi nucleari, tramite ricatti e minacce da parte del regime. Omicidi, presa di ostaggi, e attacchi ai centri diplomatici sono strumenti comuni con cui il regime dei mullah persegue le sue politiche internazionali e i suoi obbiettivi illegali sulla scena internazionale.
 
La signora Rajavi sostiene che il tentativo di acquisire una bomba nucleare sia parte della strategia dei mullah di salvare il loro regime  vacillante. Gli altri due elementi che fanno parte di questa strategia sono: l’uccisione dei membri dell’ opposizione organizzata, (in particolare nel campo di  Ashraf in Iraq), e l’esportazione del fondamentalismo con lo scopo di egemonizzare la regione. Per quanto necessarie, le sanzioni totali verso il regime, (compreso l’ embargo sul petrolio e  le relazioni diplomatiche), non sono sufficienti ad impedire al regime di acquisire la bomba atomica; la soluzione definitiva é il cambio di regime da parte del popolo iraniano e della Resistenza.
 
Il segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana 
 30 novembre 2011

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,946FollowersFollow