lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeSenza categoria240 legislatori europei, dopo il processo contro il terrorismo, sollecitano un nuovo...

240 legislatori europei, dopo il processo contro il terrorismo, sollecitano un nuovo approccio alle relazioni con l’Iran

42 senatori e deputati italiani hanno preso l’iniziativa

240 legislatori che rappresentano diversi gruppi politici dei 19 paesi europei e del parlamento europeo ha rilasciato una dichiarazione invitando l’Unione europea e i governi dei paesi membri a condizionare le loro relazioni con la Repubblica islamica dell’Iran alla garanzia di porre fine alle sue azioni terroristiche in Europa.
All’iniziativa europea ha preso parte un gruppo trasversale dei parlamenti italiani, della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica tra di loro: On. Antonio Tasso, On. Stefania Pezzopane, On. Renata Polverini, Sen. Lucio Malan, Sen. Roberto Rampi, Sen. Manuel Vescovi ecc…
La dichiarazione è stata motivata dall’avvio di un processo ad Anversa, in Belgio, che palesa gli stretti legami tra la sponsorizzazione terroristica di Teheran e le sue istituzioni politiche e diplomatiche. I quattro imputati, tra cui un diplomatico di alto rango, Assadollah Assadi, che prestava servizio presso l’ambasciata iraniana a Vienna prima del suo arresto, il 1 ° luglio 2018. Assadi e i suoi complici avevano pianificato di far saltare in aria un raduno dei dissidenti iraniani nei pressi di Parigi. Il pubblico ministero del processo di Anversa ha chiesto una condanna a 20 anni per la mente diplomatica e tra i 15 ei 18 anni per gli altri tre imputati.
La dichiarazione dei legislatori europei afferma: “A parte il processo giudiziario, che è in corso in modo indipendente in Belgio, riteniamo che sia ora di riconsiderare la trattativa con il terrorismo di Stato iraniano. Considerando l’uso della copertura diplomatica da parte del regime iraniano per compiere atti terroristici, si dovrebbe dare i necessari avvertimenti pratici a Teheran, come la chiusura delle sue ambasciate e l’espulsione dei suoi ambasciatori e diplomatici”.
Alcuni dei parlamentari firmatari della dichiarazione erano presenti anche del raduno del 2018 e ora sono tra i 25 parti civile nel processo contro Assadi.
I pubblici ministeri belgi nel primo giorno dell’udienza, il venerdì 27 novembre, hanno sottolineato che l’azione terroristica del 2018 non era stato intrapreso su iniziativa di Assadi, ma era diretto da autorità superiori all’interno del regime iraniano.
La dichiarazione dei legislatori europei sostiene che i loro governi dovrebbero lavorare per smascherare gli agenti dell’intelligence iraniana sotto copertura diplomatica, o sotto le spoglie di giornalisti o uomini d’affari. Una volta smascherati, si legge nella dichiarazione, quegli individui dovrebbero essere espulsi dall’Europa in conformità con la Dichiarazione dell’Unione Europea del 1997.
La dichiarazione continua anche che le presunte istituzioni religiose e culturali iraniane dovrebbero essere chiuse, fermo restando che negli anni hanno funzionato come centri di terrorismo e fondamentalismo.
Più in generale, i legislatori europei hanno esortato i rispettivi governi a chiedere garanzie a Teheran per quanto riguarda la fine di tale attività terroristica, altrimenti si attua come pena una rottura totale delle relazioni diplomatiche e commerciali. Il messaggio è stato diretto all’Alto rappresentante dell’Unione per gli Affari Esteri e la politica di Sicurezza Josep Borrell e ha citato la strage scongiurata dell’azione terroristica del 2018 come una evidente ragione per cui è necessario un simile ultimatum.
A luglio, il rapporto annuale dell’Ufficio federale della Protezione della costituzione tedesca riportava di Assadi: “Un diplomatico ufficiale dell’ambasciata iraniana in Austria è stato arrestato il 1 ° luglio 2018 in Germania su mandato d’arresto europeo emesso dalle autorità dell’ufficio del pubblico ministero belga. È accusato, come impiegato a tempo pieno del ministero dell’Intelligence, di essere il comandante di un attentato dinamitardo pianificato contro la riunione annuale dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran vicino a Parigi il 30 giugno 2018 “.
I Mojahedin del popolo sono il principale gruppo di opposizione della coalizione del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, il CNRI. Maryam Rajavi, è eletta dal CNRI come presidente di transizione dopo il rovesciamento del regime teocratico iraniano per mano del popolo iraniano.
“Oltre a decine di migliaia di iraniani, alla manifestazione era presente la leader dell’opposizione Maryam Rajavi, obiettivo principale dell’attentato, insieme a diverse centinaia di personalità politiche di vari paesi. Se quest’azione terroristica avesse avuto successo, avrebbe senza dubbio lasciato centinaia di morti e molti altri feriti”, si legge nel comunicato dell’Ufficio federale della Protezione della costituzione.
Mentre le raccomandazioni dei firmatari sono più fermi rispetto alle politiche che i governi europei che hanno adoperato nei confronti della Repubblica islamica in quattro decenni, c’è qualche speranza che il processo per terrorismo in corso possa innescare un cambiamento fondamentale. Assadi, che affronterà una seconda udienza il 3 dicembre, non è il primo diplomatico iraniano ad essere accusato di legami con il terrorismo, ma è il primo ad affrontare un procedimento legale per questi motivi.

Comitato Italiano Parlamentari per un Iran Libero
Roma, 1 Dicembre 2020
Presidente: On. Antonio Tasso
Co-presidente: On. Stefania Pezzopane
Coordinatore: Dott. Antonio Tasso

 

 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,448FollowersFollow