lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeX-NewsX-TerrorismIran: la seconda udienza del processo ai terroristi iraniani evidenzia la responsabilità...

Iran: la seconda udienza del processo ai terroristi iraniani evidenzia la responsabilità dello Stato

Giovedì 3 dicembre, un tribunale federale belga ha tenuto la seconda sessione di un processo per terrorismo che coinvolge un diplomatico iraniano e tre complici. Il diplomatico, Assadollah Assadi, ha rifiutato di partecipare sia a questa sessione che a quella precedente venerdì 27 novembre.
Tale decisione sembra riflettere un petulante rifiuto dell’autorità del tribunale, che Assadi aveva precedentemente manifestato minacciando gli investigatori con la possibilità di ulteriori attacchi terroristici. Come riportato nelle trascrizioni dei suoi interrogatori, l’ex terzo consigliere dell’ambasciata iraniana a Vienna ha affermato che ci sono numerosi gruppi terroristici sostenuti dall’Iran in tutto il Medio Oriente che starebbero monitorando il suo caso per determinare se le autorità europee li “sostengano”.
L’attesa di quel sostegno non sembra essere svanita con l’inizio del processo di Assadi. In effetti, la seconda udienza è servita solo a dimostrare ulteriormente che il nocciolo della sua difesa è costituito da una pretesa di impunità. Gli avvocati di Assadi non hanno negato il suo coinvolgimento nel complotto del 2018 per attaccare con esplosivi il raduno annuale organizzato dal Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI). Né hanno discusso l’incidente in alcun modo che cercasse di diminuire la sua responsabilità. Invece, hanno semplicemente evidenziato il suo status diplomatico e hanno suggerito che questo gli fornisse l’immunità dall’azione penale anche oltre i confini del Paese in cui era di stanza.
Questa è, ovviamente, una linea di difesa ridicola e che i pubblici ministeri hanno sentito a malapena il bisogno di riconoscere. Assadi è stato arrestato legalmente mentre viaggiava in Germania e le autorità hanno scoperto nel suo veicolo un manuale per l’ordigno che era stato precedentemente confiscato a due dei suoi co-cospiratori. Quegli aspiranti attentatori, la coppia belga-iraniana Amir Saadouni e Nasimeh Naami, sono stati arrestati in Belgio prima che potessero attraversare il confine con la Francia, diretti verso il raduno “Iran Libero” appena fuori Parigi.

Iranian diplomat terrorist Assadolah AssadiIl terrorista diplomatico iraniano Assadollah Assadi
Saadouni e Naami hanno adottato una difesa diversa nel processo in corso. I loro avvocati hanno fatto pochi sforzi per mitigare la punizione che potrebbero subire nel loro attuale Paese, ma hanno affermato con passione che se il tribunale accetterà le raccomandazioni dei pubblici ministeri di privarli della loro cittadinanza e deportarli in Iran, le autorità del regime li tratteranno. come capri espiatori per l’intero caso e lo chiuderanno giustiziandoli.
Saadouni e Naami hanno certamente tentato di negare la responsabilità in modi che non sembrano molto credibili. Hanno sostenuto, ad esempio, che anche se stavano trasportando personalmente il dispositivo fornito loro da Assadi, con la chiara intenzione di farlo esplodere, non credevano che ciò che stavano maneggiando fosse una bomba che avrebbe ucciso delle persone. Invece, hanno paragonato il contenuto del dispositivo a fuochi d’artificio e hanno affermato che Assadi li aveva portati a credere che volesse creare paura tra la Resistenza democratica, senza uccidere nessuno.
I pubblici ministeri sono quasi certi di rifiutare questa narrativa e continuare a sollecitare la revoca della cittadinanza della coppia insieme a pene detentive di 18 anni ciascuno. Ma il punto più ampio della difesa di Saadouni e Naami – che erano solo partecipanti secondari e strumenti di Assadi e dei suoi assistenti a Teheran – è qualcosa che è strettamente in linea con il messaggio che l’accusa ha evidenziato in entrambe le udienze del processo finora.

Il terrorista diplomatico iraniano Assadollah Assadi processato per terrorismo in un tribunale belga

In larga misura, la missione dell’accusa è stata quella di stabilire che la squadra di Assadi non era un gruppo di agenti canaglia che operavano indipendentemente dal regime iraniano, ma era stata esplicitamente sostenuta e diretta dalle autorità politiche iraniane. La leader della Resistenza Maryam Rajavi, che era l’obiettivo principale del complotto terroristico del 2018, ha affermato che i piani per l’attacco avevano avuto origine dal Consiglio Supremo di Sicurezza Nazionale dell’Iran, con il contributo sia della ‘Guida Suprema’ del regime Ali Khamenei che del presidente Hassan Rouhani.
In ogni caso, il complotto risultante è stato certamente un’operazione del ministero dell’Intelligence, come hanno confermato giovedì gli avvocati dei complici di Assadi. Pur continuando a descrivere i loro clienti come vittime di manipolazioni da parte delle autorità superiori, gli avvocati hanno riconosciuto che Saadouni era in contatto con il ministero da 11 anni e con Assadi da cinque. Il cosiddetto diplomatico aveva già sviluppato una lunga storia di servizio come agente dei servizi segreti a quel tempo, e prima di essere inviato a Vienna ha contribuito ad operazioni contro i membri dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI-MEK) in Albania.
La sede dell’OMPI in Albania era stato oggetto di un complotto terroristico sventato nel marzo 2018, solo tre mesi prima del tentato attacco al raduno del CNRI a Villepinte, in Francia. Questo fatto aiuta a chiarire lo status di quest’ultimo complotto come parte di un’ampia campagna del regime iraniano contro i suoi oppositori sia in patria che all’estero. Mentre si può dire che innumerevoli incidenti terroristici e repressioni interne abbiano fatto parte di quella campagna nel corso degli anni, il 2018 ha segnato una particolare impennata in tale attività poiché è iniziato con l’Iran scosso da una rivolta antigovernativa a livello nazionale.
Mentre quella rivolta era al suo apice, la stessa ‘Guida Suprema’ del regime Khamenei rilasciò una dichiarazione in cui riconosceva che il MEK aveva svolto un ruolo di primo piano nell’organizzazione delle proteste e nella divulgazione del messaggio di cambio di regime. Ciò è volato contro anni di propaganda del regime stesso e ha tradito la crescita dell’ansia tra i dirigenti iraniani per l’insicurezza della loro presa sul potere. Non c’è quindi da stupirsi che il regime sia stato presto disposto ad assumersi il rischio di incaricare uno dei suoi diplomatici di fungere da mente di un complotto terroristico sul suolo europeo.
Chiunque osservi il processo belga in questo contesto non dovrebbe avere difficoltà ad accettare la qualificazione del complotto come un’operazione ufficiale da parte delle autorità iraniane. E una volta che questa narrativa è stata accettata, dovrebbe essere difficile per qualsiasi politico occidentale opporsi all’idea che le pene detentive per Assadi e i suoi complici dovrebbero essere solo l’inizio di un modello più ampio di responsabilità.
Il CNRI e i suoi sostenitori internazionali hanno sollevato questa argomentazione in diverse sedi durante il periodo che precede l’inizio dell’accusa di Assadi. In tal modo, hanno offerto ai governi occidentali raccomandazioni specifiche che includono l’espansione delle sanzioni, l’espulsione di qualsiasi diplomatico iraniano che possa essere agente del Ministero dell’Intelligence e la chiusura definitiva delle ambasciate che potrebbero rivelarsi terreno di azioni per il terrorismo iraniano, come era stata l’ambasciata a Vienna nel 2018.
Qualunque sia la specifica linea d’azione che la comunità internazionale ritenga appropriata, una cosa è certa: le richieste di responsabilità devono estendersi oltre gli aspiranti autori del terrorismo iraniano, in modo da includere coloro che sono responsabili dell’uso di tale terrorismo come tecnica di governo. Questo è sempre stato vero, ma è decisamente innegabile dopo che Assadi è diventato il primo diplomatico iraniano ad affrontare effettivamente le accuse di terrorismo in Europa. Nel frattempo, le circostanze alla base del suo smascheramento dovrebbero rendere ancora più difficile per i politici occidentali chiudere un occhio su tale condotta. Con la crescita dei disordini popolari all’interno dell’Iran, il regime clericale è sempre più vulnerabile agli effetti della pressione internazionale e sempre più merita di esserne oggetto.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,449FollowersFollow