sabato, Gennaio 28, 2023
HomeNotizieIran NewsSettima settimana di sciopero della fame da parte dei membri dell’OMPI a...

Settima settimana di sciopero della fame da parte dei membri dell’OMPI a Liberty e di iraniani nei vari Paesi

Un donna in sciopero della fame si è ammalata ed è stata trasferita all’ospedale di Baghdad

Massacro ed esecuzioni di massa ad Ashraf – n° 79

Lo sciopero della fame da parte dei membri dell’OMPI a Liberty che è iniziato il 1° settembre dopo il massacro e l’esecuzione di massa ad Ashraf e il sequestro di 7 abitanti da parte delle forze irachene, entrano nella loro settima settimana. Allo stesso tempo, gli iraniani a Ginevra, Londra, Berlino, Ottawa, e Melbourne continuano il loro sciopero della fame.

Il rilascio dei 7 ostaggi ad Ashraf è in cima delle richieste di coloro fanno lo sciopero della fame, molti dei quali sono membri della famiglia o parenti stretti delle vittime della strage del 1° settembre o degli ostaggi. Gli ostaggi sono detenuti dalle Forze Speciali di Maliki nello “Sporco Esercito” all’aeroporto di Baghdad, nella prigione Sharaf, e in altri luoghi sicuri nella green zone legata a Maliki, e sono a rischio di essere estradati verso il fascismo religioso al potere in Iran.

Coloro che fanno lo sciopero della fame a Liberty, hanno perso in media 10 kg, si trovano ad affrontare varie condizioni deleterie come la grave riduzione della vista e dell’udito, alterazioni digestive, insonnia, e le altre condizioni, e molti di loro sono posti sotto sorveglianza medica. Sabato notte, le condizioni fisiche di una donna che fa lo sciopero della fame sono peggiorate ed è stata urgentemente trasferita in un ospedale a Baghdad. Aveva forti dolori al petto, era quasi priva di sensi con aritmia ed era gravemente disidratata .

Coloro che fanno lo sciopero della fame in vari Paesi sono anche affetti da sintomi simili e molti di loro sono in condizioni pericolose e necessitano di particolare attenzione.

Esprimendo la sua preoccupazione per la salute di coloro che fanno lo sciopero della fame e ricordando le responsabilità del governo degli Stati Uniti e delle Nazioni Unite per la sicurezza e la protezione dei residenti di Ashraf, la Resistenza Iraniana chiede un intervento decisivo per assicurare l’immediata liberazione degli ostaggi .

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

13 Ottobre 2013

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,899FollowersFollow