lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaLa paura del MEK ( Mojahedin del Popolo ) rende più visibile...

La paura del MEK ( Mojahedin del Popolo ) rende più visibile la propaganda del regime iraniano

Nel gennaio 2018, l’Iran era nel mezzo di una rivolta nazionale praticamente senza precedenti che vide residenti di oltre 100 città gridare “Morte al dittatore”, non nascondendo il loro desiderio di un cambio di regime come mezzo per assicurare un futuro democratico al loro Paese.
Il leader supremo del regime Ali Khamenei rispose con un discorso che riconosceva controvoglia il ruolo organizzativo del principale gruppo di opposizione pro-democrazia, l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI/MEK).
Quel discorso di Khamenei minò letteralmente decenni di propaganda diffusa da lui stesso, dai suoi subordinati e da una vasta rete di media statali con diramazioni che estendevano la loro portata in gran parte del mondo.
Nel 1988, il predecessore di Khamenei, Ruhollah Khomeini, decise di distruggere il MEK emettendo una fatwa che dichiarava i suoi membri colpevoli di “inimicizia contro Dio” e quindi chiedeva che fossero giustiziati sommariamente. Di conseguenza, 30.000 prigionieri politici furono uccisi in tre mesi, e in seguito il regime iniziò a spacciare l’affermazione che il sostegno al MEK fosse praticamente inesistente e che il MEK fosse un gruppo marginale composto principalmente da esiliati.
Quei punti di discussione sono rimasti in gran parte coerenti fino alla rivolta del 2018. Per un certo periodo, il MEK è stato persino designato come gruppo terroristico in Europa e negli Stati Uniti prima che le contestazioni legali dimostrassero che non c’erano prove di alcuna attività criminale associata al gruppo, la cui falsa designazione era il risultato di rapporti dietro le quinte e scambi di favori con le autorità iraniane.
Da molto prima della sua rimozione formale dalla lista, il MEK ha accumulato un sostegno sempre maggiore da legislatori, studiosi ed esperti di affari esteri in tutto il mondo. Attraverso la partecipazione a conferenze e raduni internazionali, quei sostenitori hanno cercato di intaccare la propaganda del regime e promuovere la comprensione internazionale di ciò a cui Khamenei avrebbe infine risposto nel gennaio 2018: lo status del MEK come la più grande sfida al potere dei mullah e la più grande speranza per la sovranità popolare e lo Stato di diritto nell’Iran del futuro.
Da quando Khamenei ha tradito la sua stessa propaganda, il regime ha lavorato per recuperare i suoi argomenti di discussione e per promuovere ancora una volta il suo impatto negativo sulla politica estera delle nazioni occidentali. Sfortunatamente per Teheran, quel progetto ha subito una sostanziale battuta d’arresto in luglio, cosa che ha il potenziale per spingere la politica occidentale in direzioni molto più produttive, a condizione che la comunità internazionale vi presti la dovuta attenzione.
Il 23 luglio, la Resistenza iraniana avrebbe dovuto ospitare un’importante manifestazione a sostegno del cambio di regime nel complesso del MEK Ashraf 3, in Albania. L’evento è stato rinviato a tempo indeterminato dopo che le autorità albanesi hanno rivelato l’esistenza di credibili minacce terroristiche contro il complesso, che ospita circa 3.000 membri del MEK. Ma con questo si è anche appreso che le autorità albanesi stavano conducendo una indagine da quattro anni sulle reti iraniane incaricate di spiare il MEK, preparare il terreno per ulteriori complotti terroristici e diffondere la propaganda del regime sull’organizzazione.
Circa una settimana prima dell’inizio del raduno mondiale “Iran libero”, le autorità albanesi hanno eseguito mandati di perquisizione in una serie di proprietà associate a quella rete e hanno interrogato 20 persone affiliate al regime iraniano. Tra queste persone c’era un uomo di nome Hassan Heyrani, che in precedenza era stato utilizzato come fonte da diversi media occidentali in rapporti che il MEK descriveva come diffamatori. L’arresto di Heyrani conferma effettivamente che le dichiarazioni da lui fornite contro il MEK a quei media facevano parte di un’operazione di influenza del regime iraniano.

L’interruzione della rete del regime in Albania fornisce anche prove a sostegno delle dichiarazioni rilasciate negli ultimi anni da persone che hanno confessato il proprio coinvolgimento con Heyrani e con i suoi colleghi agenti iraniani. Nel febbraio 2021, Hadi Sani-Kani ha scritto una lettera aperta al Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres in cui esprimeva rimorso per essere “caduto nella trappola” del Ministero dell’Intelligence iraniano per quattro anni. Durante quel periodo, è stato pagato per scrivere articoli e rilasciare interviste a media che trasmettevano i punti di discussione del regime sul MEK, il tutto pur sapendo che nessuna parola di quella propaganda era vera.
Non è una semplice coincidenza che la rete responsabile di questa campagna di disinformazione era anche coinvolta in imminenti minacce terroristiche contro Ashraf 3 e il MEK nel momento in cui è stata interrotta. Entrambi i fenomeni riflettono la paura di lunga data del regime iraniano per l’influenza del MEK sia all’interno della società iraniana che in tutta la diaspora iraniana. Entrambi hanno quindi accelerato man mano che quell’influenza è diventata più visibile e più chiaramente efficace nel mezzo di rivolte ricorrenti a livello nazionale.
Ci sono state almeno altre otto di queste rivolte da quando gli slogan “Morte al dittatore” sono diventati popolari nel gennaio 2018. Durante quel periodo, le “Unità di Resistenza” del MEK hanno anche ampliato le attività e diversificato le strategie per promuovere il messaggio di cambio di regime.

La campagna di disinformazione dell’Iran contro il MEK attraverso “giornalisti amichevoli”

Dall’inizio di quest’anno, giovani ribelli hanno preso il controllo di siti web del governo e alcuni media statali hanno così trasmesso segnali che condividevano slogan ed estratti da discorsi del leader della Resistenza iraniana Massoud Rajavi e della presidente-eletta dell’opposizione, Maryam Rajavi.
Nel frattempo, altri hanno rischiato la vita con azioni dirette, dando fuoco a cartelloni pubblicitari del regime e ad una statua del comandante eliminato della Forza Quds delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) Qassem Soleimani.
Tutto ciò si affianca alle prove della crescente reazione di Teheran nel dimostrare che il regime teme molto il MEK, e con una buona causa. Molti politici americani ed europei hanno da tempo riconosciuto questa paura e le sue implicazioni.
Ora che una delle principali fonti della campagna di demonizzazione da parte del regime è stata smascherata per quello che è, la propaganda di Teheran dovrebbe avere una portata molto più limitata. La situazione in Albania dovrebbe portare i responsabili politici coscienziosi di tutto il mondo a mantenere un maggiore scetticismo quando vengono presentate affermazioni sul MEK che assomigliano a quelle spacciate dal Ministero dell’Intelligence iraniano.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,449FollowersFollow