domenica, Novembre 27, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaIran - Michael Pompeo visita Ashraf 3 ( in Albania ) e...

Iran – Michael Pompeo visita Ashraf 3 ( in Albania ) e incontra Maryam Rajavi

welcoming Secretary Michael Pompeo

Lunedì 16 maggio 2022, Michael Pompeo, il 70° Segretario di Stato americano, ha visitato Ashraf 3, il quartier generale dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (MEK), e ha incontrato Maryam Rajavi, Presidente-eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran.
Il signor Pompeo e la signora Rajavi hanno partecipato all’incontro dei Mojahedin presso la Baharestan Hall di Ashraf. Esprimendo il piacere di incontrare i residenti, Pompeo ha affermato: “Mille ex prigionieri politici del regime teocratico sono qui riuniti oggi. Voglio dirvi, da ex Segretario di Stato, che l’America vi riconosce e vi rispetta profondamente. Quello che avete sofferto in nome della libertà ci ricorda ciò per cui il nostro Paese è stato fondato per difendere e garantire tanti anni fa”.
“Vorrei anche esprimere il mio riconoscimento alla presidente eletta Maryam Rajavi. Sotto la sua guida, il Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran sta gettando le basi per una repubblica libera, sovrana e democratica in Iran”, ha aggiunto.
In un’altra parte del suo intervento, Pompeo ha affermato: “Ebrahim Raisi, il macellaio che ha orchestrato la strage del 1988, è ora presidente… L’affluenza alle urne è stata la più bassa dal 1979, segnando un totale rifiuto del regime e del suo candidato. Era, infatti, un boicottaggio del regime – e il regime lo sa. Il regime è chiaramente al suo punto più debole da decenni”.
“Raisi non è il presidente del popolo iraniano. È il presidente dell’ayatollah. La sua missione è chiara. Infliggi dolore. Spaventa, continua a saccheggiare e depredare. Ma Raisi ha già fallito. Non è riuscito a reprimere le rivolte in Iran o a spezzare il nobile spirito del dissenso all’interno del popolo iraniano”, ha affermato.

Secretary Michael Pompeo meeting in Ashraf 3
Ha aggiunto: “Abbiamo bisogno che voi, come gruppo con una vera voce politica a Washington e in tutto il mondo, rappresentiate ai leader mondiali le capacità distruttive dei dittatori teocratici a Teheran. Un grave fattore nella politica degli Stati Uniti nei confronti dell’Iran è stata la mancanza di sostegno politico all’opposizione organizzata. Il regime di Teheran è andato all’estremo con il massacro di 30.000 prigionieri politici, i cui obiettivi principali e la maggior parte delle vittime erano il MEK. La minaccia di attacco si estende ben oltre i confini dell’Iran, con il regime che ha intrapreso complotti terroristici in Europa e negli Stati Uniti contro i leader di questo movimento. Ora, per correggere la politica iraniana, indipendentemente da chi sia alla Casa Bianca, è necessario che l’amministrazione statunitense si rivolga alla Resistenza iraniana e tragga vantaggio dalle sue straordinarie capacità. Ashraf 3 è uno dei luoghi su cui concentrarsi”.
Il signor Pompeo aveva in mente un chiaro percorso di progresso: “Le azioni a sostegno del nostro amore per il popolo iraniano devono iniziare ritenendo Ebrahim Raisi responsabile dei suoi crimini contro l’umanità nel 1988″.
“Dobbiamo continuare a sostenere il popolo iraniano mentre lotta per un Iran più libero e democratico in ogni modo possibile. C’è tanto buon lavoro che la società civile americana può fare per promuovere questo obiettivo. È un lavoro in cui la vostra organizzazione è attivamente impegnata”.
“Alla fine il popolo iraniano avrà una Repubblica laica, democratica e non nucleare. Prego che questo giorno arrivi presto; e con il sostegno degli iraniani che vivono in tutto il mondo – e di coloro che resistono dall’interno – quel giorno verrà prima. Sono impegnato in questa causa; So che lo siete anche tutti voi”, ha concluso.
Accogliendo il signor Pompeo ad Ashraf-3, la signora Rajavi ha detto: “Il popolo iraniano e il regime dei mullah si sono affrontati ferocemente negli ultimi 43 anni. E questa lotta continuerà fino a quando una repubblica libera e democraticamente eletta non sarà stabilita in Iran…. Ci sono due fattori significativi nel conflitto nell’Iran di oggi:
lo stato di massima debolezza del regime e quello di massima rabbia e malcontento del popolo. Il risultato di questi fattori è stato il progresso e l’espansione della Resistenza organizzata. L’Occidente ha ignorato il popolo iraniano e la sua Resistenza organizzata come il fattore decisivo in tutti gli sviluppi relativi all’Iran per quattro decenni. Ha così permesso ai mullah di essere sul punto di avere una bomba nucleare. Ignorare il popolo iraniano e la sua Resistenza fu il fattore mancante che spiega perché l’Occidente fu colto di sorpresa durante la Rivoluzione del 1979 che rovesciò lo scià”.

Secretary Michael Pompeo standing in front of a map of Iran
La signora Rajavi ha concluso le sue osservazioni affermando che “possiamo e dobbiamo liberare l’Iran, il Medio Oriente e il mondo dal male dei mullah nucleari”.
Ha delineato i seguenti passaggi per raggiungere questo obiettivo:
“In primo luogo, imporre sanzioni globali e isolamento internazionale della dittatura religiosa. Il regime dei mullah dovrebbe essere posto sotto l’articolo 41 del capitolo 7 della Carta delle Nazioni Unite;
in secondo luogo, deferire al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite il dossier delle violazioni dei diritti umani in Iran e del terrorismo del regime clericale, in particolare i fascicoli sul massacro di 30.000 prigionieri politici nel 1988 e l’uccisione di 1.500 persone durante la rivolta del novembre 2019;
in terzo luogo, riconoscendo la lotta dei giovani ribelli iraniani contro l’IRGC e la lotta popolare dell’intera nazione iraniana per rovesciare il regime dei mullah”.
Durante la sua visita di cinque ore, il Segretario Pompeo ha anche osservato diversi reperti al museo della Resistenza, compresi quelli relativi alle rivolte popolari, alle Unità di Resistenza, al massacro dei prigionieri politici, alle torture medievali, alla replica delle celle delle carceri femminili nelle prigioni di Evin e Qezel Hessar e alle repliche del corridoio della morte e della sala delle esecuzioni nella prigione di Gohardasht.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,369FollowersFollow