martedì, Novembre 29, 2022
HomeNotizieIran NewsLa Resistenza Iraniana condanna l’uccisione del parlamentare iracheno Ayfan Saadun Al-Essawi

La Resistenza Iraniana condanna l’uccisione del parlamentare iracheno Ayfan Saadun Al-Essawi

Questo omicidio è stato commesso per reprimere la protesta popolare in Iraq

CNRI – La Resistenza Iraniana condanna fermamente l’assassinio di Ayfan Saadun Al-Essawi, membro del Parlamento Iracheno della coalizione Al-Iraqiya, in quanto mezzo per reprimere la vasta protesta popolare del popolo iracheno ed invia le sue condoglianze alla famiglia di al-Essawi, al popolo della provincia di al-Anbar, al Fronte per l’Unità Irachena guidato da Ahmad Abu-Risheh e alla coalizione al-Iraqiya. Ayfan Saadun Al-Essawi aveva partecipato alle dimostrazioni anti-governative di Fallujah ed era uno dei più convinti oppositori all’interferenza del regime iraniano negli affari interni dell’Iraq. Prima della sua morte, in un’intervista alla TV al-Arabiya, aveva dichiarato che “la chiusura del passaggio di confine di Tarbil (situato tra l’Iraq e la Giordania) è disastrosa per noi. Penso che questa azione miri ad opprimere il popolo di al-Anbar e viene considerato un atto di guerra contro i sunniti e la Provincia di al-Anbar.”
Ayfan Saadun aveva sempre appoggiato i residenti di Campo Ashraf e i Mojahedin del Popolo Iraniano (OMPI/MEK) ed era uno dei 133 membri del Parlamento Iracheno che recentemente avevano scritto una lettera congiunta al Segretario Generale delle Nazioni Unite  a sostegno dei residenti la quale affermava:
“I residenti di questo campo (Camp Liberty) sono rifugiati politici e sono considerati ‘Persone Protette’ sotto la protezione delle leggi internazionali… E’ necessario che tutte le sanzioni e le limitazioni imposte a Camp Liberty vengano rimosse … I residenti devono anche godere del diritto di libertà di circolazione fuori dal campo e il diritto di vedere i loro avvocati, i parlamentari e le delegazioni straniere” e “devono potere – senza restrizioni – vendere le loro proprietà in Iraq o ad imprese fuori dall’Iraq o trasferirle ovunque vogliano.”
I 133 parlamentari hanno chiesto al Segretario Generale di “garantire i diritti di questi rifugiati secondo gli standards internazionali e i diritti umani” e di “riconoscere questo campo come un campo per rifugiati sotto la supervisione dell’UNHCR.”
Ayfan Saadun Al-Essawi e gli altri patrioti iracheni, che si erano sempre opposti al sostegno iraniano alla dittatura irachena, ricevevano continuamente minacce dalla Forza terroristica Qods iraniana e dai suoi affiliati iracheni.
Lunedi 1° Gennaio 2013, lo Sceicco Mohammed Taher Abde Rabeh, capo della tribù Al-Jabbour, è stato ucciso nella provincia di Ninawa in Iraq.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
16 Gennaio 2013

 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,396FollowersFollow