venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeNotizieIran NewsL’Unione Europea e la vergognosa missione in Iran: dimenticati i 1500 morti...

L’Unione Europea e la vergognosa missione in Iran: dimenticati i 1500 morti durante la repressione

IlRiformista, 5 Febbraio 2020  Di Elisabetta Zamparutti 

Alla Camera dei Deputati si è svolta una conferenza stampa promossa da Nessuno tocchi Caino-Spes contra spem per dire, come dicono i manifestanti anti-regime in Iran: bisharaf che in persiano vuol dire vergogna.

Vergogna del regime iraniano ma vergogna anche di un’Europa che si relaziona ad esso solo in termini di accordo nucleare o di aspetti economici senza minimamente tenere conto della repressione ai danni del popolo.

L’evento di oggi è stato una risposta alla visita di questi giorni dell’Alto Rappresentante UE per la politica estera Joseph Borrel in Iran. Una vista che è stata considerata una burocratica legittimazione del regime tanto da parte dell’Amb. ed ex Ministro degli esteri Giulio Maria Terzi, quanto da parte dei parlamentari Roberto Rampi (PD), Renata Polverini (FI), Federico Mollicone (FdI), dall’esponente del Partito Radicale Laura Harth e di Behzad Bahrebab della Resistenza Iraniana che hanno partecipato all’incontro di oggi,
LEGGI ANCHE
• Il carnefice è Teheran, non solo Soleimani
• In Iran 40 anni di repressione, giustiziati anche i ragazzini

Borrell ha infatti detto di “aver avuto mandato dal Consiglio Affari Esteri europeo per andare in Iran a seguito dei tragici eventi avvenuti dall’inizio dell’anno al fine di accrescere la stabilità e la fiducia tra gli attori della regione il che è importante anche per gli europei. Perchè la sicurezza e la stabilità nella regione riguarda direttamente anche la nostra sicurezza e stabilità”. Non ha però speso una parola sugli almeno 1.500 morti durante la repressione, sui 12.000 arrestati di cui nessuno sa nulla né sulla natura sanguinaria di questo regime in guerra da quarant’anni con il popolo iraniano prima ancora che con Paesi stranieri. In questo modo per l’Europa, diritti umani e Stato di Diritto, sono fattori non rilevanti per la stabilità e la sicurezza.