domenica, Novembre 27, 2022
HomeNotizieIran NewsIran:un prigioniero politico proclama lo sciopero della fame come protesta per le...

Iran:un prigioniero politico proclama lo sciopero della fame come protesta per le condizioni disuman

ImageCNRI- Un prigioniero politico,mercoledi, ha proclamato lo sciopero della fame per protestare contro le condizioni medievali della prigione e le restrizioni disumane imposte nelle prigioni del regime iraniano, e prigioniero normale è morto dopo essere stato detenuto in isolamento per due anni.
Secondo le notizie ottenute, Arjang Davoudi, che è stato rinchiuso nel Braccio 3 della prigione Gohardasht di Karaj, l'agente di custodia, Ali Haj Kazem, ha posto il signor Davoudi in condizioni intollerabili in isolamento e privato delle cure mediche.

Una delle dita del signor Davoudi è spaccata da tre mesi ed è in una brutta condizione. Gli agenti del regime clericale hanno anche tagliato i contatti telefonici del signor Davoudi con la sua famiglia. Hassan Zare Dehnavi, un torturatore del campo di morte Kahrizak, ha venduto la casa del signor Davoudi, che era chiusa a chiave, ad altri agenti del regime, ponendo la moglie in difficili circostanze.
Separatamente, il regime clericale ha ucciso un prigioniero comune nello stesso carcere a Gohardasht per aver aiutato i detenuti delle rivolte nazionali. Il prigioniero, che ha sfidato coloro che lo interrogavano, è stato posto in isolamento per due anni in condizioni intollerabili e alla fine è morto il 20 giugno. Il prigioniero non identificato ha mantenuto le proteste contro le politiche del regime disumano, facendo disperare i torturatori del regime. Essi lo hanno minacciato di morte.
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,375FollowersFollow