mercoledì, Febbraio 1, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaIran:I manifestanti alle Nazioni Unite chiamano Ahmadinejad 'assassino'

Iran:I manifestanti alle Nazioni Unite chiamano Ahmadinejad ‘assassino’

ImageNEW YORK (CNN, 23 settembre ) – Sono venuti a New York da luoghi lontani, hanno detto, per dare voce a coloro che sono ridotti al silenzio in patria.

Volevano sostenere la loro posizione davanti alle Nazioni Unite, dove Mahmoud Ahmadinejad ha parlato all’Assemblea Generale. Hanno chiamato il presidente iraniano “terrorista”. E un assassino.

“Azadi! Azadi!” ruggivano in farsi. “Libertà”

“Hazer! Hazer!” scandivano. “Pronti”.

“Siamo pronti per il cambiamento” ha detto Moslem Filabi musulmano, un ex campione di wrestling iraniano, ai manifestanti riuniti nella via dalle Nazioni Unite al Dag Hammarskjold Plaza.

Una di loro era Khazri Fateh, che ha dichiarato che suo padre è stato imprigionato in Iran per presunti legami con i dissidenti. E’venuta da Londra, in Inghilterra, per esprimere la sua opinione.

“Ahmadinejad è un terrorista. Ahmadinejad è un assassino. Egli deve lasciare l’Iran”, ha detto.
Mahyar Harsini proveniva da Colonia, in Germania. “La gente nel nostro paese non ha voce. Siamo qui a parlare per loro perché non sono in grado”.

Gli organizzatori della protesta, una coalizione di gruppi iraniani-americani che si sono riuniti ogni volta che Ahmadinejad ha visitato le Nazioni Unite, hanno diffuso la protesta via satellite e su Internet, permettendo che la gente in Iran vedesse l’opposizione al regime iraniano.

“Come si puٍ l’America lascare una persona in questo posto?” ha chiesto Kamal Bayog del Lussemburgo. “Deve essere espulso dal U.N.” Alcuni manifestanti indossavano cappelli ricamati con lo slogan “Viva Rajavi” e hanno realizzato immagini di Maryam Rajavi, leader del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, che vive in esilio.

Bandiere e palloncini viola volavano in alto in sostegno dell’opposizione della Rajavi quando ella ha parlato manifestazione via satellite da Parigi, Francia.

“Esorto le Nazioni Unite a condannare il regime iraniano e i loro crimini, il peggiori crimini umanitari”, ha detto. “Quelli di voi qui presenti sono i più coraggiosi che rappresenta l’Iran. Ahmadinejad è il nemico dell’Iran”.

La folla ha risposto: “Rajavi, sى. Ahmadinejad, no.”

Altri manifestanti indossavano divise insanguinate della prigione e cappi al collo, simbolo della repressione sotto il regime islamico, hanno detto. Una donna sedeva circondata da pietre, utilizzate in Iran come metodo d’esecuzione.

Anche l’ex sindaco di New York Rudolph Giuliani ha parlato alla folla. “Voi e la vostra causa”, ha detto, “siete la migliore speranza per l’Iran”.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow