sabato, Dicembre 10, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaIran: Un Mullah chiede la ripetizione degli omicidi di massa del 1988

Iran: Un Mullah chiede la ripetizione degli omicidi di massa del 1988

ImageCNRI – Seyed Hamid Rohani, un religioso uomo di fiducia del fondatore del regime e del suo attuale leader ha avvertito che se un ripetersi del massacro del 1988 "e un approccio fermo e rivoluzionario" non avrà luogo per quanto riguarda l'insurrezione nazionale del popolo iraniano, "i problemi persisteranno."

Nel 1988, sulla base di un decreto religioso dal fondatore del regime dei mullah, Ruhollah Khomeini, e l'affermazione dei leader dell’ attuale regime, tra cui Ali Khamenei, Ali Akbar Hashemi Rafsanjani e Mohammad Khatami, migliaia di prigionieri politici sono stati giustiziati nell’arco di diverse settimane. Molti avevano già finito la loro pena detentiva.

Gruppi di diritti internazionali hanno dichiarato che il famigerato “massacro del 1988" ha preso la vita di migliaia di persone. Molti dei giustiziati, che ammontano a 30.000 persone, erano membri e sostenitori dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano (PMOI / MEK). Sono stati sepolti in fosse comuni.

Seyed Hamid Rohani ha chiesto in un'intervista a "Sepidar," l'organo della cosiddetta "Organizzazione Bassij degli studenti dell'Università di Teheran," il massacro dei prigionieri politici arrestati durante le proteste anti-regime di recente.

Ha fatto riferimento ai omicidi del 1988 e ha ammonito, "se una approccio fermo, duro e rivoluzionario non è adottato in merito la sedizione recente, questi problemi persisteranno."
Le osservazioni recenti di Ziarati circa le uccisioni di massa dei prigionieri politici nel 1988 sono state senza precedenti. Ha detto, "I membri del PMOI incarcerati che tatticamente erano pentiti. Dopo l'accettazione del cessate il fuoco [della guerra Iran-Iraq dal regime nel 1988] … questi prigionieri si sono ribellati e ha iniziato a dar fuoco alle carceri".

Queste osservazioni, che sono state fatte per la prima volta 22 anni dopo il massacro dei prigionieri politici, sono in contrasto con le migliaia di relazioni pubblicate sinora da varie fonti.

All'inizio del 1988, meno di tre mesi prima Hamid Rohani, attualmente storico ufficiale del regime, Khomeini ha chiesto la scrittura della storia della " Rivoluzione Islamica ". Rohani ha redatto e pubblicato una voluminosa biografia di Khomeini in tre volumi.

In seguito è stato nominato presidente dell’Organizzazione degli Archivi della Rivoluzione Islamica, che è un organo ufficiale del regime. Poco dopo il conflitto di Rohani con un chierico e sostenitore di Mahmoud Ahmadinejad, presidente dei mullah in corso , ha presentato le sue dimissioni. In seguito ha istituito la "Fondazione per la Storia Iraniana Contemporanea".
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,487FollowersFollow