sabato, Novembre 26, 2022
HomeNotizieArticlesIran: Tentativi falliti dei mullah in Iraq

Iran: Tentativi falliti dei mullah in Iraq

CNRI, 12 luglio – Due settimane fa, in un rapporto classificato, fuoriuscito da una loro seduta, il comitato supremo di pubblicità dell’ Iraq, il Consiglio di sicurezza nazionale del regime iraniano (SNSC) (IPC), i corpi delle guardie rivoluzionarie iraniane (IRGC) i comandanti più importanti, il  direttore della Comunità per l’affinità religiosa (CRA) ed alcuni alti membri dell’organizzazione per la cultura islamica e la comunicazione (OICC) hanno presentato la loro ultima valutazione degli sviluppi in Iraq.

 Lo SNSC ha ricevuto i rapporti sull’ostilità esasperata della popolazione irachena nei confronti dell’ IRGC e dell’intromissione della forza Qods negli affari del paese. Il risultato della riunione sono state le seguenti istruzioni per il personale  della forza Qods e dell’IRGC entrambi presenti in Iran e Iraq:
Il • nei prodotti dei media pubblici, gli operatori del regime dovrebbero sollecitare l’unità di Shiiti e di Sunniti. Considerando che, nelle istruzioni interne per i loro agenti in Iraq, i Sunniti dovrebbe essere dipinti come l’ostacolo principale nell’ambito dell’espansione dell’egemonia e del controllo del paese dei mullah e dovrebbero essere espulsi dalle loro posizioni, essere assassinati o rimossi in tutti i modi possibili;
Il • la presenza degli Stati Uniti deve essere introdotta come la sola fonte della violenza settaria e deve emergere che sono gli Stati Uniti che necessitano di maggiore agitazione in Iraq;

 Gli elementi dell’esercito del Mehdi di Moqtada Sadr e del Consiglio supremo per la rivoluzione islamica in Iraq (SCIRI) devono dare risalto a pubblicamente all’unità di Shiiti e di Sunniti nella loro lotta comune contro l’occupazione degli Stati Uniti ed in particolare hanno l’operazione di fomentare l’agitazione popolare contro le forze degli Stati Uniti in Iraq. Mentre questi elementi hanno la missione di denunciare publicamente la violenza religiosa, dietro le scene, il loro compito è accendere la repulsione e infiamare il sentimento anti-Americano inflaming;
Il • durante le istruzioni interne dei suoi seguaci fanatici, i comandanti della forza Qods in Iraq hanno rivelato il loro volto  reale presentando i Sunniti come loro nemici principali che si levano per espandere la dominazione dei mullah in tutto l’Irak;
Il • gli agenti del regime iraniano hanno insegnato ai loro mandatari nel  paese a predicare che la presenza degli Stati Uniti in Iraq è l’unica fonte della violenza settaria e dovrebbe essere terminata a tutti i costi;
Gli elementi dell’esercito del Mehdi e dello SCIRI devono pubblicamente enfatizzare che gli Shiiti e i Sunniti sono fratelli  uniti nella loro lotta comune per la cacciata del nemico che non sono altri che le forze degli Stati Uniti. In effetti devono mobilitare e provocare le gioventù dei Sunniti contro gli Stati Uniti mentre fingono di non aver niente a che fare con la diffusione della violenza;
Il • in particolare nella provincia di Diyala, a nordest di Bagdad, gli Stati Uniti dovrebbero essere presentati come collaboratori con i capi tribali dei sunniti nel complotto per la destabilizzazione del governo dello Shiita Al-Maliki’s di Nuri. Secondo queste istruzioni dal IPC, i mullah che lavorano per la forza Qods in Iraq dovrebbero concentrare i loro sforzi nel perseguire il pubblico lungo queste linee in Moschea ed i centri religiosi di tutto il paese.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,364FollowersFollow