lunedì, Giugno 24, 2024
HomeNotizieIran NewsIran News: il regime clericale ha usato 100.000 migranti afgani per aumentare...

Iran News: il regime clericale ha usato 100.000 migranti afgani per aumentare la partecipazione ai funerali di Raisi, ammette l’agenzia di stampa

L’agenzia di stampa ufficiale del regime iraniano ha riconosciuto venerdì che Teheran ha usato i migranti afgani per sostenere la folla ai funerali del presidente del regime, Ebrahim Raisi, a Mashhad.

L’Agenzia di stampa della Repubblica Islamica (IRNA) ha riferito che oltre 100.000 migranti afgani residenti a Mashhad hanno partecipato al corteo funebre per Raisi. ” Secondo la Direzione generale degli affari degli stranieri e degli immigrati a Khorasan Razavi, più di 100.000 afghani hanno preso parte alle cerimonie funebri e funebri di Raisi e dei suoi compagni”, ha dichiarato IRNA.

“Mashhad, dopo Teheran, ospita il maggior numero di migranti stranieri, con quasi 400.000 stranieri registrati, compresi quelli con carte d’identità speciali, passaporti, passaporti familiari e documenti di censimento, tutti registrati nel sistema SIAM del Ministero dell’Interno”, ha aggiunto IRNA. Inoltre, circa 300.000 stranieri non registrati risiedono a Mashhad, tra cui quelli con passaporti scaduti, che sono considerati immigrati illegali. Negli ultimi mesi, circa 100.000 di questi migranti privi di documenti sono stati rimpatriati.”

Le politiche del regime clericale nei confronti dei rifugiati afghani sono state oggetto di critiche nel corso degli anni, in particolare per quanto riguarda le difficoltà che incontrano nell’accesso all’istruzione e all’occupazione e le restrizioni al loro movimento e residenza in diverse province.

Per decenni, il regime ha sfruttato la situazione dei migranti afgani attraverso le sue politiche sull’immigrazione per ottenere vantaggi politici. Pur sostenendo di fornire rifugio e alloggio per ottenere il sostegno dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), il regime ha attuato discriminazioni sistemiche e maltrattamenti nei confronti dei cittadini afghani. Inoltre, il regime recluta uomini e ragazzi afghani in gruppi per procura per sopprimere le proteste e far avanzare le sue ambizioni in Siria, Iraq e Libano, approfittando della povertà e delle difficoltà delle loro famiglie.

Nel luglio 2023, i rapporti indicavano che alcune scuole pubbliche in Iran stavano addebitando illegalmente agli studenti afgani l’iscrizione. In precedenza, il Direttore generale degli affari dei cittadini stranieri e degli immigrati nella provincia di Kermanshah ha annunciato il divieto ai cittadini afgani di viaggiare, risiedere e lavorare in 16 province tra cui Azerbaigian orientale, Azerbaigian occidentale, Ardabil, Zanjan, Kurdistan, Kermanshah, Ilam, Lorestan, Chaharmahal e Bakhtiari, Kohgiluyeh e Boyer-Ahmad, Gilan, Mazandaran, Sistan e Baluchestan, Hormozgan e Hamedan.

Un altro rapporto del Fardaye Eqtesad ha elencato altre province con divieti di residenza parziali per i cittadini afghani, tra cui Isfahan, Bushehr, Khorasan meridionale, Khorasan Razavi, Khuzestan, Semnan, Fars, Qazvin, Kerman, Golestan, Markazi e Yazd.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow