mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeNotizieIran News"Esperti iraniani" e il loro ruolo nel plasmare le politiche occidentali sulla...

“Esperti iraniani” e il loro ruolo nel plasmare le politiche occidentali sulla resistenza iraniana

iran lobby expert regime (1)

Recenti rivelazioni riguardanti il coinvolgimento di individui identificati come “esperti iraniani”, con affiliazioni al regime clericale, all’interno del governo degli Stati Uniti, hanno suscitato notevole sorpresa a Washington e oltre. Questi individui, uno dei quali è attualmente un dipendente del Dipartimento della Difesa, hanno svolto un ruolo fondamentale nello svolgimento di una campagna di influenza all’interno dei circoli decisionali statunitensi e nella diffusione dei punti di discussione del regime iraniano su diverse questioni, tra cui colloqui sul nucleare, sanzioni e opposizione.
Tuttavia, è importante riconoscere che la manipolazione del processo decisionale strategico occidentale da parte di agenti iraniani non è un evento recente.
Più di due decenni fa, il regime iraniano ha impiegato una figura etichettata come leader dell’opposizione irachena, Ahmad Chalabi, per influenzare la comunità di intelligence degli Stati Uniti a credere che l’Iraq, un avversario significativo dell’Iran, possedesse armi di distruzione di massa. Inoltre, altri individui percepiti come “esperti iraniani” hanno persuaso con successo Washington, così come i media occidentali, che l’Esercito di liberazione nazionale iraniano stava nascondendo il nascondiglio iracheno di armi chimiche e biologiche. Le conseguenze di questa vasta manovra di intelligence sono state altamente dannose, portando a un importante errore di calcolo strategico da parte degli Stati Uniti che ha portato a gravi ripercussioni per l’Iraq, il Medio Oriente e, in effetti, il mondo.
Per oltre tre decenni, il regime terrorista in Iran ha eseguito un programma sofisticato per costringere la comunità internazionale ad accettare il governo della sua illegittima teocrazia a Teheran. Questa agenda è stata facilitata attraverso una vasta rete di istituzioni, organizzazioni non governative (ONG), aziende e persino dipartimenti accademici all’interno delle università. Il regime si è attivamente impegnato nell’identificazione, nel reclutamento e nell’impiego di individui disposti a difendere i propri interessi all’interno dei tre rami del potere nelle nazioni occidentali.

Alcuni individui all’interno di questa rete, influenzati da connessioni familiari o guidati da incentivi materiali, hanno raggiunto con successo posizioni di rilievo all’interno di enti governativi, think tank o media. Facendo leva sulle loro posizioni e sulla fiducia loro conferita dal sistema, continuano a diffondere informazioni che si allineano con gli interessi del regime clericale in Iran ai decisori e al pubblico in generale.

La più grande bugia che la dittatura clericale è riuscita a seminare è stata la percezione che non aveva alcuna valida alternativa al suo governo. Mentre le recenti rivelazioni e gli individui esposti rappresentano solo una frazione della vasta rete di sostenitori e agenti del regime all’estero, rimane essenziale esaminare come hanno contribuito attivamente alla sostanziale campagna di diffamazione di Teheran contro il movimento di resistenza iraniano, anche se questa è solo la punta dell’iceberg.
Una delle persone evidenziate nel rapporto Semafor è Dina Esfandiary. Ha una posizione come fellow presso il Centre for Science and Security Studies all’interno del Dipartimento di Studi sulla guerra al King’s College di Londra ed è anche ajunct fellow presso il Center for Strategic and International Studies (CSIS). Il suo lavoro è spesso descritto e utilizzato come fonte da numerose agenzie governative statunitensi, think tank e varie pubblicazioni. Inoltre, Esfandiary contribuisce costantemente alle raccomandazioni politiche riguardanti l’Iran.
Il 5 dicembre 2019, in un’analisi pubblicata dal Washington Post dal titolo ” Perché il governo iraniano ha chiuso le proteste così rapidamente e violentemente? ha presentato una prospettiva che enfatizza la resilienza del regime clericale e ha attribuito la rapida e forte repressione delle proteste alla ferma politica del governo degli Stati Uniti contro Teheran.
Esfandiary ha scritto: “L’amministrazione Trump-che fornisce una piattaforma a gruppi come i Mujahideen-e Khalq, un gruppo di resistenza iraniano in esilio una volta elencato come organizzazione terroristica straniera dal governo degli Stati Uniti e con scarso sostegno tra gli iraniani, e si è detto “soddisfatto” delle proteste — è un regalo al governo di Teheran, che indica questi come prova del complotto straniero per spodestarlo.”
Secondo Semafor, “Tabatabai attualmente serve nel Pentagono come capo di stato maggiore per l’Assistente Segretario alla Difesa per le operazioni speciali, una posizione che richiede un nulla security di sicurezza del governo degli Stati Uniti. In precedenza ha lavorato come diplomatico nel team di negoziazione nucleare iraniano di Malley dopo che l’amministrazione Biden è entrata in carica nel 2021.”
Il suo nome può essere trovato in numerosi studi e rapporti utilizzati dalle istituzioni governative e dai media mainstream. Accanto alle raccomandazioni politiche sull’Iran in vari settori, ha nutrito una particolare passione per la diffamazione dell’Organizzazione dei Mojahedin del popolo (PMOI / MEK) per molti anni.
Nel 2014, ha scritto per l’interesse nazionale, ” Le voci che sostengono il MEK stanno ignorando le lezioni di alcuni dei più catastrofici errori di politica estera degli Stati Uniti negli ultimi decenni, esortando Washington a ripetere la storia.”
In uno studio della RAND presentato alla Sottocommissione per gli affari esteri della Camera degli Stati Uniti sul Medio Oriente, il Nord Africa e il terrorismo internazionale il 28 gennaio 2020, Tabatabai scrive: “Sebbene la legittimità della Repubblica islamica abbia chiaramente sofferto e il malcontento popolare continui a crescere, la politica degli Stati Uniti nei confronti dell’Iran deve essere basata sulla realtà. Chiaramente, gli Stati Uniti dovrebbero cercare di essere preparati a tutti gli scenari, incluso un potenziale collasso del regime—che potrebbe portare a un governo democratico amico (che rimane uno scenario a bassa probabilità per il prossimo futuro) o portare a un altro regime autoritario, come quello guidato dai Mujahedin-e Khalq (MeK), un improbabile contendente al potere con una storia preoccupante.”
Adnan Tabatabai, un altro cosiddetto “analista iraniano” residente in Germania, fornisce consulenza ai politici tedeschi ed europei e alle imprese su questioni legate all’Iran. È orgoglioso di ricordare che è stato coinvolto nell’organizzazione di dialoghi tra Iran e Arabia Saudita dal 2015.
È particolarmente impegnato ad alimentare i think tank occidentali e i media in lingua tedesca con calunnie e disinformazione sul MEK.

Tra gli altri numerosi resoconti, nel 2019, la Neue Zurcher Zeitung ha scritto: “A causa del suo ruolo nella guerra Iran-Iraq, il gruppo è “più odiato dagli iraniani oggi di al-Qaeda e IS”, dice l’esperto iraniano Adnan Tabatabai. Dal 1981, il gruppo ha usato il nome eufonico Consiglio Nazionale della Resistenza (NCRI), ma il consiglio è completamente dominato dal MEK. Anche se il MEK aveva assunto la causa della democrazia, della libertà e dei diritti umani dopo la fuga in Francia, questa era soprattutto retorica. “È fatale credere che un tale gruppo possa influenzare positivamente il processo politico in Iran”, afferma Tabatabai.”
Indipendentemente dal fatto che la recente rivelazione porterà o meno a un’azione seria e all’eliminazione degli occhi, delle orecchie e dei portavoce di Teheran nelle capitali occidentali, il danno che hanno inflitto ai paesi ospitanti e ai loro cittadini nel corso degli anni è al di là di ogni rettifica. Per decenni, la Resistenza iraniana ha messo in guardia questi paesi sulle operazioni di intelligence del regime sul loro suolo e anche se è stata affrontata con orecchie sorde, la Resistenza iraniana continuerà a esporre e far luce sui luoghi più lontani del globo dove il regime clericale continua a tramare. Questo non è solo un problema occidentale; È direttamente e interamente legato al destino della dittatura clericale.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow