mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaIran: Maryam Rajavi è una signora di coraggio e di impegno

Iran: Maryam Rajavi è una signora di coraggio e di impegno

ImageLord Russell-Johnston  

Partito Liberal Democratico della Gran Bretagna

CNRI,18 NOV- ci che segue è un estratto del discorso di Lord Russell-Johnston ad un raduno di 35.000 Iraniani a Bruxelles il 7 novembre. Il raduno è stato organizzato per invitare i ministri degli Affari Esteri dell’UE a inviare il dossier nucleare iraniano al Consiglio di Sicurezza dell’ONU:

Amici!  Le vostre facce e la vostre bandiere si dispiegano davanti a me fin dove i miei occhi possono vedere.  Ma nell’occhio della mia mente sto ancora ascoltando Maryam Rajavi (si riferisce al Presidente eletto del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniano che si era   rivolta al raduno in precedenza).  una signora di coraggio, di impegno la cui visione noi tutti condividiamo.  Maryam Rajavi ha sacrificato tutto per ottenere per l’Iran la giustizia e la libertà che il suo popolo merita.  Ed il suo giorno di sicuro verrà quando l’Iran si scuoterà dalle sue catene e camminerà a testa alta e libero.  Il giorno, come Maryam Rajavi ha detto, della vittoria.
Durante la mia vita politica ho lavorato a favore e sostenuto l’ideale della cooperazione europea, dell’integrazione per la comunità Europea.  Ho fatto cosi perché ho creduto che potrebbe essere un esempio di democrazia per il mondo.  Oggi, come Maryam Rajavi ha già detto, il comitato dei Ministri si riunisce e forse proprio ora stanno discutendo dell’Iran e delle ultime violente uscite del suo presidente terrorista.

Che siano umili e riconoscano che hanno sbagliato nel cercare di compiacere chi non puٍ essere compiaciuto a Tehran! Che siano umili e riconoscano il Consiglio per la Resistenza Iraniana come la voce della democrazia, Maryam Rajavi come la voce della speranza per l’Iran!
Che riconoscano la realtà che i Mojahedin ad Ashraf non sono un’organizzazione o un gruppo terrorista, ma una forza per il cambiamento pacifico!  Gli scopi del Consiglio per la Resistenza in Iran, oltre all’obiettivo limpido e necessario di offrire prosperità alla gente dell’Iran, comprendono anche tutti i concetti di base dei diritti dell’uomo che mi hanno animato come liberale in tutta la mia vita politica.

La separazione tra religione e stato, ovviamente il diritto di ogni uomo e donna di venerare chi desidera ma non di imporre e forzare gli ٍ altri a fare ci che non desiderano fare.

Uguaglianza dei cittadini davanti alla legge, uguaglianza fra gli uomini e le donne nei diritti, libertà di scegliere il proprio abbigliamento.
 incredibile, sapete, che l’Unione Europea non capisca tutto questo.  Che cerchi di fare appello ad una tirannia religiosa che impicca le ragazze ed i ragazzi sotto i 18 anni, che faccia questo è vergognoso.

Se l’argomento è che questa era una politica realista per realizzare progressi nei colloqui sul nucleare, allora tutto ciٍ è chiaramente fallito. Cosi torniamo ad una politica morale, cioè torniamo ai valori di base, i diritti dell’uomo, gli ideali umani, l’umanità.

Sopra noi le nubi hanno oscurato il sole.  Ma le nubi non sono permanenti. Col tempo andranno via.  Il sole dà costantemente la sua luce ed il suo calore e cosi è con la libertà.  Ci sono periodi in cui la libertà è repressa, ma l’essenza del genere umano è la libertà dei suoi individui e cosi sarà in Iran.
Ashraf Salam (Saluti ad Ashraf).

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow