giovedì, Febbraio 2, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaIran - Iraq: Ostacolato il ricovero in ospedale dei pazienti di Camp...

Iran – Iraq: Ostacolato il ricovero in ospedale dei pazienti di Camp Liberty, Deliberato ritardo nel trasferimento dei pazienti urgenti

Il crudele blocco sanitario a Camp Liberty e gli ostacoli all’accesso ai servizi sanitari per i residenti continua.

Il 15 Dicembre 2014, nonostante fosse stato tutto organizzato per il trasferimento in ospedale di cinque pazienti, all’ultimo minuto e senza alcuna ragione, gli agenti iracheni hanno impedito la partenza dei malati e perciò questi sono tutti mancati alle loro visite mediche.

Lo stesso giorno, secondo il medico iracheno del campo, una delle residenti avrebbe dovuto essere ricoverata urgentemente in ospedale a causa di un’appendicite. Ma su ordine del maggiore Ahmed Khozair, le forze dell’intelligence hanno ritardato il ricovero di questa paziente, in preda a dolori terribili, per quattro ore con la scusa di dover cambiare l’interprete e pretendendo che l’interprete venisse cambiato per tre volte.

Ugualmente il 16 Dicembre, su ordine di Ahmed Khozair, tre pazienti sono stati obbligati ad andare in ospedale senza un interprete e gli agenti hanno costretto altri due pazienti a cambiare il loro interprete tre volte. Alla fine l’ambulanza ha lasciato il campo con due ore di ritardo causando la perdita della maggior parte delle loro visite mediche. Il medico di uno dei pazienti se n’era andato dall’ospedale; a causa dell’assenza di un interprete e a problemi di comprensione, invece di prescrivere una lastra al piede del paziente, gli è stato prescritto che il piede venisse ingessato. Anche un altro paziente è stato costretto a mancare ad una visita medica prenotata da tanto tempo e che era stata rimandata di una settimana.

La Resistenza Iraniana chiede a tutti gli organismi in difesa dei diritti umani e dei rifugiati, all’Organizzazione Mondiale per la Sanità e agli altri organi competenti delle Nazioni Unite di dare inizio ad una campagna internazionale per porre fine a questo blocco disumano che è costato finora 22 vite. E, visti gli impegni presi dal Governo degli Stati Uniti e dalle Nazioni Unite riguardo alla sicurezza e al benessere dei residenti di Camp Liberty, la Resistenza Iraniana chiede il loro immediato intervento per porre fine a questo blocco e garantire il libero accesso ai servizi sanitari per i residenti.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

17 Dicembre 2014

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow