domenica, Dicembre 4, 2022
HomeNotizieTerrorismoIran - Iraq: Le armi iraniane continuano ancora a giungere in Iraq...

Iran – Iraq: Le armi iraniane continuano ancora a giungere in Iraq – generali degli Stati Uniti

ImageKUT, Iraq, (Reuters) 22 giugno  – Armi di contrabbando ed esplosivi mortali continuano ad entrare in Iraq dal vicino Iran e continuano ad uccidere i soldati americani, un comandante superiore degli Stati Uniti ha affermato giovedì.
“non è cambiato niente. È ancora uno stato relativamente fermo.
Il flusso dall’Iran in Iraq sta ancora avendo luogo„ General Maggiore Rick Lynch ha detto alla Reuters in un’intervista.

Gli Stati Uniti accusano il loro vecchio nemico di dare sostegno ai militanti in Iraq, una carica di Tehran nega e sta cercando di fare pressioni affinchè smetta di intromettersi.

Gli ambasciatori dei due paesi hanno avuto un inusuale colloquio faccia a faccia tenutosi il 29 maggio a Bagdad per discutere la sicurezza in Iraq.
Ma Lynch ha detto che non sarebbe realistico aspettarsi cambiamenti sulla base di un tempo così breve. “quello che provo a fare è attaccarmi ai fatti.
E so che all’interno del mio spazio di battaglia, ci sono munizioni segnate chiaramente con le marcature iraniane e sto perdendo molti dei miei soldati a EFPs,„ ha detto, riferendosi ai proiettili esplosivi che sono stati usati con effetto mortale contro i blindati degli Stati Uniti.
“È chiaro che la tecnologia ed le munizioni di EFP stanno venendo dall’Iran. Dobbiamo arrestare questa cosa,„ ha detto.
Lynch ha appena assunto il comando delle operazioni della provincia di Wasit nel sud-est del paese.
Ha una frontiera da 240 chilometri (150 miglia) con l’Iran e lui sta portando all’interno 3.000 truppe georgiane per interrompere il flusso delle armi e delle munizioni che compiono il loro percorso passando attarverso Wasit fino a Bagdad. Anche se la frontiera è lunga, ci sono relativamente pochi posti in cui un camion può attraversare, il che lo rende sicuro del successo ora che i punti di controllo saranno equipaggiati correttamente.

“Ora che abbiamo le unità d’emergenza sul posto ci dà la latitudine per portare avanti operazioni che non abbiamo potuto condurre prima perché non avevamo le forze disponibili,„ ha affermato.
“PULIRE, MANTENERE, COSTRUIRE„ Circa 28.000 rinforzi provenienti dagli Stati Uniti sono arrivati in Iraq per aiutare le misure repressive di sicurezza ordinate dal presidente George W. Bush.
I soldati di Lynch ed i rinforzi georgiani stanno aumentando una presenza chiara delle truppe di coalizione a Wasit che include i polacchi, i rumeni ed i salvadoregni.
Il comandante degli Stati Uniti in Iraq il Generale David Petraeus e l’ambasciatore Ryan Crocker riferiranno una relazione sullo stato di avanzamento al congresso degli Stati Uniti in settembre.
Alcune delle forze sotto il comando di Lynch erano fra le ultime dei rinforzi supplementari che dovevano arrivare in Iraq, ma era sicuro che ci sarebbe stato un miglioramento misurabile nella situazione della sicurezza da quel momento.

“Ora che le unità d’emergenza sono sul posto ho pensato che possiamo fare una profonda differenza nella situazione della sicurezza a Bagdad e nelle zone circostanti all’incirca a partire da settembre,„ ha detto.
Ha lanciato una spinta importante contro i militanti Sunniti allineati con Al Qaeda a sud di Bagdad.
Un’altra operazione principale è in corso nel nord della capitale nella provincia di Diyala “Possiamo condurre queste operazioni di sgombero contro i santuari nemici.
L’elemento preoccupante è la parte che riguarda il “mantenere”,mantenere e costruire„ ha detto.
L’esercito e la polizia iracheni devono mantenere la pace dopo che le forze degli Stati Uniti se ne saranno andate, qualcosa per la quale hanno lottato in passato. “Possiamo fare la prima parte ma le forze irachene di sicurezza devono farsi avanti per fare la parte del mantenimento.
Spetta alla popolazione irachena,„ ha detto Lynch.
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,418FollowersFollow