domenica, Gennaio 29, 2023
HomeNotizieIran NewsIran: Il regime respinge le affermazioni del capo dell'AIEA sulle ispezioni nei...

Iran: Il regime respinge le affermazioni del capo dell’AIEA sulle ispezioni nei siti nucleari

“L’organo di controllo delle Nazioni Unite sul nucleare può insistere sull’accesso ai siti militari in Iran secondo i termini dell’accordo preliminare raggiunto con Tehran”, ha detto il capo dell’organismo in un’intervista all’Associated Press.

Il regime iraniano ha raggiunto un accordo con le sei potenze mondiale il 2 Aprile che consente agli ispettori dell’ONU di procedere ad ispezioni più invasive e minor preavviso in base al “protocollo integrativo”.

“In molti altri paesi talvolta richiediamo l’accesso ai siti militari quando ne abbiamo il motivo, perché non in Iran?”, ha detto Yukiya Amano, direttore generale dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA) dell’ONU, all’AP.

“Se avremo motivo di richiedere l’accesso, lo faremo e per principio l’Iran dovrà accettarlo”, ha aggiunto.

Il leader supremo del regime iraniano Ali Khamenei, che ha l’ultima parola su qualunque accordo dell’Iran, ha escluso “qualunque misura di supervisione straordinaria” sulle attività nucleari e ha detto che i siti militari non possono essere ispezionati.

Intanto il regime iraniano sta bloccando le indagini dell’AIEA sugli aspetti militari del suo programma nucleare.

Quando gli è stato chiesto se l’applicazione del Protocollo Integrativo aiuterebbe le indagini dell’AIEA, Amano ha detto di non saperlo ancora, dato che ciò dipende dalla celerità della collaborazione dell’Iran.

Il portavoce dell’Organizzazione per l’Energia Atomica Iraniana (AEOI), Behrouz Kamalvandi, ha respinto le affermazioni di Yukiya Amano sul protocollo integrativo definendole “una sua interpretazione”.

“L’interpretazione del protocollo integrativo data dal direttore generale dell’AIEA, è sua personale….”, ha detto Kamalvandi in risposta all’intervista di Amano martedì.

“Primo, Tehran non ha ancora approvato o applicato il protocollo integrativo”, ha detto aggiungendo che “secondo, nelle disposizioni del protocollo non c’è nessun obbligo specifico per i paesi firmatari di consentire l’accesso ai loro siti militari”.

 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,898FollowersFollow