venerdì, Gennaio 27, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaIran - Comitato Italiano: Appello per l’immediato rilascio dei prigionieri politici in...

Iran – Comitato Italiano: Appello per l’immediato rilascio dei prigionieri politici in Iran

Appello del Comitato Nazionale Italiano di Solidarieta con Ashraf alla comunità internazionale per l’immediato rilascio dei prigionieri politici in Iran

ImageIl Comitato Nazionale Italiano di Solidarietà con Ashraf esprime la sua forte preoccupazione per la sorte dei prigionieri politici in Iran e chiede l’intervento urgente della comunità internazionale per salvare la loro vita.
Passano otto mesi dalla imponente insurrezione del popolo iraniano per la democrazia.. Il regime iraniano il 27 dicembre ha violentemente caricato i manifestanti, causando decine di morti e feriti e arrestando migliaia di persone. La stampa internazionale ha riportato gli slogan dei manifestanti, quali “Abbasso Khamenei” (che mirava al simbolo del regime religioso) e “Abbasso il principio del velayat-e faghih” (che puntava proprio al sistema di potere, basato sulla ‘guida suprema’).

Dopo quella grande manifestazione il regime dei mullah ha annunciato una nuova ondata di repressione per impedire le azioni di protesta nel paese.
I religiosi al potere in Iran, che hanno definito ‘mohareb’ (‘in guerra con Dio’) gli arrestati e i prigionieri politici, sono intenzionati a compiere un massacro. Il regime dei mullah ha dichiarato che  anche  l’Organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano, PMOI, è mohareb e che coloro che collaborano con essa saranno considerati  tali e puniti con la pena di morte. In questi giorni sono state arrestate numerose famiglie e parenti dei residenti di Ashraf ( la città irachena dove ci sono 3400 membri della resistenza iraniana ) in Iran..
Il Comitato Nazionale Italiano di Solidarietà con Ashraf si appella alla comunità internazionale per salvare la vita dei prigionieri politici, e chiede:
•        di spedire il fascicolo della violazione dei diritti umani e della repressione in Iran al Consiglio di Sicurezza dell’ONU, e di mettere in campo tutti gli strumenti diplomatici, politici ed economici per fare pressione sul regime iraniano affinché siano liberati tutti i prigionieri politici e gli arrestati della rivolta;
•        all’Unione Europea e agli Stati Uniti d’America di condannare fermamente la repressione contro i manifestanti da parte del regime dei mullah, e di sostenere la richiesta che ci sia la liberazione immediata dei prigionieri politici e si impedisca la loro impiccagione;
•        all’Unione Europea e ai paesi membri di rivedere le proprie relazioni economico-politiche con l’Iran fino alla cessazione  totale della repressione, della tortura e delle impiccagioni.

Cuneo lì 26 gennaio 2010
Presidente Don Aldo Benevelli

 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,889FollowersFollow