martedì, Novembre 29, 2022
HomeNotizieIran NewsIl nuovo presidente “moderato” dell’Iran ha ingannato l’Occidente

Il nuovo presidente “moderato” dell’Iran ha ingannato l’Occidente

By STRUAN STEVENSON

BRUSSELS, July 12 (UPI) L’Occidente si lascia facilmente ingannare ripetutamente dai capi fascisti religiosi dell’Iran! I maestri nell’arte dell’inganno, hanno sfidato l’opinione mondiale negli ultimi dieci anni nella loro corsa per costruire armi nucleari, ma dopo otto anni con instabile governo di Mahmoud Ahmadinejad , la Guida Suprema Ali Khamenei, infine, si è reso conto che l’unico modo per guadagnare più tempo era quello di convincere l’Occidente che un Iran moderato è possibile, anche grazie al nuovo presidente dell’Iran.

La vittoria del religioso Hassan Rohani con le recenti elezioni presidenziali in Iran, ha apparentemente soddisfatto tutte le aspettative. I media occidentali hanno detto che il nuovo presidente “moderato” sarebbe aperto ad un dialogo sull’arresto del programma nucleare e questo sarebbe un presagio di cambiamento positivo per le masse oppresse in Iran, garantirebbe il miglioramento dei diritti umani fondamentali, la libertà di espressione, e ci sarebbe la possibilità di azzerare tutte le esecuzioni pubbliche di prigionieri politici.

Purtroppo, nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Esecuzioni pubbliche, che erano state temporaneamente arrestate, durante le presidenziali sono riprese con una foga ancora più feroce. Più di 75 prigionieri, tra cui sei donne, sono stati impiccati in pubblico nelle ultime due settimane. In uno spettacolo orribile, 21 prigionieri sono stati impiccati insieme.

Questa è una barbarie e accade sotto la presidenza “moderato” Hassan Rohani! Se lui è un moderato, ringrazio Dio che l’Iran non abbia ancora eletto un conservatore!

Il regime dei mullah ricorre a una ondata di esecuzioni e misure repressive per rafforzare il clima di paura e repressione e lo fa anche per contenere l’opposizione e prevenire le proteste, soprattutto in tutti quei giovani iraniani che aspirano alla libertà e alla democrazia e combattono per la fine di questa teocrazia selvaggia. Gli studenti arrabbiati e frustrati e una crescente ondata di giovani disoccupati sanno che non devono guardare al Presidente Rohani per la moderizazione.

Il ruolo di presidente in Iran è puramente cerimoniale. La potenza totale data dalla costituzione iraniana dipende dal non eletto “leader supremo” l’ayatollah Ali Khamenei, successore del defunto Ayatollah Ruhollah Khomeini, fondatore della Repubblica islamica. Il leader supremo sostiene di essere il rappresentante di Dio e, come tale, può respingere le leggi del parlamento e anche scegliere quale i candidati possono presentarsi alle elezioni.

Ai sensi dell’articolo 110 della Costituzione iraniana, il leader supremo può licenziare il presidente e nominare e revocare i capi delle Guardie Rivoluzionarie e l’esercito, il capo della giustizia, il presidente della radiodiffusione e altri ancora. LA guida ha anche il potere di emettere un “ordine di stato” che aggira tutte le decisioni adottate da qualsiasi persona o istituzione nel paese.

Esso ha il pieno controllo e l’ ultima parola su questioni cruciali come il programma nucleare e il supporto per Bashar al-Assad in Siria

Si tratta di un segreto di Pulcinella che l’elezione presidenziale iraniana è un disturbo casuale del cerchio dirigente e anche allora le donne sono escluse, lasciando la metà della popolazione del diritto alla rappresentanza delle donne.

La vera opposizione in Iran è stato sistematicamente braccata, arrestata, torturata e giustiziata . Colpevoli di aver ucciso più di 120.000 membri e sostenitori dei Mojahedin del Popolo Iraniano, tutte queste persone sono state giustiziate nel 1980 solo per aver contrastato i mullah, e i sopravvissuti sono fuggiti all’estero e 3200 di essi sono attualmente detenuti in condizioni spaventose in una ex base militare statunitense nei pressi dell’aeroporto di Baghdad, noto ironicamente come il Campo Liberty. Come la linea del fronte dell’opposizione contro i mullah di Teheran, sono costantemente sotto attacco, anche se sono classificati come rifugiati dalle Nazioni Unite.

Colluso con il loro regime fantoccio in Iraq, il regime dei mullah iraniani ha lanciato tre razzi contro Camp Liberty, uccidendo 10 residenti inermi e ferendone centinaia, mentre le Nazioni Unite, l’Unione europea e gli Stati Uniti non ha fatto nulla, lodando l’arrivo del cosiddetto “moderato” alla presidenza.

Hassan Rohani ha rilasciato una lista di otto candidati selezionati con cura, che erano o consulenti, assistenti o rappresentanti di Khamenei.

Rohani è parte dell’istituzione da tre decenni. Ha ricoperto la carica di segretario del Consiglio supremo di sicurezza nazionale per 16 anni ed è stato nominato da Khamenei come membro del Consiglio per il potere.

Egli è stato, fino al mese scorso, rappresentante di Khamenei nel Consiglio supremo di sicurezza nazionale. Egli fu anche il capo negoziatore sul nucleare con la troika dell’UE, dove in seguito si vantò di aver conseguito con successo un importante traguardo per far avanzare il programma nucleare dell’Iran, mentre i leader europei erano impegnati nei negoziati.

L’approvazione di Rohani da parte del Consiglio dei Guardiani era un segno della sua fedeltà totale alla Guida Suprema.

Ora, il ruolo di Rohani è principalmente quello di guadagnare il tempo per gli obiettivi nucleari da parte del regime dei mullah

Esperti internazionali ritengono che in un solo anno da ora, i mullah possono avere abbastanza uranio militare per costruire un missile nucleare. OMPI ha appena rivelato un nuovo sito nucleare segreto nel nord dell’Iran, dove si dice che Rohani ha svolto un ruolo chiave.

Ma Rohani è ora di fronte a due problemi principali che costituiscono una seria minaccia i suoi tentativi di corteggiare l’Occidente. Il primo è la guerra in Siria e il secondo è l’entità delle sanzioni economiche che devastano l’Iran.

Il regime è in bilico sul bordo. Ma come tutti i regimi fascisti, la sua sopravvivenza, è basata sulla nozione del potere assoluto del leader supremo, e richiede il mantenimento di un clima di paura e di terrore.

L’illusione è che ora l’Iran abbia un presidente “moderato” e che voglia prolungare l’agonia del popolo iraniano.

Non possiamo permetterci di esitare mentre l’Iran sta costruendo un arsenale di armi nucleari. Non saranno mai i Mullah a garantire la pace, la democrazia e la libertà.

(Struan Stevenson è un eurodeputato conservatore scozzese, è il presidente della delegazione del Parlamento europeo per le relazioni con l’Iraq.)

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,396FollowersFollow