sabato, Dicembre 3, 2022
HomeNotizieIran News“Gli iraniani nel campo di sterminio di Camp Liberty devono essere riportati...

“Gli iraniani nel campo di sterminio di Camp Liberty devono essere riportati ad Ashraf,” chiedono i curdi iracheni

CNRI – Camp Liberty è un campo di sterminio e i suoi residenti devono essere riportati immediatamente ad Ashraf, hanno chiesto con un comunicato 26 personalità, membri del parlamento e partiti curdi iracheni. Questi illustri politici e personaggi pubblici hanno detto che Liberty non era né temporaneo né sicuro ed i suoi residenti sono stati ingannati per esservi trasferiti.
Il comunicato afferma: “Sono 15 mesi che i residenti di Ashraf sono stati trasferiti a Camp Liberty con la scusa di essere risistemati in paesi terzi.
“Secondo le promesse dell’ONU, Liberty doveva essere un luogo temporaneo e sicuro che rispettava gli standards umanitari ed internazionali per i rifugiati.
“Il risultato di questi impegni e garanzie è stato un trasferimento coatto imposto ai residenti di Ashraf con il quale sono stati portati da quella che era stata la loro casa per 27 anni nella provincia di Diyala, ad una prigione chiamata Liberty.
“Perciò è chiaro che questi rifugiati sono stati ingannati, che Camp Liberty non era un luogo temporaneo e sicuro e che non rispettava neanche gli standards umanitari ed internazionali. Anche i legali dei residenti sono privi di far visita ai loro clienti.
“L’attacco del 9 Febbraio 2013 a Camp Liberty, che ha causato otto morti e più di 100 feriti, ha dimostrato che Camp Liberty è diventato un campo di sterminio per i rifugiati e le minacce da parte delle forze terroristiche affiliate al regime iraniano continuano ancora.”
“L’UNHCR ha dichiarato dieci anni fa sia i residenti di Ashraf che di Liberty ‘persone protette’ secondo la Quarta Convenzione di Ginevra dicendo che il governo iracheno era responsabile della loro protezione,” dice il comunicato.
In esso si dichiara di avere due richieste fondamentali aggiungendo: “Prima di tutto, i residenti di Liberty devono essere urgentemente riportati nella loro vecchia dimora nella provincia di Diyala (Campo Ashraf) che ha un livello di sicurezza maggiore rispetto a Liberty ed il loro trasferimento verso altri paesi deve continuare da lì.
“Secono, lo status dei rifugiati di Ashraf e Liberty rientra completamente nel quadro dell’agenda dell’UNHCR e l’Alto Commissario deve assumersi questa responsabilità senza l’interferenza di Martin Kobler.”

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,408FollowersFollow