mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieTerrorismoDue iraniani sospettati di terrorismo arrestati nella capitale dell'Albania

Due iraniani sospettati di terrorismo arrestati nella capitale dell’Albania

a cura dello staff del CNRI

CNRI – I media albanesi, il 22 Marzo 2018, hanno riferito dell’arresto di due iraniani accusati di terrorismo avvenuto a Tirana. Giovedì mattina, due cittadini iraniani sospettati di attività terroristiche, sono stati arrestati fuori dal Bektashi World Center, poco prima dell’inizio della celebrazione del nuovo anno iraniano, il Nowruz.
I due iraniani sono stati arrestati dai servizi di intelligence e dall’unità anti-terrorismo della polizia albanese.

I sospetti, identificati con le sole iniziali F.Z., 65 anni e S.M 59 anni, al momento del loro arresto stavano scattando delle foto. Ai poliziotti dell’anti-terrorismo hanno detto di essere giornalisti e di essere arrivati su invito del Bektashi World Center.
“Secondo alcune informazioni preliminari, questi due cittadini iraniani sono arrivati in Albania pochi giorni fa attraverso l’aeroporto internazionale di Rinas, passando i check-point della sicurezza senza nessun problema. I due iraniani sono stati trattenuti per ulteriori indagini dalle agenzie anti-terroristiche albanesi, a seguito di informazioni ricevute da partners internazionali che affermavano che i due erano pronti a compiere azioni terroristiche nel nostro paese”, secondo i media albanesi.
I media albanesi, con il titolo “Osservando 10 sospetti terroristi”, hanno aggiunto: “Sin dall’inizio di Marzo, le agenzie di intelligence e dell’anti-terrorismo hanno monitorato 10 individui che avrebbero potuto organizzare attività terroristiche in Albania. Tutti gli iraniani che entrano in Albania restano sotto controllo durante il periodo che passano al confine e durante il loro soggiorno nel paese. Le forze di polizia del paese cono particolarmente preoccupate per i cittadini iraniani che potrebbero utilizzare i servizi segreti di Teheran per azioni tese a minacciare l’incolumità dei 3000 Mojahedin iraniani rifugiati in Albania”.
Riguardo al complotto del regime teocratico contro i Mojahedin in Albania, il comunicato del Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana del 13 Marzo 2018, ha rivelato alcuni dettagli dell’intervento del regime iraniano in Albania, dicendo che il Ministero dell’Intelligence del regime teocratico e i suoi agenti presso l’ambasciata del regime in Albania, nell’ambito di attività e incontri culturali a Teheran e Tirana, nonché attraverso l’impiego di mercenari presenti nel paese, stanno tentando di complottare e disseminare informazioni contro la Resistenza Iraniana e il PMOI in Albania. E tutto ciò mentre il regime dei mullah è assediato dalle rivolte, dalle proteste e dagli scioperi in tutto il paese e ha bisogno ora più che mai di cospirare contro il principale movimento di opposizione.
https://www.ncr-iran.org/en/ncri-statements/iran-resistance/24491-iran-regime-s-desperate-conspiracies-against-pmoi-mek-in-albania
Anche Struan Stevenson, ex-membro del Parlamento Europeo e coordinatore della Campagna per un Iran Libero, ha emesso un comunicato il 15 Marzo 2018, dal titolo “Una cospirazione contro l’opposizione iraniana con il pretesto di celebrare un poeta albanese amante della libertà”, dopo aver elencato alcune azioni del regime contro i Mojahedin in Albania, ha concluso: “Ciò detto e visto che il regime iraniano è profondamente turbato dall’interazione molto positiva del PMOI con il popolo e il governo albanese, il governo albanese deve bloccare tali misure dei servizi di intelligence del regime iraniano contro il PMOI e il reclutamento di alcuni cittadini albanesi, da parte del regime iraniano e non deve consentire al regime teocratico di disturbare la pace e la sicurezza del PMOI in questo paese…”.
https://www.ncr-iran.org/en/news/iran-resistance/24498-conspiracy-against-iran-s-main-opposition-under-the-guise-of-commemorating-the-life-of-an-albanian-poet

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,400FollowersFollow