martedì, Aprile 23, 2024
HomeNotizieDiritti UmaniManifesti di Parviz Sabeti al raduno di Pahlavi: Spaventare Teheran o dissentire?

Manifesti di Parviz Sabeti al raduno di Pahlavi: Spaventare Teheran o dissentire?

Sabeti Savak min

Il 19 febbraio a Monaco di Baviera si è tenuto un raduno dei resti dell’ex dittatore deposto dell’Iran, Mohammadreza Pahlavi, lo scià. Masih Alinejad, ex giornalista dei media di Stato iraniani e accanito sostenitore del cosiddetto movimento riformista, si è rivolto al comizio affermando di essere alla ricerca di una società laica e democratica in Iran.
Oltre a portare un ritratto di Raza Pahlavi, la folla aveva anche una foto di Parviz Sabeti, l’ex capo della divisione di sicurezza interna del SAVAK, la polizia segreta dello scià. La SAVAK è nota per la sua brutalità e, in particolare, per l’uso della tortura contro i dissidenti e gli intellettuali che si opponevano all’ex dittatura monarchica.

Parviz Sabeti if Savak closeDichiarazione di Sabeti pubblicata sul giornale, nel 1978, secondo cui il SAVAK non doveva essere sciolto

In cima al poster di Sabeti c’era scritto “Incubo dei futuri terroristi”, in riferimento alla dichiarazione di Sabeti del 1978 secondo cui il SAVAK non doveva essere sciolto, altrimenti ci sarebbe stato il caos nel Paese.

Parviz Sabeti

Il gruppo ha così chiarito che considera terrorista chiunque rifiuti la monarchia in Iran, minando così gli appelli per un sistema “laico e democratico” che Reza Pahlavi e i suoi associati, come Masih Alinejad, sostengono con zelo di avere a cuore.
Parviz Sabeti
I sostenitori di Pahlavi hanno mobilitato le folle in tutta Europa, lasciando intendere che diverse migliaia, se non decine di migliaia, di persone avrebbero partecipato alla manifestazione. Chi conosce la complessità della sfera politica iraniana capisce che si tratta di un tentativo di ingigantire il peso politico di Reza Pahlavi e di intimidire la diaspora iraniana che non è d’accordo con lui. Tuttavia, nonostante l’ampia copertura mediatica delle reti in lingua persiana, solo poche centinaia di persone si sono presentate davanti alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, alla quale hanno partecipato e parlato Reza Pahlavi in persona e Masih Alinejad.
Inoltre, la settimana scorsa, in occasione di una manifestazione che è stata poi bollata da molti iraniani sui social media come una manifestazione truffaldina, Sabeti è apparso in un comizio a Los Angeles, al quale si è rivolto Reza Pahlavi. Le persone che si associano al cosiddetto movimento monarchico hanno affermato che 80.000 – 180.000 secondo alcune testimonianze – si sono riunite nel municipio di Los Angeles. Queste cifre sono state amplificate da alcuni media di lingua persiana, che hanno fatto riferimento a un articolo del Los Angeles Times per sostenere le loro affermazioni sull’affluenza, che contraddicevano il resoconto della polizia locale di tre o quattromila persone. Il LAT ha poi rivisto l’articolo e il titolo, affermando che le presenze erano state effettivamente migliaia.

BUQ2TY1INdJfa1Rx2jp4O8eGBJdIQXsKebU7MfN1Savak 2 1

SAVAK 3

Ufficio di Parviz Sabeti nell’edificio di integrazione Mohammad Reza Pahlavi (Shah) visita la 

Shah Savak

L’edificio principale del SAVAK per l’integrazione e la tortura dei prigionieri politici a Teheran

Savak SabetiSavak 4SAVAK Parviz Sabeti (a sopra) Conferenza stampa di Parviz Sabeti sul rapporto della SAVAK.
In seguito allo spettacolo mediatico, diversi iraniani che avevano partecipato alla manifestazione hanno postato sui social media filmati in cui si rammaricavano di aver preso parte a una manifestazione che avrebbe dovuto esprimere sostegno al popolo iraniano, ma che è stata invece dirottata dai monarchici e utilizzata come palcoscenico per promuovere particolari slogan e mostrare manifesti di Reza Pahlavi e del suo erede.
Tuttavia, il regime clericale di Teheran sta sfruttando appieno questi sviluppi, sostenendo che le potenze straniere, i dignitari e i parlamentari che sostengono la rivolta in Iran stanno sostenendo il ritorno alla dittatura dello Scià e la rinascita del SAVAK. Dopo che i seguaci di Pahlavi hanno messo in mostra Parviz Sabeti, i media di Stato iraniani hanno sfruttato l’incidente per scoraggiare l’adesione alle proteste.

SavakApolo, strumento di tortura usato dal SAVAK
In seguito alla rivolta scoppiata dopo la morte di Mahsa Amini nel settembre 2022, il regime ha raddoppiato gli sforzi per dipingere l’opposizione all’estero come frammentata e disorganizzata.
La risposta del regime iraniano a questi sviluppi non sorprende. Da tempo usa la paura e le accuse di interferenze straniere per screditare qualsiasi opposizione al suo governo.
Mentre il mondo guarda e aspetta di vedere cosa succederà in Iran, è importante ricordare che sarà il popolo iraniano stesso a determinare il futuro del Paese. L’incidente di Monaco può sembrare piccolo e poco importante, ma ci ricorda che la strada verso la libertà è accidentata. Per anni, il regime omicida ha cercato di proteggersi dal dissenso promuovendo il miraggio delle riforme e della moderazione.
Queste persone cercano di invitare la nazione a tenersi lontana da approcci radicali e affermano di cercare un modello colorato di unità, tifando per la collaborazione con l’IRGC e il Basij e abbracciando orde di “ex funzionari iraniani” appena usciti dai cancelli degli aeroporti. Ma, con loro disappunto, il popolo iraniano ha dimostrato di seguire una tabella di marcia diversa grazie al coraggio e alla determinazione con cui lotta per la democrazia e i diritti umani.

Tuttavia, il popolo iraniano ha dimostrato più volte che non si lascerà scoraggiare. Nonostante i tentativi del regime di seminare paura e divisione, le proteste sono diventate più intense e la richiesta di cambiamento rimane forte.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow