mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeNotizieDiritti UmaniLa fragile stabilità dell’Iran dipende dalla situazione della sedicenne Armita

La fragile stabilità dell’Iran dipende dalla situazione della sedicenne Armita

armita geravand hospital

Di Mahmoud Hakamian

Secondo quanto riportato da media locali e statali, si è verificato un incidente nella metropolitana di Teheran che ha provocato un grave trauma cranico per una ragazza di sedici anni di nome Armita Geravand. Lei è stata ricoverata in ospedale e successivamente è caduta in coma. In risposta, il regime teocratico ha rafforzato le misure di sicurezza e sta monitorando da vicino la situazione. Secondo quanto riferito, Armita Geravand è in cura presso l’ospedale militare Fajr, dove sono in atto severi controlli di accesso.
In meno di 48 ore, i genitori di Armita sono stati portati alla televisione statale per offrire parole rassicuranti e ringraziare l’ospedale statale per il trattamento della figlia, con una donna sconosciuta che, in piedi accanto alla madre di Armita, metteva in guardia il pubblico contro le insinuazioni.
Una giornalista del quotidiano statale “Sharq” è stata immediatamente arrestata mentre tentava di ottenere un’intervista esclusiva con i genitori della vittima. È stata rilasciata dopo avere appreso duramente che non poteva perseguire le sue ambiziose aspirazioni giornalistiche a scapito della “sicurezza nazionale”.
Da quel momento, i media statali hanno diffuso resoconti identici sull’incidente, indicando che le “narrazioni editoriali” sono sistematicamente controllate e dirette dal Ministero dell’Orientamento e della Cultura. È stato reso pubblico un video altamente manipolato di una telecamera a circuito chiuso della metropolitana di Teheran.
Tutto indica che il regime teocratico è in piena allerta, cercando di impedire il ripetersi degli episodi che hanno portato alla rivolta nazionale del 2022. Un evento che ha sradicato il miraggio di stabilità e solidità del regime clericale.

Il 4 ottobre, Maryam Rajavi, la presidente-eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran, ha criticato la risposta ansiosa del regime nel gestire la narrazione autorizzata dallo Stato di un incidente che ha coinvolto un’adolescente. La signora Rajavi ha esortato le Nazioni Unite a intervenire e impedire al regime di distorcere la verità, un atto che sta mettendo a dura prova le vite e le prospettive di un’intera nazione.
Il 13 settembre 2022, Mahsa Amini, una ragazza di 22 anni di Saqqez che era in visita alla sua famiglia a Teheran, fu arrestata dalla pattuglia della “polizia della moralità” e subito dopo essere stata portata in un “centro di disciplina” cadde priva di sensi ed entrò in coma. Tre giorni dopo morì all’ospedale Kasra di Teheran e, una volta che la notizia si diffuse, un’intera nazione esplose nella rabbia per esprimere ciò che provava per quattro decenni di oppressione, discriminazione e tirannia.
Dagli anni ’90, numerose rivolte provinciali e nazionali hanno attraversato l’Iran, e ogni volta che le masse sono riuscite a superare l’atmosfera soffocante di intimidazione hanno chiesto la destituzione dell’intero regime. Ma rispetto a tutti i precedenti tentativi di rivolta e insurrezione, la rivolta del 2022 differiva in modo significativo in termini di espansione geografica, resistenza e dati demografici.
Nelle rivolte precedenti la “Guida Suprema” del regime poteva unire le fazioni rivali attraverso apparizioni pubbliche e mobilitare l’ampio apparato di sicurezza, ma la rivolta del 2022 ha mostrato una deviazione da questo modello. Nonostante sei ferventi discorsi di Ali Khamenei, numerose manifestazioni organizzate in proprio favore e mesi di arresti e omicidi, il regime si è rivelato inefficace nel reprimere una società inflessibile.
Il 19 ottobre 2022, dopo avere acquisito documenti altamente riservati provenienti dall’interno del regime, la Commissione Sicurezza e Antiterrorismo del CNRI espose le direttive del comandante in capo dell’IRGC su come affrontare la rivolta. I documenti mostravano come Hossein Salami spiegasse il modus operandi dell’IRGC riguardo al personale di sicurezza scontento e i suoi ordini di astenersi da usare armi letali e optare per misure volte a sollevare il morale dei comandanti delle basi di sicurezza e delle unità della milizia Basij.
I ripetuti appelli di Khamenei, molto amplificati dai media statali e dalle figure militari, che esortavano gli alti dirigenti del regime a unirsi e dimostrare sostegno alla sua guida, furono ignorati. Al contrario, un numero crescente di funzionari statali, indipendentemente dalle loro passate inclinazioni politiche, iniziarono a criticare apertamente il regime. L’atto di voltare le spalle a Khamenei ha guadagnato terreno ed è diventato un sentimento prevalente.

È vero che il regime teocratico aveva acquisito maestria nel sopravvivere a molteplici crisi nazionali e internazionali, ma i suoi ultimi tentativi di tenere sotto controllo la vibrante nazione iraniana la dicono lunga sulla sua capacità malata e fallimentare. Anche il ricorso a una campagna nazionale di attacchi con veleni contro le scuole femminili e l’epurazione di professori e studenti dissidenti prima della riapertura delle scuole hanno fatto ben poco per intimidire la generazione ribelle.
Un regime che una volta sopravviveva e prosperava giustiziando centinaia di adolescenti e giovani dissidenti ogni notte è ora disperatamente in piena allerta ed è in corso una lotta a livello statale per mantenere una sedicenne in vita. Khamenei, che continua a presentarsi come la massima potenza del Medio Oriente e si vanta di affrontare il grande Satana, è costretto a dire con tono implorante ai suoi ex alleati che qualsiasi concessione o cedimento alle richieste della società culminerà inevitabilmente nel rovesciamento del suo intero regime.
Quindi, mentre il regime teocratico non può fare a meno di mantenere nelle strade il suo multiforme apparato di sicurezza, la sua intera stabilità dipende dalla sopravvivenza di ogni singolo adolescente abbastanza coraggioso da sfidare le sue norme insensate.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow