mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeNotizieDiritti UmaniFigure internazionali unite per affrontare la crisi dei diritti umani in Iran

Figure internazionali unite per affrontare la crisi dei diritti umani in Iran

HRC54 side event Iran 3 oct 2023 (1)

In concomitanza con la cinquantaquattresima sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra, il 5 ottobre si è tenuta una conferenza per esaminare la situazione dei diritti umani in Iran sotto il dominio della dittatura clericale. In questo incontro, i difensori dei diritti umani hanno fatto pressioni per l’estensione della Missione di inchiesta delle Nazioni Unite sulla brutale repressione delle manifestazioni guidate dalle donne iniziate nel settembre 2022. Hanno anche esortato le Nazioni Unite ad avviare un’indagine sull’esecuzione di massa di detenuti politici in Iran nel 1988.

Antonio Stango, moderatore di questa conferenza e Presidente della Federazione Italiana per i Diritti Umani (FIDU), ha fatto luce sulla grave situazione dei diritti umani in Iran. Stango, un esperto osservatore delle violazioni globali dei diritti umani, ha sottolineato il suo ampio monitoraggio del panorama dei diritti umani in Iran nel corso degli anni.

Rivolgendosi all’incontro, ha sottolineato gli eventi tumultuosi che si sono svolti in Iran nell’ultimo anno, riferendosi a loro come un’ondata di proteste spesso paragonata a una rivoluzione. Stango ha espresso profonda preoccupazione per la vasta repressione all’interno del paese, denotando la diffusa repressione del dissenso attraverso numerose esecuzioni e la detenzione di massa di individui che partecipano a manifestazioni pacifiche.

Sonja Biserko, ex membro della Commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite sulle violazioni dei diritti umani in Corea del Nord (RPDC) e Presidente del Comitato di Helsinki per i diritti umani in Serbia, ha sottolineato la persistente questione dell’impunità all’interno dell’Iran, sottolineata dai rapporti internazionali, e ha affermato che le forze di sicurezza del paese continuano a operare senza responsabilità, sopprimendo le libertà fondamentali e commettendo abusi diffusi. Signora. Biserko ha richiamato l’attenzione sui tragici eventi delle esecuzioni extragiudiziali del 1988, in cui migliaia di prigionieri politici persero la vita in poche settimane, sottolineando la necessità di rendere conto di questi crimini efferati.

La signora Biserko ha sottolineato la brutale repressione della rivolta del 2022 in Iran, che ha visto morti ed esecuzioni. Ha sottolineato l’importanza di rinnovare la missione di inchiesta del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite per indagare sulle proteste in corso e ha esortato a un’indagine completa sul massacro del 1988. In questa era di sfide globali, la signora Biserko ha sottolineato il ruolo vitale del diritto penale internazionale, l’accesso alla giustizia e la responsabilità per raggiungere la pace e la giustizia per tutti. Ha esortato la comunità internazionale a persistere nell’affrontare le violazioni dei diritti umani ovunque si verifichino e a rimanere fermi nel perseguimento della giustizia e della pace.

Tahar Boumedra, direttore della JVMI ed ex capo dell’Ufficio per i diritti umani dell’UNAMI e rappresentante dell’HCHR in Iraq, ha dichiarato: “La Repubblica Islamica dell’Iran ha adottato un modello di condotta nei confronti della revisione periodica universale del Consiglio per i diritti umani, dell’UPR e delle procedure speciali del Consiglio che consistono nella negazione, nella deviazione e nel rifiuto di affrontare le violazioni dei diritti umani e i loro vari pretesti. Recentemente, il Parlamento iraniano ha approvato una nuova legge sull’hijab e la castità che prevede punizioni per le persone, in particolare le donne, che violano il codice di abbigliamento obbligatorio del paese. Il disegno di legge è stato approvato pochi giorni dopo il primo anniversario della morte di Mahsa Amini, una donna di 22 anni arrestata dalla polizia morale per presunta non conformità con il codice di abbigliamento obbligatorio e morta in custodia della polizia a Teheran. Ciò ha scatenato proteste a livello nazionale che sono durate per mesi e hanno causato centinaia di morti. L’Iran ha firmato e ratificato il Patto internazionale sui diritti civili e politici, ICCPR, il 24 giugno 1975 sotto il regime dello Scià. La Repubblica Islamica dell’Iran non ha mai notificato o significato il suo ritiro da esso. Pertanto, è vincolato da tutte le sue disposizioni.”

Boumedra ha aggiunto: “Numerose ONG internazionali credibili hanno documentato le sparizioni forzate e le uccisioni extragiudiziali di migliaia di prigionieri da parte delle autorità iraniane tra la fine di luglio e settembre 1988 per le loro opinioni politiche e credenze religiose. L’Ayatollah Khomeini emise una fatwa nel luglio 1988 ordinando l’esecuzione di oppositori imprigionati, compresi quelli che erano già stati processati e stavano scontando le loro pene detentive. Secondo quanto riferito, nessuno era stato condannato a morte. Il testo della fatwa fu poi pubblicato nelle memorie o memorie del grande Ayatollah Hossein Ali Montazeri, che nel 1988 era l’erede apparente di Khomeini. In un rapporto all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 14 agosto 2017, l’allora reporter speciale sulla situazione dei diritti umani in Iran, la defunta Asma Jahangir, ha scritto che tra luglio e agosto 1988, migliaia di prigionieri politici, uomini, donne e adolescenti, sarebbero stati giustiziati in base a una fatwa emessa dal Leader supremo Ayatollah Khomeini. Una commissione di tre uomini è stata creata allo scopo di determinare chi dovrebbe essere giustiziato. Nel corso degli anni, un alto numero di questi rapporti sono stati pubblicati sul massacro del 1988. Se il numero di persone scomparse e giustiziate può essere contestato, prove schiaccianti mostrano che migliaia di prigionieri sono stati uccisi sommariamente. Recentemente, queste uccisioni sono state riconosciute da alcuni dei più alti, al più alto livello dello stato. Questa è una citazione del defunto Asma Jahangir. Il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulle sparizioni forzate e involontarie, in un rapporto al Consiglio dei diritti Umani il 12 agosto 22, ha espresso preoccupazione per il continuo occultamento dei luoghi di sepoltura delle persone scomparse con la forza nel massacro del 1988.”

Il co-fondatore della JVMI ha concluso: “La richiesta di rendere conto delle esecuzioni extragiudiziali del 1988 di prigionieri politici in Iran è stata recentemente sostenuta da illustri ex giudici internazionali in una conferenza tenutasi a Parigi il 22 agosto 2023, in occasione del 31 ° anniversario del massacro del 1988, tra cui l’ex presidente della CPI e il consigliere speciale sui crimini contro l’umanità del procuratore della CPI. Tutti coloro che hanno raccomandato che ci siano strade per ritenere responsabili coloro che hanno commesso tali crimini. Il primo passo per opporsi all’impunità e garantire la responsabilità è che il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite rinnovi i mandati della missione internazionale di inchiesta per indagare a fondo e in modo indipendente sulla repressione del governo sulle proteste iniziate nel settembre 2022 e per espandere il suo mandato al massacro del 1988 o all’omicidio di massa di prigionieri politici del 1988.”

Laurence Fehlmann Rielle, membro del Consiglio nazionale della Svizzera, ha espresso profonda preoccupazione per la continua repressione e la mancanza di libertà in Iran, che colpisce in particolare le donne. La signora Rielle ha sottolineato la rivolta dopo l’omicidio di Mahsa Amini, che ha scosso il regime e contraddetto la propaganda del regime di potere risoluto.

La signora Rielle ha esortato un’azione globale urgente per lottare per l’abolizione della pena di morte, sottolineando che la comunità internazionale deve non solo condannare le esecuzioni a parole, ma anche esercitare una vera pressione sull’Iran.

Ha sottolineato la necessità che la Svizzera svolga un ruolo più solido, considerando il suo impegno per l’abolizione della pena di morte. La signora Rielle ha anche sottolineato le ampie strategie repressive del regime iraniano contro i giovani e le donne e ha chiesto un’indagine internazionale completa sui recenti eventi in Iran. Ha elogiato il coraggio delle donne iraniane e ha esortato a sforzi persistenti per garantire che i diritti umani e la democrazia prevalgano in Iran.

La rinomata sostenitrice dei diritti umani, Kirsty Brimelow KC, ex presidente della Criminal Bar Association e ex presidente del Bar Human Rights Committee of England and Wales, ha sottolineato l’urgente necessità di rendere conto del massacro del 1988 in Iran, che rimane avvolto nell’impunità dopo 35 anni.

Ha sottolineato la natura extragiudiziale delle uccisioni, denunciandole come crimini contro l’umanità. La signora Brimelow ha sottolineato che molti perpetratori detengono ancora posizioni di alto rango in Iran, e i testimoni stanno diminuendo mentre le fosse comuni vengono distrutte. Le famiglie delle vittime chiedono la chiusura e la responsabilità, sollecitando un’azione internazionale, ha detto la signora Brimelow, e ha esortato le Nazioni Unite a istituire un tribunale internazionale per un’indagine formale, sottolineando l’importanza di raccogliere prove per potenziali procedimenti giudiziari.

 

 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow