mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaAznar: Dobbiamo portare un cambiamento di regime in Iran

Aznar: Dobbiamo portare un cambiamento di regime in Iran

Aznar: Dobbiamo portare un cambiamento di regime in Iran, questo è ciò che vuole il popolo iraniano
ImageCNRI – Parlando al raduno degli iraniani a Parigi il 26 giugno, l'ex Primo Ministro spagnolo José María Aznar ricordato la rivolta del popolo iraniano lo scorso anno e ha detto che il popolo iraniano vuole un cambiamento di regime e che l’ha dimostrato nelle sue proteste, nonostante la repressione. I seguenti sono estratti dal suo discorso:

Sono molto felice di essere qui con tutti voi partecipare a questo magnifico e assai impressionante incontro oggi a Parigi con i miei amici iraniani che lottano per la libertà e la democrazia nel loro paese. Io vi appoggio. Vi ringrazio molto per il vostro invito.

Cari Amici,
Il popolo iraniano merita un governo che non sia basato su una brutale repressione. Essi meritano un governo che rispetti la dignità umana e garantisca la loro libertà e prosperità. Il popolo iraniano merita un governo diverso. Esso ha bisogno e merita un cambiamento di regime in Iran.
Gli iraniani sono un grande popolo. Oltre 30 anni fa, l'Iran ha intrapreso un corso che non avrebbe potuto essere più catastrofico per la sua popolazione, per la regione e per il mondo. Con l'ascesa dell'ayatollah Khomeini [nel 1979], la Repubblica islamica dell'Iran è diventata una forza brutale con e destabilizzante senza di lui. In primo luogo, hanno spazzato via valori come la libertà, la democrazia e la dignità di ogni persona, limiti al potere, le pari opportunità, il pluralismo, la critica e il dialogo, per non parlare della parità di genere.
E va detto forte e chiaro che il regime di Khomeini è stato costruito su una montagna di sangue iraniano. Il problema è la natura del regime attuale. All'esterno, l'Iran è diventato un potere rivoluzionario il fondamentalismo è stato esportato nel mondo e nella regione il più possibile. E a tal fine, non ha esitato a fare ricorso al terrorismo o a creare gruppi per difendere il suo programma ovunque ritenuto necessario.
Penso che nessuno sano di mente abbia ancora qualche dubbio sulle reali intenzioni degli ayatollah per quanto riguarda il loro programma nucleare. Gli ayatollah vogliono la bomba e se la comunità internazionale non prende provvedimenti efficaci per vanificare i loro obiettivi e i loro sforzi finiranno per ottenerla.
Abbiamo trascorso diversi anni di trattative diplomatiche cercando inutilmente di convincere l'Iran a fermare il suo programma. E una bomba nucleare nelle mani di uno come Ahmadinejad è un pericolo reale. Con una costante sfida alla comunità internazionale, il regime di Ahmadinejad non è solo una minaccia per il paese, ma anche per il resto della regione. Un Iran nucleare porterà solo una maggiore instabilità e diventerà una minaccia più grande per l'Europa. Pochi giorni fa, le Nazioni Unite, ancora una volta hanno deciso una risoluzione che condanna l'Iran. E 'stata la quarta negli ultimi tre anni. A loro volta, Usa e Ue hanno approvato nuove sanzioni. Non so se ogni raccomandazione ai membri della comunità internazionale di intensificare la loro pressione contro il regime porterà i frutti che le risoluzioni precedenti non sono state in grado di portare. Questo senza dubbio infiamma il regime di Teheran e i suoi elementi più pericolosi come le Guardie Rivoluzionarie. Tuttavia, le sanzioni mirano a costringere il regime ad avviare seri negoziati sul suo programma nucleare con lo scopo di portarlo a sospenderlo. Le sanzioni, dunque, non sono destinate a porre fine al regime che è ciò di cui abbiamo veramente bisogno.
Per me, fermare l’arricchimento nucleare di Teheran è indispensabile ma non sufficiente. Dobbiamo portare un cambiamento di regime in Iran. Il popolo iraniano, ha mostrato che, nonostante la repressione questo è quello che vuole e a mio parere le democrazie liberali hanno l'obbligo di sostenere la libertà in quei luoghi dove non esiste e le persone che la cercano. Purtroppo, questo non è stato fatto l'anno scorso e ho capito perfettamente la possibile sensazione di frustrazione o di abbandono da parte di molti iraniani. Nonostante le sanzioni approvate di recente, la più grande potenza del mondo a volte sembra più concentrata nel tentativo di far contenti i suoi oppositori che di aiutare le forze della libertà. E, noi europei, anche nonostante le sanzioni da poco approvate, continuiamo a preferire dare la priorità ai nostri interessi commerciali a breve termine più che ad ideali politici che dovremmo difendere tutto il mondo. … Il popolo iraniano ha sofferto abbastanza e merita qualcosa di diverso, migliore, una vita sicura in libertà. Molti devono cercare questo in luoghi diversi dal loro patria. Questo assai impressionante incontro di oggi è un buon esempio.
Ma, io non voglio concludere il mio discorso senza ricordare e offrire qualche parola di incoraggiamento a tutti coloro che non sono stati capaci di trovare condizioni come le nostre. Mi riferisco a tutti coloro che vivono nei campi profughi lontano dalle loro case e comodità, e in particolare a coloro che vivono oggi, e hanno vissuto per molti anni, a Campo Ashraf vicino a Baghdad. Creato nel 1986, simbolo di tenacia, le oltre 3000 persone che vi abitano sono ora sottoposte a vessazioni da parte delle autorità irachene, non certo perché vogliono, ma perché hanno ceduto alle pressioni del regime degli ayatollah. Pertanto, sia questo un appello alla comunità internazionale per porre fine allo stato di polizia che il regime iraniano vuole imporre al suo stesso popolo, semplicemente perché non è d'accordo con esso. Il futuro di Ashraf è legato all'Iran e il futuro dell'Iran è legata alla libertà, al rispetto per la persona, all'uguaglianza e alla dignità umana. La fine del regime di Khomeini è davvero dietro l'angolo. E 'nostro dovere garantire che tale angolo si avvicini sempre di più ogni giorno. Mentre io personalmente sosterrò sempre i miei amici iraniani, dissidenti, attivisti dell'opposizione, e la gente come voi che lotta per la libertà e la democrazia in Iran.
Grazie mille e buona fortuna.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow