lunedì, Febbraio 6, 2023
HomeNotizieIran NewsAmnesty International parla di una brutale campagna di repressione nelle università iraniane

Amnesty International parla di una brutale campagna di repressione nelle università iraniane

Negli ultimi tre decenni, le autorità iraniane hanno scatenato una brutale campagna di repressione contro studenti e docenti, i quali vengono costantemente minacciati, arrestati o a cui viene impedito di studiare o insegnare a causa del loro attivismo pacifico, credo o opinioni, ha detto Amnesty International in un rapporto pubblicato lunedì.

 

“Le università in Iran vengono percepite da molto tempo come terreno fertile per i dissidenti. Le autorità hanno costantemente dimostrato tolleranza zero verso le voci del dissenso nelle università, espellendo prontamente, arrestando, torturando e incarcerando studenti e docenti semplicemente per aver espresso pacificamente le loro opinioni o il loro sostegno a politici di opposizione”, ha detto Hassiba Hadj Sahraoui, vice-direttore del Programma per il Medio Oriente e il Nord Africa di Amnesty International.

“Le autorità iraniane hanno stretto una morsa di ferro sull’establishment accademico, consentendo persino ad organi della pubblica sicurezza e dell’intelligence di supervisionare le procedure disciplinari nelle università. Gli sforzi incessanti per stringere questa morsa sulla libertà accademica, bandire pacifici studenti attivisti ed estromettere donne e minoranze religiose, hanno soffocato la vita delle istituzioni accademiche iraniane lasciando pochissimo spazio alla libertà di pensiero e di espressione”.

Le autorità hanno trincerato dietro la politica la pratica dello “starring”, interdire dall’istruzione superiore, temporaneamente o permantentemente, quegli studenti che non si conformano alle opinioni politiche e sociali imposte dallo stato.

Il rapporto enuncia i casi di decine di studenti e docenti che sono ancora dietro le sbarre dopo essere stati accusati di tutti i possibili reati contro la sicurezza nazionale, come “diffusione di propaganda contro il sistema” o “insulti al leader supremo”. Molti di loro sono prigionieri di coscienza detenuti esclusivamente per aver esercitato pacificamente i loro diritti.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,935FollowersFollow