lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeX-NewsX-ResistanceIRAN: SOSTENERE I LAVORATORI IRANIANI IN SCIOPERO DA UNDICI GIORNI PER DIRITTI...

IRAN: SOSTENERE I LAVORATORI IRANIANI IN SCIOPERO DA UNDICI GIORNI PER DIRITTI ESSENZIALI. LA COMUNITÀ INTERNAZIONALE CHIEDA LA FINE DELLE IMPICCAGIONI

Oil, Iran

COMUNICATO STAMPA

Comitato Italiano Parlamentari per un Iran Libero

Roma, 11 agosto 2020 – Il Comitato Italiano Parlamentari per un Iran Libero esprime la massima solidarietà con le migliaia di lavoratori iraniani dei settori petrolifero, del gas e petrolchimico, che da undici giorni sono in sciopero in almeno 20 città di 12 province dell’Iran. Si tratta di operai e impiegati di 44 raffinerie e fabbriche fra le più importanti dei settori chiave per l’economia iraniana, i cui scioperi furono determinanti per il rovesciamento dello scià negli ultimi mesi del suo regime.
Oggi è il regime dei mullah ad essere scosso profondamente dalla crisi, che da tempo investe tutti gli strati della società iraniana. Se finora la repressione durissima ha colpito i manifestanti pacifici nelle strade cittadine, anche con l’uccisione di oltre 1.500 persone sparando sulla folla durante i moti dell’inverno scorso, ora abbiamo notizie dell’inizio di un’ondata di arresti fra i lavoratori in sciopero. Le loro richieste includono il pagamento di molti mesi di stipendi arretrati e i diritti sindacali di base.
Prosegue intanto da due mesi lo sciopero in un grande complesso industriale della canna da zucchero a Sush, mentre in tutto l’Iran è sempre più evidente che gran parte della popolazione chiede ormai il cambio di regime. A questo la risposta degli ayatollah è un incremento delle impiccagioni, anche di persone colpevoli solo di avere manifestato.
Il Comitato Italiano Parlamentari per un Iran Libero chiede che il governo italiano, i sindacati, le istituzioni europee e l’Organizzazione Internazionale del Lavoro sostengano senza esitazioni la lotta dei lavoratori iraniani per i loro diritti essenziali e rivolge un appello alla comunità internazionale perché sia condannata con fermezza la sanguinosa politica di repressione attuata dal regime.

Presidente: On. Stefania Pezzopane
Co-presidente: On. Antonio Tasso
Coordinatore: Dott. Antonio Stango

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,448FollowersFollow