lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeX-NewsX-ResistanceIl Raduno Iran Libero evidenzia il vero potenziale per il cambio di...

Il Raduno Iran Libero evidenzia il vero potenziale per il cambio di regime in Iran

La grande manifestazione che ha riunito tutti i sostenitori di un Iran libero è la vera ragione per credere che l’Iran sia più vicino di quanto non lo sia mai stato al rovesciamento della sua dittatura teocratica.
Questa convinzione è stata condivisa da molte personalità di spicco a livello internazionale, che hanno preso parte al vertice globale sull’Iran. L’evento ha collegato gli esuli iraniani e i loro sostenitori politici da 30.000 località diverse in oltre 100 paesi ed ha prodotto um messaggio chiaro ed inequivocabile, già per altro noto slle centinaia di legislatori ed esperti occidentali,di varia estrazione politica, che da tempo hanno consolidato il loro sostegno all’NCRI.
Circa 1000 esponenti politici si sono collegati al live streaming o hanno partecipato ai raduni che si svolgevano in contemporanea in varie città, come Washington DC, Parigi, Berlino ecc… Molti hanno tenuto la loro relazione, durante il vertice come l’ex sindaco Rudy Giuliani, il senatore Joseph Lieberman , il signor Newt Gingrich, ex presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Stephen Harper, ex primo ministro del Canada, Sid Ghazali, ex primo ministro dell’Algeria, Pandeli Majko e Sali Berisha, ex primi ministri albanesi, Michele Alliot-Marie, Giulio Terzi, John Bairf, Anna Fotyga, ex ministri degli esteri di Francia, Italia, Canada e Polonia. Infine il sig. Riad Yassin e il sig.Khaled al-yamani, ex ministri degli affari esteri dello Yemen; il sig. Jawad Anani, ex ministro degli affari esteri della Giordania. L’obiettivo comune degli oratori e di tutti i partecipanti al vertice rimane sempre il cambio radicale del regime, per dar vita ad un vero stato democratico. ” Il regime dei mullah è lo stato terrorista numero uno ed è per questo che ora è necessario agire per sbarazzarsi di un sistema chiamato Repubblica Islamica”, ha detto Giulio Terzi ex ministro degli esteri italiano nel suo messaggio al vertice sull’Iran libero. Terzi ha anche menzionato la situazione critica del regime ed ha ricordato il ruolo di guida della signora MARYAM RAJAVI ed ha dichiarato:” Il regime è molto spaventato, l’opposizione fa capo a MARYAM RAJAVI ed è ispirato dal suo programma in 10 punti per affermare la democrazia in Iran”. Terzi ha anche chiesto la chiusura delle ambasciate iraniane affermando:” Le ambasciate del regime iraniano che fungono da trampolino di lancio per il terrorismo devono essere immediatamente chiuse”. L’ambasciatore Terzi ha chiesto, infine, che i mullah fossero ritenuti responsabili del massacro del 1988 in Iran.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,448FollowersFollow