sabato, Novembre 26, 2022
HomeEventsMeetingIran: Alcuni politici del Parlamento danese chiedono la rimozione del PMOI...

Iran: Alcuni politici del Parlamento danese chiedono la rimozione del PMOI dalla lista terroristica

ImageCopenhaghen, (CNRI) – Si è tenuta nel Parlamento danese, venerdì il 1° giugno, una conferenza stampa promossa dal “Comitato degli Amici Danesi per un Iran libero” e dal “Comitato Internazionale Sakharov”. Erano presenti gli alti membri del Parlamento danese e britannico insieme ai rappresentanti del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana in Gran Bretagna e nei  paesi del nord. Hanno appoggiato la risoluzione del Comitato Europeo del Parlamento danese in merito all’esecuzione del verdetto della Corte di Giustizia sulla rimozione del PMOI dalla lista terroristica.

Tra gli oratori della conferenza erano presenti Lord Slynn, ex giudice della Corte di Giustizia dell’ UE; Lord Johnston, membro della Camera dei Lord britannica ed ex membro del Parlamento dell’ UE; il Cristian Hans Skibo, membro del Parlamento danese e del Partito della Gente; il Sig. Paviz Khazaie rappresentante del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI) nei paesi nordici; Ms Dowlat Nowrouzi rappresentante del CNRI nel Regno Unito. Il presidente della conferenza, il sig. Hans Kristian Neerskov, presidente del “Comitato Internazionale Sakharov” e del “Comitato degli amici danesi per un Iran libero” ha presentato gli oratori ed ha tracciato una breve storia dell’inclusione di PMOI nella lista terroristica. È stato detto che questa classificazione è stata annullata dalla Corte di Giustizia dell’UE tramite la sentenza del 12 dicembre 2006 che poi purtroppo è stato ignorata dal Consiglio dei Ministri dell’UE.

L’oratore seguente, Lord Slynn, ha sottolineato quanto sia importante per la credibilità del Consiglio dei Ministri occuparsi dell’inclusione del PMOI nella lista del terrorista. Il Consiglio dei Ministri deve rendersi conto che non gli è permesso legalmente mantenere chiunque desideri sulla lista. L’UE esige il rispetto della legge e l’impegno nei suoi confronti e si  deve quindi osservare la legge stessa. Originalmente, quando la lista è stata creata il requisito per l’inclusione degli individui e delle organizzazioni dipendeva dall’esistenza di prove non dal desiderio del Consiglio dei Ministri di mantenerli nella lista senza motivo. Lord Slynn ha affermato che il PMOI non è mai stato incluso nella lista terroristica delle Nazioni Unite ed in origine non era stato aggiunto neanche alla lista dell’ UE. Stando a quanto sostenuto dal ministro britannico il PMOI non aveva commesso alcun atto terroristico in Europa o in altri posti quando la Gran Bretagna lo ha inserito nella lista. È attivo contro il regime iraniano. Ciò non consente al Consiglio dei Ministri di prendere una posizione contro questa organizzazione.

Al Consiglio dei Ministri è stato chiesto di fornire delle prove ma questo non è stato fatto. Stanno agendo attraverso i procedimenti del Tribunale dell’UE. Lord Slynn ha ribadito il bisogno di condannare questa posizione del Consiglio dei Ministri e la sua azione riguardo al verdetto dalla Corte di Giustizia dell’ UE. Ha anche sostenuto in quanto  esperto in campo legale: “Vorrei esprimere il forte appoggio della Camera dei Lord britannica per questa Resistenza e nello specifico per la rimozione del PMOI dalla lista”.

L’oratore seguente è stato Lord Russell Johnston ex presidente del Parlamento dell’ UE. Ha detto che il PMOI è nel mezzo di una lotta contro il regime di Khomeini. Un regime che pubblicamente impicca e lapida la gente e viola i diritti dell’uomo quotidianamente. Purtroppo il governo britannico e Jack Straw hanno incluso il PMOI nella lista terroristica per calmare i Mullah e per esortarli a bloccare il loro programma nucleare.

Lord Johnston ha reiterato il vasto supporto all’interno della Camera dei Lord britannica e della Camera dei Comuni per la rimozione del PMOI dalla lista terroristica. Ha nominato quelli che attraverso lo spettro politico e partiti differenti sostengono il PMOI. Questi sostenitori come l’ex Procuratore Generale britannico o il Ministro degli Interni di Margaret Thatcher ed altri sostengono il PMOI molto coscientemente.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,364FollowersFollow