mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeDossiersIl rapporto Treadstone 71 sul cyberterrorismo dell’Iran contro il Mojahedin del Popolo...

Il rapporto Treadstone 71 sul cyberterrorismo dell’Iran contro il Mojahedin del Popolo conferma la paura del regime per una sua valida alternativa

Ashraf-3, sede dei membri del MEK

Un nuovo rapporto dettagliato di Treadstone 71, una società di sicurezza informatica, sulla campagna di disinformazione da parte del regime iraniano principalmente contro la signora Maryam Rajavi, presidente-eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI) e contro il principale gruppo di opposizione, l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI / MEK) evidenzia la paura e la preoccupazione dei mullah per la loro opposizione organizzata.
Il caso di studio nel rapporto Treadstone 71 riguarda la mobilitazione informatica del regime nel luglio 2020, contemporaneamente alla conferenza annuale della Resistenza iraniana “Iran Libero”, questa volta tenutasi online a causa della pandemia. Tuttavia, oltre 30.000 località erano collegate ad Ashraf 3, il complesso del MEK in Albania. L’oratore principale di questo evento è stata la signora Maryam Rajavi, e “l’hashtag principale del regime] …] ha preso di mira Maryam Rajavi”, secondo il rapporto.
Le squadre informatiche delle Guardie Rivoluzionarie del regime (IRGC) e della milizia Basij hanno guidato questa campagna. Molti profili fingevano di essere dissidenti o critici del regime, ma operavano dall’Iran ed erano profili falsi dell’IRGC.
Secondo il rapporto, questi profili, “la maggior parte con un largo seguito, si sono descritti come ‘monarchici’, ‘riformisti’ o ‘sostenitori del cambio di regime’ su varie piattaforme di social media. Una caratteristica significativa di questi account è il volto finto di giovani donne che attirano e adescano utenti ignari per l’espansione della catena di messaggi e per potenziale collaborazione”.
“L’IRGC ha utilizzato una squadra centrale di account proxy, probabilmente squadre informatiche della milizia Basiji, per attivare la messaggistica e guidare la campagna. Hanno sviluppato profili con un ampio seguito, di solito utilizzando finti profili femminili che si presentano come critici del governo ma più critici del MEK”, aggiunge il rapporto.
In Iran, il regime ha bandito tutte le piattaforme di social media. Mentre il regime e i suoi agenti affermavano di essere iraniani che si opponevano al MEK e alla signora Rajavi, Treadstone 71 evidenzia: “Quasi il 50% degli account utilizzati nella campagna erano con scarso seguito, di nuova creazione o dormienti, indicando che la campagna probabilmente utilizzava ‘bot’ (programmi automatici) per propagare i messaggi insieme ad account zombie”.
Per rendere il loro hashtag una tendenza di Twitter, il regime ha utilizzato suoi noti siti web e account. Secondo il rapporto, “I siti web guidati da netajngo.org (una creazione del Ministero dell’Intelligence – MOIS con un focus sulla demonizzazione e la distruzione del MEK con sede in Albania) hanno propagato messaggi utilizzando termini negativi nei confronti del MEK”.
Il regime ha cercato a lungo di screditare la resistenza iraniana sia online attraverso account falsi, sia nei media tradizionali. Dopo aver fallito l’attentato terroristico con una bomba al raduno “Iran Libero” del CNRI nel 2018, il regime ha cercato disperatamente di screditare la sua alternativa praticabile avviando una campagna online. Ma ancora una volta ha fallito.
Il rapporto Treadstone 71 arriva sulla scia del processo in Belgio al diplomatico terrorista iraniano incarcerato Assadollah Assadi e ai suoi tre complici. Assadi e i suoi agenti, Amir Sadouni, sua moglie Nasmieh Naami e Mehrdad Arefani, pianificarono di colpire con una bomba il raduno “Iran Libero” a Parigi nel 2018. Ma furono tutti arrestati.
Durante la seconda sessione del loro processo il 3 dicembre ad Anversa, in Belgio, il terrorista del regime Arefani, che per anni ha finto di essere un poeta ateo, ha cercato di negare il suo legame con Assadi, nonostante le prove innegabili. Si è presentato come un intellettuale, un poeta ateo, contro l’Islam, per infiltrarsi tra i sostenitori del MEK e non far pensare di essere uno degli agenti del regime.

Poiché a prima vista si potrebbe pensare che per essere un agente di un regime cosiddetto “islamista” si debba essere religioso, Arefani ha cercato di usare questo pretesto in tribunale, ma senza successo.
L’avvocato di un altro dei terroristi, Nasimeh Naami, arrestato in possesso di 500 grammi di esplosivo TATP, ha cercato di presentare Naami come un’anima innocente, i cui familiari sono “monarchici” e “contrari al velo”.
L’obiettivo del regime, nonostante le sue pretese di essere uno Stato religioso, è quello di preservare il proprio potere ad ogni costo ed eliminare la sua realizzabile alternativa. Negli anni ‘80, Ruhollah Khomeini, l’allora “Guida Suprema” del regime, ordinò ai torturatori al suo servizio di non digiunare durante il mese sacro del Ramadan, per poter torturare liberamente dissidenti e membri del MEK.
Dal momento che il regime non è stato in grado di condurre un’operazione terroristica con esplosivi contro l’opposizione, si è rivolto al cyberterrorismo, che secondo Treadstone 71 “ha molto probabilmente violato le regole di Twitter sulla manipolazione della piattaforma, sullo spam, sulla falsificazione di persona e sulla manipolazione dei media “.
Il regime usa tutti i mezzi per raggiungere il suo maligno obiettivo. Questo è lo stesso regime che ha imposto un blackout di Internet durante la rivolta del novembre 2019 per massacrare i manifestanti, ma utilizza i social media per demonizzare la sua opposizione.
Assadi ha anche usato i suoi privilegi diplomatici per trasferire una bomba in Europa utilizzando un volo commerciale, poi l’ha consegnata ad altri terroristi
Il rapporto, così come i tentativi del regime di prendere di mira la Resistenza iraniana, ritrae anche la paura del regime per la sua alternativa praticabile, che i mullah accusano per la rivolta del novembre 2019 che ne ha scosso le fondamenta.
Quindi, è tempo che la comunità internazionale agisca con fermezza. Le missioni diplomatiche del regime e i suoi cosiddetti ‘centri culturali e religiosi’ devono essere chiusi. Twitter e altre piattaforme di social media dovrebbero vietare gli account del regime, che diffonde solo odio e spiana la strada al terrorismo.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow