mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeComunicati StampaTerrorismoI centri del regime iraniano per lo spionaggio, l'esportazione del fondamentalismo e...

I centri del regime iraniano per lo spionaggio, l’esportazione del fondamentalismo e il terrorismo avrebbero dovuto essere chiusi molto prima

Imam Ali Moschee Hamburg (1)

La resistenza iraniana, che quattro decenni fa ha esposto il cosiddetto Centro islamico di Amburgo, chiede la chiusura di tutte queste strutture e l’espulsione di tutti gli agenti del MOIS, dell’IRGC, della Forza Quds e della”Cultura islamica e organizzazione delle comunicazioni”

Il Ministero dell’Interno tedesco ha annunciato oggi che sta indagando e perquisendo il “Centro islamico di Amburgo” e altre 54 località in sette stati tedeschi.

Il Consiglio Nazionale della Resistenza iraniana (NCRI) insiste sul fatto che questa struttura e strutture simili del regime iraniano avrebbero dovuto essere chiuse molto prima, per prevenire molti atti terroristici. Questo centro è direttamente finanziato e diretto dal regime iraniano e dall’ufficio di Khamenei ed è stato molto attivo nel minacciare e spiare gli oppositori del regime.

Documenti e quaderni sequestrati al diplomatico terrorista Assadollah Assadi, arrestato dalle forze di sicurezza tedesche nel luglio 2018, hanno rivelato che il cosiddetto Centro islamico di Amburgo era uno dei suoi centri di comunicazione e luoghi di incontro con agenti e mercenari del regime iraniano. Solo uno di questi taccuini conteneva 289 contatti e indirizzi, 144 dei quali erano legati alla Germania.

Il diplomatico terrorista era un alto agente dell’intelligence del regime iraniano che, sotto le spoglie del terzo consigliere dell’ambasciata iraniana a Vienna, dirigeva una rete di spie del regime in Europa. Assadi è stato condannato a 20 anni di carcere (equivalente all’ergastolo in Belgio) per il suo tentativo di bombardare un grande raduno della Resistenza iraniana a Parigi.

La rappresentanza del CNRI in Germania sottolinea ancora una volta la necessità di vietare tutte le istituzioni di spionaggio, fondamentaliste e terroristiche del regime iraniano in Germania, e chiede la chiusura di tutte queste strutture e l’espulsione di tutti gli agenti MOIS, IRGC, Quds Force e “Islamic Culture and Communications Organization”.

L’ex ministro degli esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha detto senza mezzi termini che il ministero degli esteri del regime è stato istituito fin dall’inizio con un obiettivo e una struttura di sicurezza.

Le ambasciate e le rappresentanze del regime dei mullah e tutti i centri e le strutture del regime iraniano sotto le spoglie di attività religiose e culturali non hanno altra missione che lo spionaggio e le attività terroristiche in Germania e in altri paesi europei e devono essere chiusi. Questo è essenziale per mantenere la sicurezza in Europa, in particolare la protezione e la sicurezza dei rifugiati iraniani.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (NCRI)

Rappresentanza Germania

16 Novembre 2023

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow