giovedì, Gennaio 26, 2023
HomeComunicati StampaResistenza IranianaLe università manifestano in tutto l'Iran in solidarietà con gli studenti Sharif

Le università manifestano in tutto l’Iran in solidarietà con gli studenti Sharif

Gli studenti gridano: “Dalla Sharif al Kurdistan, gli studenti sono in prigione”, “Gli studenti incarcerati devono essere liberati”

Al 18° giorno della rivolta nazionale e dopo l’eroico confronto degli studenti dell’Università Sharif di Tecnologia con le forze repressive del regime, lunedì 3 ottobre in decine di università a Teheran e in tutto l’Iran sono state organizzate proteste in loro sostegno e per la rivolta nazionale, cantando “Morte al dittatore!”.
Le istituzioni in cui si sono svolte le proteste includono Università di Teheran, Università di Scienza e Tecnologia, Meli University, Tarbiat Modares Tehran, Khajeh Nasir Tehran, Amir Kabir, Tehran Azad University, Ferdowsi Mashhad, Mashhad Azad University, Mashhad Sajjad Industrial University, Urmia University, Qom University, Ardabil University, Pars Abad Ardabil University, Semnan University, Isfahan University, Isfahan Industrial University, Najaf Abad University Isfahan, Kurdistan University, Razi Kermanshah, Kermanshah Veterinary Medicine, Natural Resources University, Birjand University, Khorasgan Azad University e Università di Scienze Mediche di Sanandaj.
Gli studenti dell’Università di Teheran hanno cantato: “Haider, Haider, è il tuo slogan; commettere il crimine è tuo onore”. Gli studenti della Meli University cantavano: “Hossein, Hossein è il tuo slogan; uccidere le persone è il tuo compito”. Gli studenti del Tarbiat Modares di Teheran hanno protestato sin da questa mattina, cantando: “Gli studenti incarcerati devono essere liberati”. Hanno anche cantato: “La libertà è un nostro diritto, Sharif è il nostro nome in codice” e “L’Iran è diventato un fronte di guerra; sei un nemico o un connazionale?”. Gli studenti della Khajeh Nasir Toosi University hanno espresso rabbia e disgusto per l’attacco della scorsa notte contro studenti indifesi da parte delle forze di sicurezza dello Stato (SSF) e delle unità speciali antisommossa, gridando “Morte ai mullah!” e “Vergogna per la nostra polizia senza onore!”.
Gli studenti dell’Università delle Scienze di Isfahan hanno cantato: “Hossein, Hossein, dove sei? Yazid è diventato un membro dell’IRGC!”. A Mashhad, gli studenti dell’Università Ferdowsi hanno affermato la loro determinazione a continuare la rivolta fino al rovesciamento della dittatura dei mullah, cantando: “Questa non è più una protesta; è l’inizio di una rivoluzione!”. Hanno anche espresso la loro solidarietà agli studenti dell’Università Sharif e hanno gridato: “Sharif è intrisa di sangue!” Gli studenti dell’Università di Shiraz hanno gridato: “Avete ucciso gli studenti della Sharif e ci state dicendo di stare zitti!” A Tabriz gli studenti si sono scontrati con la polizia, che ha aperto il fuoco su di loro. Gli studenti di Medicina del Kurdistan hanno gridato: “Dalla Sharif al Kurdistan, gli studenti sono nelle carceri!”. Nelle università di Yazd, Zanjan e Urmia, nonostante la forte presenza delle forze di sicurezza, gli studenti hanno protestato e cantato: “Gli studenti incarcerati devono essere liberati!”.
La notte prima, la diciassettesima notte della rivolta, decine di aree di Teheran, tra cui Sattarkhan, Tehranpars, Shariati, Piazza Imam Hossein verso Teymouri, Piroozi, Valiasr, Resalat, Sadr Highway, Niayesh Highway e Viale Keshavarz sono state le scene di manifestazioni e di scontri con le forze repressive, così come molte altre città, tra cui Isfahan, Karaj, Arak, Sanandaj, Mashhad e alcune della provincia di Sistan e Baluchistan.
In molte città anche gli studenti delle scuole superiori hanno manifestato contro il regime a sostegno della rivolta nazionale iraniana. Ad esempio, a Shiraz, gli studenti delle scuole superiori cantavano: “Morte al dittatore!” e “I mullah devono andarsene!”. A Mehrshahr, nella provincia di Alborz, a ovest di Teheran, le studentesse delle scuole superiori hanno cantato “Morte al dittatore!”.
Riguardo alle proteste odierne degli studenti universitari in tutto il Paese, la signora Maryam Rajavi, presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI), ha affermato che, sulla scia del coraggioso confronto degli studenti dell’Università Sharif con le forze del regime, gli studenti di tutto l’Iran hanno tenuto proteste in loro sostegno contro il regime clericale criminale e lo hanno sfidato. L’unità e la continua lotta di studenti coraggiosi è la chiave della vittoria – ha aggiunto.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI)

3 ottobre 2022

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,872FollowersFollow