sabato, Dicembre 3, 2022
HomeComunicati StampaResistenza IranianaIran: Manifestazioni, scontri con le forze del regime continuano a Teheran e...

Iran: Manifestazioni, scontri con le forze del regime continuano a Teheran e in altre città nella 25esima notte di proteste

Proteste in Iran – N. 47
Lunedì 10 ottobre, nella 25esima notte della rivolta, Teheran e altre città come Sanandaj, Saqqez, Yazdanshahr, Isfahan, Kazeroon, Shiraz, Mashhad, Hamedan, Rasht, Karaj, Varamin, Fuladshahr, Marivan, Baneh, Hamedan e Marvdasht sono state teatro di manifestazioni notturne e di scontri con le forze di sicurezza durante i quali la popolazione scandiva “Morte a Khamenei” e “Morte al dittatore”.
A Teheran, cori di “morte al dittatore” sono risuonati dai tetti di varie zone, tra cui Zargandeh, Saadat Abad, Geisha, Zafar e Shariati. Ci sono state manifestazioni e scontri con le forze di sicurezza nel sud di Vali-e Asr, il 18° distretto di Teheran.
A Sanandaj, nonostante la brutale e sanguinosa repressione di domenica notte, i residenti hanno bloccato alcune strade bruciando pneumatici e picchiando diversi agenti del regime. Il suono degli spari si è sentito da diverse parti della città per diverse ore. A causa del gran numero di detenuti, tutte le carceri sono piene e i detenuti sono stati portati in un magazzino alla fine di via Kar-Amoozi.

Diverse zone di Mashhad, tra cui Hashemiya, Jalal Al Ahmad, Vakil Abad e Mellat Park, sono state teatro di manifestazioni e scontri tra giovani e forze di sicurezza. A Kermanshah, i giovani hanno preso il controllo di alcune strade appiccando incendi. I giovani di Marvdasht hanno abbattuto un grande poster di Qassem Soleimani. A Shiraz, i giovani sono riusciti a liberare un uomo che era stato arrestato e successivamente picchiato dalle forze di sicurezza. A Roudehen, dai tetti si sentiva il grido “Morte al dittatore”.
Lunedì scorso, gli studenti di diverse università, tra cui Amir Kabir, Teheran, Sohanak a Teheran, Allameh, Arak, Babol, Qazvin e l’Università tecnica di Rasht, hanno dato vita a diverse manifestazioni. Ad Amir Kabir hanno cantato: “Non abbiamo più paura dei carri armati e delle mitragliatrici, dite a mia madre che non ha più una figlia”.
Gli studenti delle scuole superiori hanno tenuto manifestazioni a Teheran e in molte altre città, tra cui Isfahan, Malayer, Miandoab, Kamyaran e Baneh, cantando “Morte a Khamenei”, “Morte al dittatore”, “Che sia condannato per i crimini, morte alla Guida Suprema (Khamenei)” e “Sciopero degli insegnanti dignitosi, sciopero”. In molte scuole superiori, gli studenti hanno strappato le immagini di Khomeini e Khamenei nei loro libri e vi hanno fatto sopra delle scritte di protesta.
L’agenzia di stampa statale Mehr ha riferito l’11 ottobre che per “questioni di sicurezza” e “per evitare ingorghi”, la municipalità di Teheran “ha rimosso i contenitori per la spazzatura, ma sfortunatamente non ha offerto una soluzione su come raccogliere i rifiuti” e “molti rifiuti sono stati dispersi in giro per la città”, “il che ha creato caos in città”.

Il 10 ottobre, l’agenzia di stampa Mehr ha citato anche il Gen. Qassem Rezaei, vicecomandante delle Forze di Sicurezza dello Stato, che ha dichiarato: “Più di 2.000 nostri colleghi sono stati feriti da pietre, bastoni e colpi di arma da fuoco e alcuni membri delle Forze di Sicurezza dello Stato, dei Basij e delle Guardie Rivoluzionarie sono stati martirizzati”.
Citando Seyyed Majid Mirahmadi, vice responsabile della sicurezza e dell’applicazione della legge del Ministero degli Interni, il quotidiano statale Entekhab ha scritto il 10 ottobre: “178 banche sono state vandalizzate e bruciate, 35 edifici governativi sono stati danneggiati e distrutti”.
Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
11 ottobre 2022

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,407FollowersFollow