domenica, Novembre 27, 2022
HomeComunicati StampaX-NCRI PresidentIran: nonostante le ripetute smentite da parte dei funzionari del regime, i...

Iran: nonostante le ripetute smentite da parte dei funzionari del regime, i documenti dell’Organizzazione Nazionale dell’Emergenza mostrano che un paziente infetto da virus è stato trasferito dall’ospedale Yaftabad dell’aeroporto il 25 gennaio

Il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana – Commissione per la Sicurezza e l’Antiterrorismo

Un’altra paziente era una caposquadra di passeggeri cinesi
Senza dubbio, il regime era a conoscenza di casi di Coronavirus in Iran alla fine di gennaio, poiché diversi ospedali erano stati incaricati di curare i pazienti
Censura e mancanza di trasparenza, fattore chiave nell’improvvisa diffusione del virus in Iran e in altri Paesi e causa di innumerevoli vittime
Khamenei, Rouhani e altri dirigenti devono essere processati in un tribunale internazionale per crimini contro l’umanità

I documenti dell’Organizzazione Nazionale per l’Emergenza ottenuti dall’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo chiariscono che il Coronavirus è stato trasmesso direttamente dalla Cina a Qom e a Teheran. A fine gennaio, diversi individui infetti erano stati identificati a Teheran e il regime aveva assegnato ad alcuni ospedali come Massih Daneshvar, Yaftabad e Khomeini il trattamento di questi pazienti. Le autorità hanno fatto tutto ciò che potevano per impedire la fuga di informazioni su questi casi.
Nascondere le informazioni è stata la causa principale dell’improvvisa e rapida diffusione del virus in Iran e successivamente nei Paesi della regione e della perdita di un numero enorme di vittime in Iran. Il dottor Adham Esmail, rappresentante dell’OMS in Iraq, ha dichiarato il 30 marzo: “L’Iran ha diffuso questa malattia contagiosa in 17 Paesi. L’Iran è la causa di questa malattia contagiosa in 17 Paesi”. (TV Al-Iraqiya, 30 marzo)
La censura del regime sul Coronavirus è una chiara violazione dei regolamenti dell’OMS, in particolare la risoluzione adottata dalla sua Assemblea Generale nel 2005. L’articolo 6 della risoluzione, che vale anche per il regime, afferma: “Ciascuno Stato Parte deve valutare eventi che si verificano nel suo territorio utilizzando lo strumento decisionale di cui all’allegato 2. Ciascuno Stato Parte notificherà all’OMS, mediante i mezzi di comunicazione più efficienti disponibili, tramite il punto focale nazionale IHR, e entro 24 ore dalla valutazione delle informazioni di sanità pubblica, tutti gli eventi che possono costituire un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale nel suo territorio in conformità con lo strumento decisionale, nonché qualsiasi misura sanitaria attuata in risposta a tali eventi. Se la notifica ricevuta dall’OMS implica la competenza dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA), l’OMS ne informerà immediatamente l’AIEA”.
Khamenei, Rouhani e altri dirigenti devono essere processati in un tribunale internazionale per crimini contro l’umanità.
Il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
Commissione per la Sicurezza e l’Antiterrorismo
3 aprile 2020

Di seguito sono disponibili la traduzione e i documenti.
Questi due nuovi documenti sono Rapporti di Missione emessi dall’Organizzazione Nazionale per l’Emergenza – Provincia di Teheran, Servizi di emergenza.
Sono chiamati “Moduli per la Relazione sulla Protezione di Emergenza 115”. Portano l’emblema del Ministero della Salute – Cure Mediche e Formazione – Centro per la Gestione degli Incidenti Medici e delle Emergenze del Paese.

Documento Numero 1:
Organizzazione Nazionale per l’Emergenza
Data della Missione: 25 gennaio 2020 Numero di serie del file: X7106615
Numero di codice dell’ambulanza: 3403 Nome e cognome del paziente: Najibuddin Abdul Rahman Nazionalità: non iraniana Sesso: maschio Età: 37 Data: 25 gennaio 2020. Indirizzo: Aeroporto Imam Khomeini
Arrivo al centro di cura: 08:17:14 Consegna al centro di cura: 09:32:08 Codice per tecnico principale: 330129 Codice per tecnico n. 1: 310141
Posizione: Amministrativo (ufficio) VS – Consulto verificato – Diagnosi data – Fatta campionatura di sangue – Fatto ossigeno – Stabilizzazione testa & collo: controllata – Nome del centro medico: Shohadaye Yaftabad – Descrizione e note: “Era sospettato di infezione da Coronavirus, un’iniziale valutazione a.b.c. è stata fatta. 02 è stato fatto, ricovero e coordinazione con 800 fatti, e secondo le istruzioni del dottor Motamedi, il paziente è stato trasferito in ospedale. È opportuno notare che il paziente è stato trasferito in ospedale in base alla diagnosi del medico alla frontiera e dopo aver ricevuto il foglio di rapporto da lui.”

Documento Numero 2:
Organizzazione Nazionale per l’Emergenza
Data della Missione: 31 gennaio 2020 Numero di serie del file: X7152780 Numero di codice dell’ambulanza: 3183 Nome e cognome del paziente: Mona Jaame-Bozorgi Nazionalità: iraniana Sesso: femmina Età: 31 Data: 31 gennaio 2020. Indirizzo: Aeroporto Imam
Arrivo al centro di cura: 20:11:08 Consegna al centro di cura: Codice per tecnico principale: 110035 Codice per tecnico n. 1: 310031
Luogo: Amministrativo (ufficio) VS – Consultazione – Diagnosi data – Visita fatta: fatta campionatura di sangue – Ossigeno fatto – Dato
Nome del centro medico: Ospedale Shohadaye Yaftabad
“Primo soccorritore: il 31 gennaio 2020, Mona Jaame-Bozorgi, 31 anni, è stata portata in emergenza all’aeroporto Imam Khomeini e da lì, a causa dell’infezione da Coronavirus, è stata trasferita all’ospedale Yaftabad. Era la capogruppo dei passeggeri cinesi che erano stati in contatto con loro per dieci giorni. Aveva come sintomi fiato corto, debolezza e tosse. Dopo essere stata visitata dalla dott.ssa Forouzan e dopo aver ricevuto il consulto, è stata trasferita in ospedale per l’infezione da Coronavirus e per il trattamento di follow-up.”

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,369FollowersFollow