domenica, Settembre 25, 2022
HomeComunicati StampaDiritti UmaniIran: 25 esecuzioni in 8 giorni

Iran: 25 esecuzioni in 8 giorni

Photo of gallows

Il regime annuncia amputazioni di mani e più esecuzioni

Il regime iraniano prosegue con le esecuzioni criminali per creare terrore e intimidazione in una società sempre più pronta a ribellarsi. I rappresentanti della Giustizia hanno condannato a morte 25 prigionieri in soli 8 giorni (dal 6 al 13 luglio) con un nuovo atto criminale. Due prigionieri del carcere centrale di Karaj, due prigionieri del carcere di Isfahan Dastgerd e quattro prigionieri del carcere centrale di Ilam sono stati mandati al patibolo il 13 luglio.

Il 12 luglio, un prigioniero è stato impiccato nella prigione di Sari e un giovane è stato impiccato a Mashhad per aver ucciso un ufficiale dei servizi segreti responsabile di crimini contro il popolo. Un detenuto è stato impiccato a Borujerd l’11 luglio; un altro prigioniero è stato impiccato a Tabriz nella stessa settimana. Due prigionieri sono stati giustiziati nel carcere di Qom il 9 luglio, un prigioniero nel carcere di Zahedan e un prigioniero nel carcere di Nasrabad, Zabul, sono stati impiccati il 7 luglio.

Sei prigionieri sono stati impiccati nella prigione di Gorgan il 6 luglio: uno a Sari, uno a Shiraz e uno a Gachsaran.

In precedenza, un detenuto di 65 anni è stato impiccato ad Ahvaz il 3 luglio, dopo 10 anni di detenzione. Un detenuto è stato impiccato nel carcere di Zabul il 2 luglio, dopo 6 anni di detenzione. Un altro detenuto è stato giustiziato nel carcere di Jolfa dopo 13 anni di detenzione.

L’aumento della violenza sui detenuti ha provocato un aumento dei tentativi di suicidio tra di loro. Giovedì 14 luglio, due fratelli detenuti hanno tentato il suicidio nel carcere di Hamadan, uno dei quali è poi morto. Un prigioniero condannato a morte si è suicidato ed è morto nelle celle di isolamento della prigione di Ghazal Hesar il 9 luglio.

Nel frattempo, lo scorso 14 luglio il procuratore del Khorasan Razavi, il mullah Mohammad Hossein Darudi, ha annunciato sul sito web statale Hamshahri Online “azioni giudiziarie decisive” e ha affermato che, a prescindere dalla condanna straniera delle violazioni del regime dei diritti umani di coloro che ha definito “ladri”, “voteremo per l’amputazione delle mani e persino per l’esecuzione”. Questo mentre gli alti funzionari in posizioni chiave del regime, sostenuti dai leader del regime, rimangono i maggiori responsabili dei continui saccheggi a danno dell’intero popolo iraniano. Il quotidiano statale Setareh Sobh ha scritto il 25 giugno: “Secondo il rapporto del Centro statistico iraniano e i rapporti della magistratura, i furti e l’inflazione nel Paese sono quadruplicati negli ultimi cinque anni! … L’Iran è uno dei 10 Paesi al mondo con il più alto tasso di inflazione e uno degli otto Paesi al mondo con il più alto tasso di povertà”.

La Resistenza iraniana chiede alla comunità internazionale di intervenire immediatamente per salvare le vite di migliaia di prigionieri nel braccio della morte in Iran e fermare le sentenze criminali di amputazione, di sottoporre al Consiglio di Sicurezza il dossier della brutale e sistematica violazione dei diritti umani in Iran e di consegnare alla giustizia i leader del regime clericale per quattro decenni di crimini contro l’umanità e genocidio.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (NCRI)

17 luglio 2022

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,629FollowersFollow
38,982FollowersFollow