mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeSenza categoriaPresenza dei capi della guardia rivoluzionaria iraniana nei pressi del campo di...

Presenza dei capi della guardia rivoluzionaria iraniana nei pressi del campo di Ashraf per identificare i residenti di Ashraf e pianificare il loro omicidio

Il regime clericale e la forza terroristica Qods praticamente hanno preso il controllo della governance dell’area Ashraf

Occupazione militari di Campo Ashraf – n. 184

 CNRI – Il Generale di brigata Hossein Hamedani, uno dei capi criminali della Guardia Rivoluzionaria iraniana (IRGC), ha riconosciuto di essere andato personalmente alla zona di Ashraf per l’identificazione e la preparazione di un attacco contro Ashraf. Durante un’intervista il 22 dicembre 2011 con Quds, l’agenzia di stampa dei Pasdaran, Hamedani ha imbastito un mucchio di bugie volgari e ha dichiarato: «il MEK ( Mojahedin del Popolo ) è intrappolato a Campo Ashraf, disperato e profugo … e pronto per qualsiasi reato per poter sopravvivere … coloro che sono pentiti non poteva venire fuori dal campo a causa dei fili spinati, campi minati e burroni. »Poi ha ammesso:« Ho visto in questi me stesso. »
Il riconoscimento esplicito di questa guardia mostra chiaramente che è il regime clericale e la forza terrorista Qods che progettano gli attacchi per mandare al macello residenti di Ashraf. Nelle scorse settimane e mesi, un gran numero di ufficiali della forza Quds stavano pattugliando e cercando di individuare l’area.
Allo stesso tempo, 400 agenti del Ministero dell’Intelligence del regime iraniano sono stati dispiegati in certo complesso edilizio nella parte nord del campo di Ashraf. Questi edifici sono stati occupati dalle forze irachene dopo l’attacco dell’aprile 2011. Pertanto, il regime dei mullah e la sua forza terroristica Quds praticamente comandano nella zona di Ashraf.
Prima del massacro dei residenti di Ashraf l’8 aprile 2011, i comandanti della forza terroristica Qods insieme con gli ufficiali dell’intelligence dell’esercito iracheno nelle scure macchine di pattuglia avevano cominciato a pattugliare e individuare diverse aree di Ashraf. Erano presenti e hanno partecipato all’attacco e all’omicidio dell’8 aprile, e sulla scena parlavano persiano.
Il generale di brigata Hamedani che è stato nominato comandante delle Guardie rivoluzionarie di Teheran nel 2009, è stata collocato nella lista delle sanzioni della UE lo scorso aprile. Gli è stato vietato di recarsi nei paesi europei e i suoi beni sono stati bloccati da parte dell’UE. Ha un ruolo criminale nella repressione dei moti del 2009 e del 2010.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
23 dicembre 2011
 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,408FollowersFollow